Vai al contenuto

philix

Moderatori
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    11954
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Days Won

    57

philix last won the day on January 6

philix had the most liked content!

11 che ti seguono

Info su philix

  • Rango
    Tredditanelnaso

Informazioni professionali

  • Impiego
    Libero Professionista (Freelancer)
  • Sito Web
    https://www.youtube.com/channel/UCuIoMp9dC7Uhb7Pj0G_jy6g

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

33742 lo hanno visualizzato
  1. philix

    Indesign

    prova a premere CTRL+ALT+H
  2. philix

    Help rhinoceros

    Stendi una serie di punti sulla mesh aiutandoti con l'osnap ONMESH trasformi l'insieme di punti in una point cloud Lanci l'analisi di deviazione tra nuvola di punti e la superficie che ti sei creato
  3. philix

    Modellazione muro in pietra

    Comunque sia, al di là delle scelte tecniche, quell'arco non apparirà mai realistico se non si effettua una doppia mappatura. Una riguardante la cornice e una riguardante la muratura vera e propria. Qualsiasi arco in muratura, nella parte della cornice arcuata, prevede le pietre/mattoni/conci disposti in maniera radiale rispetto all'andamento dell'arco, altrimenti il tutto non si terrebbe su. Dai uno sguardo a qualsiasi foto che ti sputa fuori google immagini a riguardo https://www.google.it/search?biw=1422&bih=942&tbm=isch&sa=1&ei=54kyXOykA82cafnrsvgO&q=arco+in+pietra&oq=arco+in+pietra&gs_l=img.3..0i19l9j0i5i30i19.149767.151270..151409...0.0..0.117.1063.13j1......1....1..gws-wiz-img.......0j35i39j0i67j0i30j0i24j0i8i30j0i5i30.O2XZ4Wk0VbE ti accorgerai che qualsiasi arco ha i conci disposti in maniera particolare. Pertanto ci si deve armare di photoshop, esportarsi la sagoma dell'arco e iniziare a disporre i conci sulla sagoma. In questi casi non c'è alcuna scorciatoia.
  4. philix

    Modellazione muro in pietra

    Oddio nn lo ricordo nemmeno io 😁 Dopo cerco tra quello che ho prodotto ma su quest'argomento sono poco preparato
  5. AutoCAD non ha mai restituito la somma delle aree di più polilinee selezionate (mica è Rhino che lo fa dalla prima versione?) Lo fa solo con i tratteggi o con le regioni unite con l'unione booleana.
  6. philix

    Esportare un OBJ con le texture "illuminate"

    In fase Di baking puoi scegliere se conservare il mapping preesistente o se generarne uno nuovo in automatico. Non so dirti tanto perché l'ultima volta che l'ho fatto è stato tre anni fa e sono arrugginito a riguardo
  7. philix

    Esportare un OBJ con le texture "illuminate"

    Il termine tecnico per quello che vuoi fare tu è texture baking se cerchi tutorial per vray e texture baking dovresti riuscire a trovare qualcosa che faccia al caso tuo
  8. philix

    aumentare il fotorealismo

    Niente, se sei convinta che siano i parametri del motore ad influenzare il fotorealismo anzichè la geometria, i materiali, le luci, la composizione dell'inquadratura, non c'è speranza. Per fare un'analogia culinaria: il tuo sugo esce male e ti chiedi e chiedi in giro se la pentola e i fornelli che stai utilizzando sono all'altezza mentre te ne freghi degli ingredienti (tipologia e qualità) che hai utilizzato per cucinare. Buon lavoro, io mi ejetto. PS l'unico parametro di rendering che va cambiato perchè forse può aiutarti ad uscire da quest'empasse è il color mapping HSV exponential che va messo su linear e tenuto lì tutta la vita.
  9. philix

    aumentare il fotorealismo

    Il fotorealismo lo raggiungi quando inizi ad essere realistico con tutto ciò che è presente in scena. Nella scena che ci hai mostrato mancano i punti luce (faretti, piantane, plafoniere etc.). Se quella scena fosse vera, non riusciresti mai ad illuminarla soltanto con quel lampadario lì in fondo, quel faretto incassato a destra e una fascia led incassata nel soffitto. Pertanto inizia a predisporre decentemente dei punti luce che risultino plausibili con l'ambiente e lo stile della stanza, aggiungi le relative luci e vedrai che il rendering inizierà ad avvicinarsi a qualcosa che assomiglia al reale.
  10. Certo tutto qua. Ogni service con macchine a controllo numerico ha CAM dedicati per le macchine. Ogni CAM interpreta e mastica in maniera differente i formati di file. Senza informazioni sul CAM utilizzato e sul file che hai (.CDR di partenza e .dxf esportato), c'è poco da consigliarti. Se il service a cui ti sei rivolto l'unica cosa che ti sa dire è ridisegnatelo in autocad, significant che tanta voglia di prendere il lavoro da te non ne ha, pertanto cercane un altro che sa gestire meglio i formati in arrivo e/o sa consigliarti meglio su come trasformare i dati che hai.
  11. ma quindi renderizzi in rhino? Se è così non so dirti, io ho sempre evitato di renderizzare in rhino.
  12. Uhm, quelli sembrano artefatti da smoothing groups, se è così vray c'entra poco. Seleziona la geometria che presenta gli artefatti, assegna un modificatore Smooth, metti la spunta a autosmooth e come threshold imposta un valore attorno a 60 (importante mai avvicinarsi o andare olre 90)
  13. philix

    "premi e trascina" su rhino6?

    Per l'individuazione di profili chiusi dato un set di curve c'è il comando _curveboolean Dopo vanno estruse con l'apposito comando. Non c'è un automatismo complesso come il premi e trascina, forse lo si potrebbe creare mediante macro maa non c'ho mai provato. Probabilmente ci proverò in questi giorni 🙂 per il passaggio da un viewport all'altro, quando hai un viewport massimizzato c'è ctrl+TAB
  14. philix

    dxf più pesanti di dwg

    Il dxf è un file testuale dove le entità vengono descritte in chiaro senza alcuna compressione. Il dwg invece è un file codificato, pertanto le entità memorizzate vengono descritte in maniera più ottimizzata con meno caratteri (una sorta di compressione)
×