Vai al contenuto

adb80

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    5
  • Registrato

  • Ultima Visita

Info su adb80

  • Rango
    Matricola

Informazioni professionali

  • Sito Web
    http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp
  1. adb80

    Proiezione Texture

    In questo esempio ho proiettato una immagine su una mesh attraverso una target spot (3d studio max 8). Mi chiedo e vi chiedo se sia possibile "imprimerla" sulla mesh insieme ad altre proiezioni creando così una mappa unica. Grazie ancora.
  2. adb80

    Proiezione Texture

    Salve a tutti. Ho lo stesso problemino di ipocentro... Ho una scansione laser ed alcune foto dell'oggetto. Ho ricostruito la mesh pulendola e tappando i buchi ed adesso dovrei mappare nel modo più preciso esistente. Ci vorrebbe un programmino che: - dalle immagini identifichi la focale; - come fosse una "torcia" si posizioni rispetto al 3d alla distanza giusta e con la focale giusta (camera matching??); - proietti sul 3d le informazioni di colore senza deformare l'immagine; - il 3d deve assorbire tutte le proiezioni e generare una mappa unica. Questo procedimento lo utilizzano molti laser scanner ma con l'acquisizione e la mosaicatura delle immagini (a bassa risoluzione e con riflessi di luce) prima del rilievo della nuvola di punti. Se tutto ciò si potesse fare in "automatico", ossia con dei target point sulle immagini corrispondenti a dei target point sul 3d sarebbe perfetto... Tanto tempo fa vidi un tutorial del genere ma commisi l'errore di non salvare il link (ai tempi non ne capivo l'utilità) ed adesso sto passando momenti d'inferno alla disperata ricerca di quel sistema. Vi supplico, accetto qualsiasi indicazione. Grazie mille.
  3. adb80

    Boujou To 3d Studio Max

    Ciao, credo tu debba vedere in che risoluzione sia fatto il filmato originale, tramite le proprietà del file o dall'explorer cliccando col destro accanto a "data ultima modifica", premi "altro" e selezioni "formato". Poi vai nella finestra di render nel max e setti alla stessa risoluzione il render. La telecamera aquisirà le proporzioni del video, e tutto dovrebbe funzionare. Speriamo bene, buon lavoro.
  4. adb80

    3d-glasses Effect (after Effects)

    La tecnica di riproduzione stereoscopica, benché fatta ricreando le condizioni visuali di entrambi gli occhi, è purtroppo anch'essa lontana dalla "verità" della vista naturale, persino utilizzando l'accorgimento di scattare le due foto da distanza oculare focalizzando con estrema precisione un punto comune. Così facendo si riesce a percepire la "verità" fintanto che i due occhi guardano quel punto, se lo si riesce ad identificare, perdendo efficacia in qualsiasi intorno. Se invece si scattano le due foto senza convergere i fuochi in un unico punto si dovrebbe porre tali fuochi alla medesima distanza oculare, con triettorie parallele. Così facendo bisognerebbe guardare l'immagine senza far convergere i fuochi oculari, cosa difficile ma non impossibile (ci si riesce benissimo quando si guarda lontanissimo, ad esempio in cielo), benché esista il problema di dover identificare stavolta due fuochi distinti e contemporaneamente. Esiste inoltre il problema del campo visuale, cioé la distanza degli occhi dall'immagine "bidimensionale" dello schermo o della stampa. La "verità" della visione stereoscopica risiede in un principio che le riproduzioni, per motivi di bidimensionalità e quindi incompatibilità di forma, non possono ricreare. Si pensi solo che un occhio riflette una immagine concava, ma due occhi riflettono una immagine concava alle estremità e convessa nei pressi del punto di fuoco. Una immagine stereoscopica "vera" quindi non può esser piatta poiché per natura è "ondulata. Con una banale prova si può verificare il fenomeno: guardando la punta del nostro naso con entrambi gli occhi ci si accorge di poter percepire due profondità. La vista nel punto di fuoco è convessa, e quindi avvolge un oggetto. E' come se per assurdo si potesse guardare contemporaneamente l'ombellico e la schiena di una persona che ci stà di fronte. Ed in effetti, quanto più avviciniamo uno spillo al naso, tanto più ne vedremmo gli intorni. Dunque per ricreare la "vera verità" ci sarebbe bisogno di un foglio che si deformi in base a dove lo si guarda, magari "informandolo" attraverso uno scanner oculare che identifichi ogni variazione dei punti di fuoco e la posizione di entrambi gli occhi rispetto ad esso e che dia l'informazione in tempi così rapidi da meritarsi il termine di "tempo reale". Forse un giorno con i processori quantici ed il materiale a memoria di forma si riuscirà in qualcosa di simile, ma credo che per adesso ci potremmo accontentare tutti di queste nostre belle approssimazioni grafiche.
  5. adb80

    Camera Da Letto....

    secondo me devi orientare la vray light in linea con la direct ed allontanarla di poco dalla bucatura. Le ombre generate dalla vray light sono in contrasto con quelle della direct...
×