Vai al contenuto

mcgyver

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    18
  • Registrato

  • Ultima Visita

  1. mcgyver

    interno galleria d'arte

    dovrei metterli più coerenti che dite?
  2. mcgyver

    interno galleria d'arte

    ah scusate nella foto rifletteva come uno specchio perchè avevo usato altre impostazioni ignorate questa considerazione
  3. mcgyver

    interno galleria d'arte

    Le luci le avevo messe come le avevi messe come dici tu, infatti la prima foto che ho postato era nettamente migliore delle altre 2, per le luci diciamo che mi posso arrangiare, il vetro ha queste impostazioni. Secondo me il materiale è un problema, se noti nella foto scura (in cui il vetro c'è) riflette praticamente come uno specchio. Che magari dipenda anche dal fatto che fuori uso solo il vraysky e non ho oggetti?
  4. mcgyver

    interno galleria d'arte

    allora i materiali sono tutti vray material, per i quadri ho messo delle immagini come mappe nel materiale e il resto per ora l'ho tenuto bianco, la GI l'ho tenuta con il preset di default "high", fuori effettivamente non c'è nulla se non i frangisole che sono vicini ai vetri. Ah come luci uso un vray sun con il suo cielo, poi c'è una ambient light perchè all'interno c'era poca luce. Per il vetro riflessione bianca, rifrazione bianca, diffuse bianco, spuntato affect shadow e ho usato l'indice di rifrazione del vetro. Vi allego le immagini solo vray sun con il vetro e senza il vetro
  5. mcgyver

    interno galleria d'arte

    era un nick come un altro non ho la presunzione di essere mcgyver Comunque la luce non entra boh!?
  6. mcgyver

    interno galleria d'arte

    Forse era meglio se taggavo il programma vero? Come si modificano i topic? Chiedo perdono per l'ignoranza
  7. mcgyver

    interno galleria d'arte

    Ciao a tutti, è il primo render di interni che tento. Allora, vi spiego, quella che vedete nell'immagine dovrebbe essere una galleria d'arte, uno di quei posti dove si fanno piccole mostre di artisti locali o altro. L'edificio è praticamente una teca di vetro rivestita però da fitti frangisole orizzontali e illuminata da uno shed sul tetto. Quindi dall'interno dovrei vedere (attraverso i vetri) sulle pareti una serie di righe orizzontali cioè i miei frangisole. Ecco il problema è questo, nonostante abbia impostato i parametri del vetro e spuntato anche affect shadow non vedo quel che c'è fuori. In più come si vede dall'immagine ho problemi di illuminazione interna visto che l'immagine è piena di puntini, segno di difficoltà a calcolare con l'irradiance map. Come luci ho un vray sun e una vray ambient all'interno (che mi sa che devo regolare) nell'intorno dell'edificio non ho oggetti ma almeno il vray sky dovrei vederlo no? Grazie Saluti a tutti
  8. scusate se rivango il topic però è saltato fuori questo dalla ricerca sul forum. Ok per fare le linee tratteggiate usare la spaziatura e la direzione vanno benissimo tuttavia vorrei ottenere l'effetto che si vede nell'immagine. Vedete che nell'angolo la traccia si piega? Che parametro devo impostare?
  9. mcgyver

    modello architettonico complesso

    Lo usi in ambito architettonico? come fai ad avere il controllo delle misure, ti faccio un esempio banale, in rhino o cad anche, se non ricordo una misura ci metto una quota, in 3ds come fai? tocca ricordarsi tutto a mente. Comunque tornando al mio modello meglio semplificarlo e lavorare con le mappe?
  10. mcgyver

    modello architettonico complesso

    Magari sbaglio io l'impressione che ho è quella, non è che lo conosca molto in fondo, penso di conoscere pochi comandi, poi è chiaro che ha molte altre funzioni
  11. mcgyver

    modello architettonico complesso

    Grazie dei consigli, in effetti gli elementi modulari li copio dopo che ho fatto un gruppo, ma viene comunque pesante la cosa. Per questo mi chiedevo se ho sbagliato approccio, perchè poi dovrò fare un render dall'alto ad una distanza di 100 m, ha ssenso modellare i frangisole? meglio lavorare di mappe? uso rhino perchè reputo che sia migliore per modellare architetture perchè si controllano meglio le misure, di fatto più o meno è un ibrido tra autocad e 3ds. io ho molte difficoltà a posizionare i componenti nelle posizioni esatte con 3ds, non so se concordate ma gli snap di 3ds fanno schifo o sbaglio... Modo non l'ho mai sentito, mi informo
  12. mcgyver

    modello architettonico complesso

    Ciao a tutti, non scrivo molto sul forum perchè quasi tutti i problemi li risolvo semplicemente leggendolo. Comunque ora ho un problema. Mi trovo a dover fare un rendering di un centro culturale complesso. La modellazione l'ho fatta con Rhino perchè mi trovo meglio nel gestire le misure, gli snap ecc... lo trovo più preciso di 3ds. Mentre renderizzo e basta con 3ds. Allora prima vorrei capire se faccio bene a usare questo metodo, so che molti architetti non usano 3ds per modellare, magari usano autocad però avevo notato che con modelli complessi ha qualche problema di grafica, zoommo e spariva il modello... va beh, Rhino mi ha risolto i problemi in questo senso. Tuttavia, secondo problema, anche con Rhino il modello si appesantisce notevolmente (200 Mb), non è che sto sbagliando l'approccio? Nelle immagini l'edificio principale non è altro che una teca di vetro oscurata da frangisole orizzontali, il tutto è modellato, cioè i frangisole, i solai i vetri ecc.. l'idea è quella di fare il render di una vista a volo d'uccello anche notturna mettendo le luci all'interno che facciano emergere le linee dei solai dietro una filigrana di frangisole. Non so come procedere, era meglio semplificare? al posto di modellare fare una sola superficie e lavorare con mappe d'opacità boh Grazie Saluti
  13. studio architettura, lo so che ci sono le uni per i layer, ci ho dato un'occhiata fugace e superficiale, funzionano? non passo a revit perchè non consente tutta la libertà di autocad
  14. Apro questa discussione per chiarirmi un pò le idee e migliorare la produttività col tradizionale autocad. Premetto che lo uso in ambito architettonico Una delle difficoltà che trovo col CAD è questa: allora, io inizio a progettare pareti, partizioni, iniziando a dettagliarle via via tecnologicamente, la parete inizia ad avere le sue stratigrafie funzionali, con i retini appropriati e via così, si può disegnare una casetta fin nel minimo particolare.... fin qui ottimo. Finchè non arriva la stampa: in genere mi trovo con questi vari e dettagliati disegni: piante, prospetti, sezioni. Voglio stampare per comunicare il mio progetto, le piante 1:100, i prospetti 1:100, 2 sezioni 1:100, una sezione 1:20, alcuni dettagli 1:5 o 1:2. Capirete che ogni scala avrà il suo livello di dettaglio e se rimane quello dei modelli elettronici, i disegni verranno stampati impaccati di linee una sopra l'altra. In genere io mi regolo di volta in volta, scremando i dettagli nelle scale più grandi eliminando linee superfle per la scala in questione e riducendo gli spessori delle linee. Chi usa revit sa che con questo software il problema è risolto automaticamente. Questo porta via abbastanza tempo ed è fatto con una certa discrezionalità e casualità percò è rischioso anche per la qualità degli elaborati grafici stessi. Come la risolvete la questione voi? La questione penso possa essere estesa anche a chi usa grafica 3d (anche se non mi pare il caso in questo topic), cioè fino a che punto vi spingete nella modellazione dei dettagli sapendo che magari il render deve essere stampato su un A4? Seconda questione come raggruppate i layer voi? io divido i retini, che in genere li voglio stampati a colori dalle linee, quasi sempre nere e li nomino non dal punto di vista grafico (es: linee sottili, linee tratteggiate, contorni...) ma come appartenenti ad elementi tecnologici (es: trave, profilo a C, montante...). La gestione dei layer in questo modo di solito funziona ma associata al suddetto problema delle scale di riduzione a volte fa tilt (es:layer parapetto, però il parapetto in un punto è sezionato, spessore grosso in un altro no e deve risultare sullo sfondo, spessore sottile=due layer dello stesso elemento dello stesso disegno solo per avere due spessori diversi di linea) Quando devo stampare assegno da layer gli spessori, congelo i layer dei retini, imposto colore da blocco al resto dei layer, scongelo i retini e stampo (non uso ctb perchè in progetti complessi è laborioso). Spero di essermi espresso quanto più chiaramente possibile Grazie fin d'ora a chi avrà pazienza e tempo per rispondermi Saluti
  15. mcgyver

    Piccola Introduzione

    per fortuna si fa pagare poco 198 euro per 30 ore di 3d studio a fini architettonici, lo so che avete ragione, vi dirò di più, la comica è che usano 3d studio 5 in italiano però ci fa importare i file cad da autocad 2004 in inglese, paradossale!! E' anche vero che finchè si parla di extrude tutto è semplice però che mi dite di skew cioè inclina? mi sa che comunque lo imparerò in ingese con qualche sforzo in più
×