Vai al contenuto

DocMikeB

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    25
  • Registrato

  • Ultima Visita

Info su DocMikeB

  • Rango
    Matricola

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

1911 lo hanno visualizzato
  1. DocMikeB

    Amazon acquisisce Thinkbox Software

    Quando un colosso come Amazon compra una software house il timore è che, a prescindere dalle rassicurazioni formali, ad un certo punto (più prima che poi) lo sviluppo del prodotto si interrompa. Speriamo bene.
  2. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    emilierollandin Questo è un sondaggio relativo all'uso dei diversi software, con un grafico a "torta" che mostra le percentuali (ma si tratta di programmi CAD, è stato condotto su un campione di utenti limitato, circa 300, e non è nuovissimo... risale al 2015) http://blog.cnccookbook.com/2015/01/20/results-2015-cad-survey/ comunque può dare una idea dei trend... Questo invece è relativo all'uso di software di modellazione 3D, ma nell'ambito della creazione di modelli destinati alla stampa 3d https://i.materialise.com/blog/top-25-most-popular-3d-modeling-design-software-for-3d-printing/
  3. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    Infatti! La diversificazione può essere un elemento di forza per una azienda. Non sono pratico di Unity ma Unreal Engine è gratuito per chi lo utilizza senza fini di lucro, per hobby o in ambito accademico (lo usiamo spesso in facoltà). E così si crea una bella base di utenti. Epic chiede soltanto una ragionevole royalty (del 5%, ma scatta solo quando i guadagni superano i 3000 dollari per trimestre) sui giochi commerciali creati. Buon fine settimana! Adesso anche io stacco per un po', vado a fare una passeggiata e a godermi la vista di qualche albero vero (non renderizzato).
  4. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    Grazie, MatEvil. Sì, sono andato subito a vedere il link di Houdini che hai postato e sono rimasto favorevolmente colpito dall'ampia gamma di offerte, concepite per esigenze diverse. Anche VUE (un software "specifico" perchè è ottimizzato per la creazione di paesaggi e non ha degli strumenti di modellazione avanzata ma è il primo esempio che mi viene in mente) segue una filosofia simile e diversifica l'offerta in varie fasce di livello. Da quella gratuita della versione pioneer, ovviamente con funzioni assai più limitate, a quelle alla portata degli hobbisti come Esprit e Studio, a quelle già professionali come la Complete (599 dollari) fino al prodotto di punta xStream che costa circa 1700 dollari. http://www.e-onsoftware.com/products/chart.php (non allego il link per scopo pubblicitario... solo per documentazione) Anche i plugins aggiuntivi seguono una logica di modularità e crescita graduale, per certi aspetti simile a quella a cui faceva riferimento BeaZtiE parlando della "giovinezza" di 3dstudio, negli anni 90, quando erano disponibili moduli e plugins chiamati IPAS a prezzi più o meno modici.
  5. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    L'Autodesk cerca di presentare come vantaggioso il modello "smetto di usarlo/smetto di pagare" ma questo è soggettivo, ovvero dipende molto dalle abitudini e necessità individuali. Certo, se nel corso di un anno si fanno delle pause di una certa lunghezza (mesi) dalla modellazione, un modello pay-per-use può anche essere conveniente, sempre a patto che i prezzi del noleggio siano ragionevoli. Se invece si utilizza il software quasi quotidianamente, sia per lavoro, che per hobby, il vantaggio economico svanisce. Per curiosità ho fatto un conteggio di quanti giorni stato senza aprire 3ds max nell'ultimo anno; la pausa più lunga è stata di 5 giorni ad agosto 2016, seguita da una pausa di 3-4 giorni a gennaio 2017, quando ho avuto una brutta influenza. Magari non sono stato sempre produttivo al massimo... qualche sabato sera mi sono limitato a realizzare il modello di un tavolino o di una ruota o della maniglia di una porta, oppure ho solo settato qualche materiale nell'editor e aggiunto qualche texture, ma comunque non ho mai lasciato inattivo il software per lunghi periodi. Più in generale, ribadendo in parte quanto ho già scritto, resto dell'opinione che l'offerta dovrebbe essere più variegata e venire incontro ad esigenze diverse. Benissimo se una compagnia introduce ANCHE licenze a noleggio. Male se riduce a zero le opzioni alternative e abolisce le licenze permanenti. Un modello unico e privo di flessibilità è un grosso passo indietro, almeno dal punto di vista della libertà del cliente/utente. Comunque dal punto di vista legale non possono dichiarare non valide le licenze permanenti che esistono (ci sarebbero cause e class actions a non finire e perderebbero perchè costituirebbe violazione di un contratto), nè obbligare al passaggio al modello rental... al massimo tra 2 o 3 anni smetteranno di assicurare aggiornamenti per chi è sotto maintenance. Magari utilizzando un escamotage, per esempio lanciando nel 2020 un prodotto che non è più il "vecchio" 3ds max ma una sorta di erede... con una interfaccia simile, funzioni simili ma con un nome e magari un formato di salvataggio diversi. Potrebbe essere l'occasione per snellire il codice e correggere parecchi bugs. Ovviamente queste sono solo speculazioni. Per concludere posto qui un link al post - molto critico ma ben argomentato - di Bertrand Benoit, che in questi giorni sta circolando su vari forum. Forse molti di voi lo hanno già letto, ma credo sia un utile spunto di riflessione. http://bertrand-benoit.com/blog/to-rent-or-not-to-rent/
  6. DocMikeB

    Autodesk Official Show Reel 2017

    Sì, molto bello. Soprattutto le scene con le città viste dall'alto e i grattacieli.
  7. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    BeaZtiE Mi ricordo bene Plasma e Gmax, specialmente il secondo. La Discreet lo distribuì gratuitamente nei primi anni Duemila. Bei tempi! Nel 2005 abbandonò il progetto, ma l'ultima versione rilasciata, la 1.2, si può ancora scaricare e attivare legalmente su Turbosquid. In pratica era una versione "light" di 3dsmax (corrispondeva all'incirca alla versione 4). Nelle intenzioni della Discreet era destinata alla creazione di contenuti e modelli per videogames e infatti era usata soprattutto dai modders. Aveva la stessa interfaccia del "fratello maggiore" 3dsmax e conteneva la maggior parte degli strumenti di modellazione, modifica e animazione ma poteva esportare in pochi formati e salvava le scene con una estensione diversa da .max. Però esistevano (ed esistono ancora) dei plugins legali e gratuiti sviluppati da terze parti che ampliavano notevolmente la gamma di formati di import/export.
  8. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    Grazie, Gabriele. In generale resto fedele a 3ds max ma quando ho un po'di tempo mi guardo sempre intorno. Per esempio qualche anno fa ho imparato ad usare Silo e di recente, più per curiosità che per necessità, Wings 3d, piccolo ma versatile modellatore. Entrambi hanno una interfaccia snella, essenziale ma piuttosto gradevole da usare. Il problema principale è che sono precario (all'università rinnovano il mio contratto di anno in anno... stessa sorte di tutti gli assegnisti di ricerca) e così le giornate sono molto piene e spesso - purtroppo - non riesco ad avere neppure il weekend libero. L'anno scorso comunque sono riuscito (notte tempo) ad imparare ad usare Unreal 4. Ma questa è una divagazione... off-topic. Tornando alla Autodesk e al tema principale della discussione, credo che se abbassasse almeno un po'i prezzi, potrebbe combattere più efficacemente la pirateria, La mia speranza è che questa "migrazione" forzata al modello rental-only incontri maggiore resistenza del previsto e che molti utenti di lungo corso si tengano la propria licenza perpetua ben stretta. Questo, unito ad un significativo calo dei profitti, FORSE potrebbe convincerli a rivedere le proprie strategie.
  9. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    Vorrei fare una precisazione, perchè forse sono stato frainteso. Io non sono contrario in assoluto all'esistenza di licenze rental o a tempo. Se hanno prezzi umani vanno benissimo come opzione alternativa a quelle perpetue, soprattutto per chi deve utilizzare il software solo per un certo periodo. Tra il 2008 e il 2014, prima come dottorando di ricerca e poi come assegnista, ho sempre utilizzato 3ds max con licenze educational. Mi oppongo ad un modello "RENTAL-ONLY" (come ho scritto nel post precedente), che non lascia scelta agli utenti e che è portato avanti dalle aziende (prima Adobe, adesso Autodesk) al solo scopo di avere il controllo completo. Credo che si dovrebbe sempre offrire ai clienti una maggiore varietà di opzioni, per venire incontro a diverse esigenze. One size fits all non può accontentare tutti. Ma del resto la stessa Autodesk, in un video del 2013 (non è preistoria... meno di 4 anni fa), ammetteva che le licenze perpetue erano più convenienti per gli utenti intenzionati ad usare il software regolarmente e per lungo tempo. E prometteva che non sarebbero mai state abolite. E abbiamo visto come è andata. Capisco che una azienda debba fare profitti e non beneficenza, ma esiste un limite oltre il quale l'eccessiva avidità non paga, come insegna l'antica favola della gallina dalle uova d'oro. Ragion per cui alla fine di questo triennio di transizione e aumenti mi terrò ben stretto il mio 3dsmax 2020 o 2021 senza data di scadenza, NON passerò alla rental e smetterò di contribuire ai loro profitti. 3dsmax rimarrà sempre il mio strumento di creazione principale e preferito, anche perchè l'ho usato per molti anni e ormai fa parte della mia vita... ma eventualmente lo integrerò con altri programmi. Per esempio vorrei imparare ad usare a livello professionale Zbrush, con il quale per ora non ho fatto molta pratica, soprattutto per mancanza di tempo. La Autodesk controlla una grossa fetta di mercato ma non ha il monopolio assoluto ed esistono valide alternative, sia commerciali che gratuite. Certo, se fossi più giovane (20-21 anni e non 37), se avessi più tempo libero e se iniziassi adesso a modellare in 3d, forse sceglierei Blender o qualche altro pacchetto poco costoso, ad esempio, come modellatore puro. Silo 3d. Comunque mi fa piacere che sui forum di Autodesk e in molte altre comunità ci siano reazioni e proteste. Gli utenti non devono sempre subire in silenzio queste scelte imposte dall'alto.
  10. DocMikeB

    Autodesk: titoli di coda per i piani maintenance?

    Questi aumenti punitivi NON mi spingeranno a barattare una faticosamente guadagnata licenza perpetua (pagata circa 4500 euro nel 2014... tre mesi di stipendi) con una offerta nettamente inferiore. Sono contrario, anche per principio, ai modelli rental-only. Voglio poter disporre del software senza scadenze. Voglio essere libero. Cosa farò? Pagherò per rinnovare la maintenance fino al 2019-2020, tollerando, sia pure a malincuore e controvoglia, questi ingiustificati aumenti. E poi mi terrò questa licenza permanente, valida finchè sarò vivo... e tanti saluti alla Autodesk. Da me non vedranno più un centesimo. Non sono la Pixar e non ho bisogno dell'ultimissima versione per creare buoni modelli e rendering. E poi devo dire che negli ultimi anni le nuove funzionalità aggiunte a 3dsmax sono state abbastanza poche. Quanto alla pirateria... mi sembra un pretesto più che una motivazione seria. Una mossa simile NON ridurrà il numero delle copie craccate. Anzi... sul lungo periodo c'è il rischio che molti utenti che hanno smesso di pagare la Autodesk inizino ad usare versioni piratate.
  11. DocMikeB

    Realizzare un transformer in 3dsmax

    Thread interessante. Il Transformer sta venendo bene... qualche aggiornamento?
  12. DocMikeB

    Aiuto creazione elicottero

    Dovresti creare una scena ed usare i blueprints come riferimenti nelle varie viste ortogonali (Top, Front, Right), come di solito si fa per modellare personaggi o altri oggetti complessi Questo può essere un buon punto di partenza http://www.helistart.com/heli-engineering-details.aspx?Id=80&UnitSystem=British dividilo in più parti con photoshop o un altro programma 2D e poi utilizza le immagini delle varie parti (lato, fronte, retro) nel programma 3D.
  13. DocMikeB

    3D Artist numero 1 in edicola!

    Grazie per il chiarimento. Anche io ho cercato il numero 2 a Pisa e Livorno nei giorni scorsi e non l'ho trovato. Pensavo che dipendesse dalla distribuzione... ma adesso pazienterò qualche altro giorno senza stressare i poveri edicolanti...
  14. DocMikeB

    Urban Pad

    In effetti, anche se mancano poche ore, le probabilità di raggiungere il numero minimo di preordini sono buone. La progress-bar è quasi completa... se aderiranno altre 3 o 4 persone il "quorum" sarà raggiunto e dovranno sbloccare le licenze. http://www.gamr7.com/init/urban_pad/special (quasi non credo a quello che ho scritto; e pensare che odio le catene di Sant'Antonio)
  15. DocMikeB

    Urban Pad

    Salve. Spero che questo post non sia considerato spam. La mia intenzione è solo quella di condividere una informazione utile, ma se va contro qualche regola del forum mi scuso per il disguido e sono pronto a cancellare il post. Questa mattina un mio amico americano mi ha informato (ahimè tardi, ma non TROPPO tardi) di una promozione in corso. Per un breve periodo, Urban Pad, un software di modellazione procedurale di edifici e dedicato alla creazione di città è in offerta a 29 dollari, invece che a 700. Ma l'offerta è vincolata. In pratica funziona così; se entro la sera del 2 ottobre (stasera) un numero sufficiente di persone prenoterà il programma, domani sbloccheranno le licenze di tutti quelli che lo hanno pre-ordinato. Altrimenti rimborseranno tutti. http://www.gamr7.com/init/urban_pad/special Con i tempi che corrono anche io sono molto diffidente prima di pagare. Ma il sito mi sembra affidabile... e ne parlavano anche su alcuni forum americani di computer grafica. http://www.3dsource.info/urban-pad-indie-license-for-29/ http://www.gamedev.net/topic/611291-the-urban-pad-shareit-special-procedural-buildingcity-modeler-for-29/ Io sto pensando di fare il pre-ordine. Se qualcuno è interessato, c'è tempo fino a stasera. http://www.gamr7.com/init/urban_pad/licensing (versione "Indie", la prima).
×