Jump to content

Thomas Salzburger

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Content Count

    118
  • Joined

  • Last visited

About Thomas Salzburger

  • Rank
    Treddista

Professional Info

  • Employment
    Impiegato (Employee)
  • Sito Web
    http://thomas-salzburger.treddi.com/

Recent Profile Visitors

3,309 profile views
  1. thumb
    Ciao Ferruccio, dopo svariati tentativi ho proceduto nel seguente modo: All'interno della famiglia del cartiglio che avevo precedentemente creato dal pannello "gestisci" ho creato un nuovo parametro a cui ho dato il nome "Titolo_DE"; disciplina: comune; tipo parametro: Testo multilinea Poi ho creato un testo etichetta a cui ho assegnato il parametro "Titolo_DE" Dopo aver salvato, ho caricato il cartiglio nel mio progetto e inserito nella/e tavola/e. dal pannello "Gestisci" - "Parametri progetto" ho aggiunto il parametro condiviso "Titolo_DE" con le seguenti proprietà: Raggruppa parametro in: Testo istanza i valori possono variare in base all'istanza del gruppo Categoria: Tavole Il risultato ottenuto è che il titolo italiano viene preso automaticamente dal nome della tavola, mentre il titolo tedesco ha un suo campo dati compilabile dalle proprietà della tavola precisamente nel campo dati "Titolo_DE" sotto "Dati identità". Al momento sono soddisfatto del risultato, in futuro vorrei attingere questi dati da una tabella. Se qualcuno ha dei commenti o delle soluzioni alternative sono aperto a suggerimenti, grazie
  2. Buongiorno, Ho un quesito riguardo alla creazione di un cartiglio tipo da utilizzare in Azienda come modello. In verità lo ho già preparato e funziona correttamente quando viene caricato in un progetto, tuttavia il cartiglio deve essere necessariamente bilingue. Per la parte di testi ovviamente non è un problema, tuttavia non riesco a implementare il titolo della tavola con testo etichetta. Mi spiego meglio: Dovrei avere due testi etichetta del titolo della tavola, uno in italiano e uno in tedesco. Le domande sono le seguenti: è possibile? e se si come posso affrontare il problema? Grazie, cordiali saluti
  3. Sull' App desktop di Autodesk è diponibile l'update 2018.1 per 3ds Max 2018. Eseguito l'aggiornamento è possibile scaricare dall'account Autodesk nella sezione prodotti e servizi sotto download di 3ds max 2018 l'installazione di 3ds Max Interactive. Il pacchetto consistente in circa 2 GB è attivabile con lo stesso numero seriale di 3ds max 2018. 3ds Max interactive è basato su Autodesk Stingray, si tratta di un motore real time che offre strumenti per creare contenuti immersivi e virtuali (VR). Combinando così gli strumenti di modellazione 3D e di animazione di 3ds Max con nuovi strumenti per esperienze interattive. 3ds Max Ineractive mira a fornire flussi di lavoro semplici, efficienti e familiari per la creazione di contenuti accattivanti. Concepito in prevalenza per l'architettura, è in ogni caso possibile utilizzarlo per sviluppare giochi, environment o qualsiasi altra esperienza immersiva e interattiva. di seguito alcuni link di approfondimento: guida in linea Introduzione http://area.autodesk.com/blogs/the-3ds-max-blog/bruno-landry-talks-vr-in-3ds-max
  4. Thomas Salzburger

    Mental Ray per 3ds Max - Eppur si muove!

    Questa sembra una buona notizia. Aperto ieri 3ds max 2018 e non trovare MR è stato sconfortante. Arnold è ben altra cosa, tutti gli shader diversi, flusso di lavoro da ricostruire da zero. Quindi ben venga la possibilità di usare un nuovo MR e guadagnare tempo per valutare Arnold con tutta calma.
  5. Thomas Salzburger

    Mental Ray per 3ds Max - Eppur si muove!

    Di male in peggio, non vedo buone notizie. Anni di lavoro per poi dividere un software in due...Librerie di modelli costruite su Mental Ray e ora si deve pagare per avere un pezzo di software che prima era integrato. 3DS Max finirà molto male, verrà smembrato un po' alla volta...Autodesk sta facendo scelte sempre più impopolari, prima con la fine delle licenze perpetue e l'introduzione del noleggio (più costoso), i programmi stanno perdendo pezzi e stabilità, crash sempre più frequenti (mi riferisco a 3ds max 2017). Che dire...bisogna guardarsi intorno, e diventare più flessibili e adattarsi a studiare sempre e costantemente nuovi software, ma questo va a discapito di produttività e velocità. Sicuramente MR ci guadagnerà in prestigio da questa separazione, resta da vedere se riuscirà a competere con una concorrenza sempre più ampia.
  6. Thomas Salzburger

    Lumion 7.0

    Lumion 7 ha introdotto parecchie novità importanti, purtroppo ho potuto testarne solo alcune avendo la versione standard e non la PRO. La qualità dei modelli inseriti nella libreria e degli shader è in costante aumento. Effetti del tempo ottimi e interfaccia di gestione degli shader migliorata. Peccato che la versione standard non goda di almeno un paio di materiali Pure Glass. Realizzare Rendering statici e filmati ad alto impatto è divertimento puro. La propria creatività non è ostacolata procedimenti ostici e complessi. Purtroppo in termini di risorse hardware sta diventando molto esigente. Una Quadro K4000 è troppo stretta e per gestire una mole di dati considerevole ed è necessario attrezzarsi di una Titan X o una Geforce 980 Ti, decisamente più spinte delle rispettive Quadro.
  7. Molto Interessante. L'ho testato su una scena d'interno scarna e convertita velocemente per un test. Ho renderizzato a 1280x1024 (1000 render samples) con Quadro K4000. Il risultato non è lontanamente paragonabile al tutorial a causa del noise molto evidente, però si apprezza la semplicità di setup. Eseguirò altre prove.
  8. thumb
    Consolidamento e ampliamento gallerie sotto il piano stradale
  9. Per un miglior controllo dello zoom in 3DS Max è preferibile tenere premuto CTRL+ALT+rotellina del mouse e muovere il mouse avanti e indietro. Mentre per l'orbita intorno all'oggetto selezionato tieni premuto ALT+rotellina del mouse e muovi il mouse nelle quattro direzioni. Probabilmente usando la rotellina per lo zoom i parametri di focale della vista prospettica si sono compromessi e quando ti avvicini al modello subentra il Viewport clipping che taglia la geometria. Quando accade questo, basta creare un camera da 35 mm con target sull'oggetto che stai modellando e subito dopo premi "P" per passare al Prospettiva Con questi comandi hai pieno controllo sul modello che elabori.
  10. E' partita l'installazione in giapponese nonostante abbia selezionato l'inglese...vabbè riprovo...
  11. Thomas Salzburger

    V-Ray gratuito anche per un uso commerciale

    Bella questa! Poteva essere più credibile però. =D
  12. thumb
    Upgrade di uno scorcio della città con inserimento di elementi tridimensionali in una foto.
  13. thumb
    Proposta architettonica di una stazione ferroviaria
  14. thumb
    Rappresentazione delle fasi di demolizione di un ponte tenendo conto della sicurezza per gli operatori e il traffico veicolare. Modellazione della scena e rendering con 3DS Max Design 2014 e Mental Ray. Post produzione con Photoshop.
×
×
  • Create New...