Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Francesco La Trofa

Moderatori
  • Portfolio

    Portfolio
  • Content Count

    6,112
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    159

Francesco La Trofa last won the day on January 22

Francesco La Trofa had the most liked content!

About Francesco La Trofa

  • Rank
    treddizzofrenico

Professional Info

  • Employment
    Libero Professionista (Freelancer)
  • Sito Web
    http://www.treddi.com

Recent Profile Visitors

21,347 profile views
  1. Francesco La Trofa

    Autodesk rilascerà 3ds Max Indie in tutto il mondo?

    non è un pesce d'aprile. se ne parla in realtà da diverso tempo. a livello commerciale per autodesk non è una decisione semplice da prendere, a meno di non abbassare la soglia di fatturato nelle condizioni di licenza per l'italia. altrimenti vorrebbe dire regalarlo per almeno un anno alla maggior parte degli utenti, molti dei quali utilizzano una licenza rental.
  2. render engine davvero storico di cebas, poi caduto un po' nel dimenticatoio. Il fatto di averlo riscritto per supportare Optix 7 sicuramente lo rende molto interessante, almeno per capire se il suo attuale livello può essere comparabile a quello dei suoi celebri competitor. Purtroppo questo video mostra solo il confronto tra drop 4 e drop 3, oltre alla prevedibile netta differenza di performance con le nvidia RTX. ho visto che @Marco Lazzarini è nei credits, magari lui può dirci di piu in merito
  3. Finalmente si sono resi conto che il PBR è uno standard da cui non si può più prescindere, supportandolo a dovere in entrambe le modalità, a quanto pare.
  4. Treddi sarà partner dei Torino Digital Days, catalizzatore di eventi diffusi che si svolge nel capoluogo piemontese dal 11 al 15 febbraio. In particolare, Treddi propone il talk "il rendering fotorealistico per il marketing e la comunicazione", un'occasione per tracciare una panoramica sulle potenzialità e sulle applicazioni dei set fotografici virtuali nell'ambito della realizzazione di campagne adv, cataloghi di prodotto e più in generale nell'industria dell'immagine. Il talk sarà tenuto da Francesco La Trofa e Gabriele Simonetta (Truetopia), che introdurranno il tema della produzione digitale dei visual per il marketing, illustrando, step by step, un caso studio reale relativo ad un progetto di comunicazione di prodotto. Il talk si terrà presso la suggestiva cornice del Talent Garden torinese, mercoledi 12 febbraio alle ore 18:30. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione obbligatoria al link - https://digitaldays.it/evento/il-rendering-fotorealistico-per-il-marketing-e-la-comunicazione/ NOTA - attualmente le iscrizioni, gestite mediante la piattaforma eventbrite, hanno superato il limite previsto ma è possibile registrarsi e partecipare all'evento tramite la lista di attesa. Vi aspettiamo a Torino, per un momento di incontro tra studenti, professionisti ed appassionati della community di Treddi.
  5. La trasformazione digitale sta progressivamente interessando anche l'ambito fashion. Il Fashion Tech è sempre più 3D e lo dimostrano le crescenti applicazioni online e offline legate ai brand dell'abbigliamento e del mercato del lusso. Digitalizzare i tessuti comporta risolvere una serie di aspetti che vanno dal comportamento fisico del tessuto, indispensabile per ottenere un adeguato livello di realismo nelle pieghe, fino all'acquisizione dei campioni ad alta risoluzione, necessari per creare le texture da associare ai modelli 3D dei capi di abbigliamento. Per avere una panoramica su questi aspetti, suggeriamo la lettura dell'articolo: 3D Fashion: il realismo dei tessuti digitali che si focalizza su una delle prime esperienze realizzate da Protocube Reply per il configuratore 3D di Lanieri, che, oltre a supportare in modo fondamentale il successo di un'azienda che vende esclusivamente online, ha ricevuto molti premi e riconoscimenti in ambito e-commerce, tra cui il Netcomm Award. 3D STORIES è una collaborazione editoriale volontaria tra Treddi.com e Protocube Reply, finalizzata ad divulgare l'utilizzo delle tecnologie 3D in ambito enterprise
  6. Unreal Engine ha reso disponibile per il download una sample scene realizzata da Pasquale Scionti, artista italiano molto attivo sia nella produzione che nella divulgazione, facendo uso di molte tecnologie di rendering. La scena si focalizza principalmente nel presentare le potenzialità del ray tracing real time di Unreal Engine, con risultati per certi aspetti stupefacenti, a patto di possedere una scheda video RTX in grado di supportarla a dovere. In particolare, l'utilizzo della sample scene Interior consente di apprendere semplicemente quattro aspetti essenziali di un workflow archviz real time, in particolare: - Utilizzo dei materiali fisici (PBR) - Definizione di materiali personalizzati ed istanze dei materiali stessi - Utilizzo ed ottimizzazione delle tecniche di lighting dinamico con il ray tracing - Funzionamento dei vari settaggi in modalità ray tracing per i render finali in altissima qualità e per la visualizzazione interattiva delle scene. Prima di utilizzare la presente scena è consigliabile avere già una conoscenza almeno basilare del funzionamento dei materiali in Unreal Engine. Prima di addentarsi nell'impiego del Master Material è infatti opportuno conoscere bene le basi, dai settaggi, alla personalizzazione dei parametri, al modo in cui si istanziano i materiali e come si gestisce nel complesso ogni aspetto in una scena di progetto. Per conoscere le basi del ray tracing in Unreal Engine suggeriamo la lettura del seguente articolo, scritto dal veterano Pierre-Felix Breton - https://www.unrealengine.com/en-US/blog/real-time-ray-tracing-in-unreal-engine---part-2-architectural-visualization Per scaricare la scena è sufficiente selezionarla nella sezione learn del Epic Games Launcher
  7. Nemetschek, holding tedesca celebre per avere nel suo portfolio soluzioni come Allplan, Archicad (Graphisoft) e Cinema 4D (Maxon), sarebbe ormai prossima ad acquisire Red Giant, con cui è stato perfezionato un preaccordo ora al vaglio dei validatori finanziari. I dettagli dell'operazione non sono stati ovviamente ancora resi noti, ma dal punto di vista finanziario, più che di una vera e propria acquisizione, le parti in causa parlano di una fusione, che potrebbe dunque risolversi grazie ad una condivisione di quote societarie tra le società Maxon e Red Giant. Al di là dei dettagli finanziari, la notizia per i creativi è che Cinema 4D avrà il controllo diretto dei tool dedicati alla creazione di effetti di Red Giant, come Trapcode (particle system) e Magic Bullet (color correction). La notizia assume particolare rilievo nell'ottica di potenziare ulteriormente il già ottimo pacchetto di soluzioni dedicato alla motion graphics di cui Cinema 4D attualmente dispone. Nemetschek si conferma dunque una realtà molto ambiziosa nel potenziare le proprie company. Ricordiamo che, sempre nel corso del 2019, Maxon ha acquisito Redshift, uno dei principali motori di rendering sul mercato. Ulteriori dettagli relativi alla fusione di Maxon e Red Giant sono previste per l'inizio del 2020. Per ulteriori approfondimenti è possibile leggere il comunicato ufficiale rilasciato da Maxon e Red Giant.
  8. Dopo il gran colpo messo a segno aggiudicandosi la software house francese Allegorithmic e la flotta di soluzioni legate a Substance, Adobe ha potenziato il proprio arsenale creativo con una mossa che ha sorpreso molti: l'acquisizione di Oculus Medium, il software di sculpting 3D in realtà virtuale finora in forza all'ecosistema immersivo di Facebook. Perché la società di Zuckerberg ha deciso di disfarsi di un tool così innovativo, quando il trend attuale indica se mai un sentimento opposto, rivolto a cercare di acquisire più brevetti e tecnologie possibili? Evidentemente, Facebook / Oculus ritiene che simili soluzioni siano implementabili in condizioni differenti (ad esempio potenziando Quill, NdR) e preferisce concentrarsi su soluzioni più consumer / gaming oriented come l'annunciato Facebook Horizon, il nuovo sandbox atteso per il 2020 come possibile Second Life della VR. Il team di sviluppo di Medium passerà in blocco in forza ad Adobe, continuando a sviluppare il software, che rimarrà disponibile per l'acquisto presso lo store di Oculus, almeno in attesa di conoscere come Adobe deciderà di integrarlo nella propria suite, dove andrà a rinforzare l'offerta delle soluzioni creative 3D, che vede già attivo Adobe Dimension, precedentemente noto come Project Felix. Le reazioni ufficiali esprimono soddisfazione bilaterale. Sul fronte Adobe, Sebastien Deguy (che di acquisizioni se ne intende, essendo precedentemente in forza ad Allegorithmic, NdR): "Sono entusiasta di accogliere il favoloso team di Medium all'interno della famiglia di Adobe, la loro esperienza e la loro tecnologia sarà una grande aggiunta, perché noi puntiamo ad accelerare nettamente la nostra offerta 3D e immersiva". Quasi certamente Adobe non entrerà a gamba tesa con decisioni che rischierebbero di scontentare la community attiva del software, una sensazione confermata dallo stesso Deguy: "Diamo il benvenuto a questo nuovo mondo di talentuosi artisti, con grande entusiasmo e garantiremo loro la continuità, per mantenere le stesse condizioni e gli stessi strumenti di cui attualmente godono. Vogliamo inoltre lavorare con loro per far si che Medium possa continuare a crescere e migliorarsi". Non poteva mancare il nesso tra Medium e Substance, il software che Deguy conosce probabilmente meglio di chiunque altro nell'ambito dell'industria della computer grafica: "Quando eravamo in Allegorithmic abbiamo sempre guardato a Medium come qualcosa con cui avremmo voluto competere. Gli investimenti di Adobe nell'ambito del 3D e della VR ci consentono finalmente di unire le forze. I team di Substance e Medium sono pronti per lavorare insieme sulla prossima generazione dei nostri 3D tools". Formale ma deciso l'entusiamo in casa Medium, con una dichiarazione emessa a firma di un generico Medium Team, in cui emerge soprattutto un aspetto: "Ad oggi, Medium è utilizzato da sviluppatori di giochi AAA e indie, da sviluppatori VR, da concept artist per il cinema, da artisti VFX, dai makers e da tantissime altre figure professionali. Con il supporto di Adobe, Medium sarà in grado di aiutare ancora di più i creativi a dare forma in 3D alle loro idee". Secondo il team di Medium, non ci sono inoltre dubbi sul fatto che la forza di un software oggi dipenda sempre di più dal valore della propria community, intesa al di là dei numeri che condizionano il successo da un punto di vista strettamente commerciale: "La notizia coincide con il proseguimento della nostra missione di voler rivoluzionare la creazione dell'arte in 3D, e lo stiamo facendo grazie alla community di Medium, che non sarebbe ciò che è senza lo spirito pionieristico che anima gli artisti che lo utilizzano". Sul fronte Facebook non si annoverano invece particolari dichiarazioni.
  9. VIEW Conference ha annunciato i vincitori del VIEW Award 2019, vediamo nel dettaglio i risultati. VIEW Award per il Miglior cortometraggio “Facing It”, 30’ in tecnica mista claymation/live action, diretto da Sam Gainsborough, scritto con Louisa Wood per il Beaconsfield’s National Film and Television School (Gran Bretagna). Decisione assolutamente unanime quella di assegnare il View Award al film di Gainsborough, che racconta di come i rapporti con le persone ci plasmano - letteralmente come ondate di emozione che si formano e si riformano attraverso le fisionomie spesso surreali della plastilina di cui è composto il personaggio principale, Shaun. Sinossi: “Mentre aspetta i suoi genitori in un pub affollato, Shaun lotta coraggiosamente per unirsi alle persone apparentemente felici tra la folla, ma più ci prova, più viene respinto. Mentre tutto, all'interno del pub va di male in peggio, Shaun si trova di fronte i dolorosi ricordi che lo hanno reso ciò che è. I suoi sentimenti, i ricordi e i desideri lo sopraffanno e alla fine della serata è pronto a esplodere.” Elogiandone l'eccezionale tecnica di animazione utilizzata con successo per trasmettere emozioni. Premio della Giuria per la Storia “Trois Francs, Six Sous”, 6’30”in animazione 3D, diretto da Clémence Ottevaere, Florence Blain, Louise Leblond, Varoon Indalkar, Morgane Ladjel, eHugo Valdelièvre-Rattier quale corto di diploma alla Supinfocom Rubika School di Valenciennes, Francia (2019). I giurati hanno considerato questa storia, incentrata su un fattore durante la Seconda Guerra Mondiale, narrata in modo eccellente. elogiandone la regia. Premio della Giuria per la direzione artistica “Blieschow” corto animato di 10’ scritto e diretto da Cristop Sarow per la Filmakademie Baden- Württemberg (Germania). Nella storia, il ragazzo di città Tom visita la fattoria del nonno dove si trova in competizione con un cugino apparentemente più in gamba. La giuria ha trovato bellissimo il film, con una sofisticata palette cromatica e un design generale che si pone perfettamente al servizio della storia. Vincitore dell’Italian mix per il miglior corto “Red Hands” (Mani Rosse), corto di 30’ in tecnica mista stop motion / 2D ideato, animato e diretto da Francesco Filippi per Studio Mistral. Nella pellicola, prodotta da Sattva Films, la violenza domestica è sia fisica che psicologica, I due giovani protagonisti si muovono nel periglioso mondo degli adulti utilizzando le “armi” dell'immaginazione, del sogno, e dell’affinità spirituale. La Giuria Internazionale dei VIEW Award e Italian mix 2019 è stata composta da: Maria Elena Gutierrez, Direttrice VIEW Conference, Presidente di Giuria Carolyn Giardina, giornalista e Tech Editor di The Hollywood Reporter Danny Dimian, Vfx supervisor, premio Oscar per “Spider Man: un nuovo universo” Glenn Entis, Co-fondatore PDI Eric Darnell, Chief Creative Director e co-fondatore Baobab Studios, regista della saga cinematografica “Madagascar” Max Giovagnoli, coordinator School of Visual Arts, Cinema and New Media, Istituto Europeo di Design (IED Roma) Constantin Ionescu, Studente Cinema and Media Engineering, Politecnico di Torino.
  10. Ultimi preparativi in corso per i Digital Drawing Days 2019, che prenderanno il via venerdi 6 dicembre ad Arezzo. Tre giorni all'insegna del 3D per tutti i professionisti ed appassionati del settore, che potranno assistere ai talk di grandi esperti e provare con mano le più importanti novità hardware e software per il 3D. La partecipazione alla giornate di venerdi e sabato è assolutamente gratuita, previa registrazione obbligatoria al seguente link - http://digitaldd.org/come-partecipare/ Per approfondimenti sui Digital Drawing Days 2019: Digital Drawing Day 1 - venerdi 6 dicembre - https://www.treddi.com/cms/news/ddd-2019-i-grandi-talk-in-3d-venerdi-6-dicembre/4652/ Digital Drawing Day 2 - sabato 7 dicembre - https://www.treddi.com/cms/news/ddd-2019-i-grandi-talk-in-3d-sabato-7-dicembre/4660/ Digital Drawing Day 3 - domenica 8 dicembre - la masterclass di Dionysios Tsagkaropoulos - https://www.treddi.com/cms/news/ddd-2019-3ds-max-e-corona-con-dionyios-tsagkaropoulos/4666/ Chaos Group ai DDD 2019 - V-Ray e Lavina - https://www.treddi.com/cms/news/chaos-group-al-ddd-2019-v-ray-corona-e-lanteprima-lavina/4665/ Anteprima workstation 3DWS BTR R3 - AMD Threadripper 3 - https://www.treddi.com/cms/news/ddd-2019-anteprima-3dws-btr-r3-la-workstation-da-sogno-con-amd-tr3/4664/ A seguire alcuni tra i gadget che verranno consegnati ai partecipanti del DDD al momento del check-in, grazie alla collaborazione degli sponsor 3DWS, Chaos Group e Autodesk. _ I Digital Drawing Days 2019 sono organizzati da 3DWS in collaborazione con Chaos Group e Treddi.
  11. Ai Digital Drawing Days 2019 Al DDD, che si terrà dal 6 al 8 dicembre ad Arezzo, sarà come sempre possibile provare l'intera flotta delle workstation di 3DWS, risultato della ricerca e della progettazione di Dimitar Dinev. Il fiore all'occhiello sarà senza dubbio caratterizzato dall'anteprima assoluta della 3DWS BTR R3, la linea di workstation basata su processori AMD Threadripper di terza generazione. Il catalogo workstation 3DWS offre modelli basati sui processori AMD Ryzen Threadripper e AMD Ryzen 9 pro (credit: 3DWS) L'anteprima che tutti i partecipanti al DDD potranno vedere e toccare con mano è resa possibile grazie alla collaborazione esclusiva con partner del calibro di AMD e ASUS. La 3DWS BTR R3 vedrà in catalogo due differenti modelli, basati sui rispettivi processori a 24 e 32 core (in attesa delle ulteriori evoluzioni, che vedranno rispettivamente ben 48 e 64 core!). I test dettagliati verranno pubblicati dopo i Digital Drawing Days, in quanto non sarà possibile divulgare prima i risultati ottenuti in laboratorio, ma dalle prime anticipazioni la terza generazione di è dimostrata anche il 15% più veloce rispetto a quella che l'ha immediatamente preceduta (a fronte di un maggior consumo energetico). Tra le tante novità previste sulle 3DWS BTR R3 non vi sono soltanto le CPU, ma anche nuove schede madri ed un sistema di raffreddamento interamente rinnovato, per ottimizzare ulteriormente le prestazioni e la stabilità delle workstation, progettate come sempre per durare molti anni in condizioni di utilizzo 24/7. Un altro dettaglio molto importante emerso dai test è la maggior capacità dei nuovi Ryzen TR3 di struttare la GPU, con performance in viewport migliori fino al 30% (prove effettuate su Rhino, Maya, 3ds MAx e Cinema 4D, con confronto TR2 e TR3 con la stessa scheda video, NdR). Oltre alle anteprime delle workstation 2020, al DDD vedremo all'opera le nuove workstation già in produzione, in particolare quelle basate sulla terza generazione AMD Ryzen con 8, 12 e 16 core (Ryzen 9) e le linee high end con single e dual CPU EPYC Rome. In questo caso, si va dal modello di partenza, che prevede una singola CPU 32 core / 64 thread al modello di punta che monta due CPU 64 core / 128 thread, per un totale di 128 core / 256 thread. Cifre assolutamente da capogiro, per ottenere il massimo della performance nel rendering. Al DDD non mancheranno ovviamente tutte le novità anche per quanto concerne il rendering progressivo via GPU, con una serie di test molto interessanti basati su V-Ray, alle prese con le varie modalità di calcolo, che vedono RTX spiccare letteralmente il volo rispetto alla concorrenza. La partecipazione al DDD è come sempre assolutamente gratuita, previa registrazione obbligatoria - per ulteriori informazioni consultare http://digitaldd.org/come-partecipare/ Per ulteriori informazioni sui talk previsti nelle due durate dell'evento, vi rimandiamo agli articoli di presentazione pubblicati su Treddi. DDD 2019 - il programma di venerdi 6 dicembre DDD 2019 - il programma di sabato 7 dicembre
  12. Imparare dai maestri. Un vecchio detto che non perde mai la bontà della sua sostanza, soprattutto quando il maestro in questione è un certo Dionysios Tsagkaropoulos, uno dei più influenti render artist al mondo. Forte di una produzione ultraventennale del rendering per l'architettura e l'interior design, Dionysios, pur senza essersi mai dedicato nello specifico alla formazione, è stato uno dei personaggi più attivi nella divulgazione soprattutto quando le fonti in merito era davvero poche. Memorabili i suoi roadshow con Autodesk negli anni 2000, per chi ha avuto la fortuna di assistervi a suo tempo. Oggi la sua attività lo vede responsabile di immagine del Renzo Piano Building Workshop (Parigi). Ai Digital Drawing Days 2019, nella giornata di domenica 8 dicembre, Dionysios Tsagkaropoulos terrà una masterclass dal titolo "Arredare e Visualizzare con Classe", in cui affronterà in maniera integrale il flusso di lavoro che porta dal concept al rendering di una scena di interni, nel caso realizzata con 3ds Max e Corona Renderer, anche se i concetti ed i principi espressi nella prima parte sono naturalmente applicabili con qualsiasi software 3D e motore di rendering, in quanto verteranno sulla composizione e sulle conoscenze tecnico artistiche necessarie per produrre immagini in grado di emozionare davvero il pubblico cui sono destinate. Il rendering esprime la resa tecnica di un'immagine che nasce dalla sensibilità di chi la compone, quale risultato di molti elementi, necessariamente combinati con armonia: dal setup della scena con modelli molto dettagliati, all' illuminazione generale e di dettaglio, alla definizione di materiali davvero fotorealistici, fino alla ricerca delle inquadrature che più si prestano a comunicare certi aspetti del progetto. Ogni spazio esprime un animo differente. L'artista deve saperlo cogliere e deve saperlo comunicare con l'immagine. Dionysios ci guiderà in questo viaggio di scoperta, mostrandoci la praticità di un metodo super collaudato, che non pone l'enfasi nel virtuosismo tecnico, ma nella capacità di saper leggere l'architettura e di saperla anticipare nella sua controparte digitale. La seconda parte della masterclass, che si terrà nel pomeriggio della stessa giornata, Dionysios entrerà nella fase puramente operativa e tecnica della produzione, guidando i suoi allievi in una serie di procedimenti essenziali: - studio di arredo e design: le regole da seguire;- lighting setup: Corona Renderer Daylight, HDRI e IES;- materiali fotorealistici: come definire ogni dettaglio in ogni essenza;- fotografia: come creare emozioni con i renderingPer conoscere i particolari del suo pensiero vi rimandiamo alla nostra intervista a Dionysios Tsagkaropoulos. Per conoscere i dettagli della masterclass e la le modalità di partecipazione, vi rimandiamo al sito ufficiale dei Digital Drawing Days - http://digitaldd.org/masterclass/ NOTA TECNICA - Per seguire la masterclass è necessario iscriversi ed i posti sono limitati. Per chi volesse seguire operativamente la masterclass è consigliabile dotarsi di un notebook sui cui avere preventivamente installato 3ds Max (2018-2020) e Corona Renderer 5. Sarà ovviamente possibile seguire la masterclass anche come semplici spettatori. La masterclass si terrà in lingua italiana.
  13. Chaos Group è anche quest'anno organizzatore e partner ufficiale dei Digital Drawing Days, in programma dal 6 al 8 dicembre ad Arezzo. La software house bulgara sarà presente per l'intera durata dell'evento con uno stand in area demo, dove poter provare tutte le soluzioni di rendering di V-Ray per 3ds Max, Maya, Cinema 4D, Unreal Engine e molti altri. Chaos Group presenterà novità ed anticipazioni relative a quanto ci aspetta nel 2020. Oltre a V-Ray, sarà infatti la volta dell'attesissimo Project Lavina, la soluzione dedicata al ray tracing real time. Ne sapremo di più rispetto a quanto mostrato da Vlado al SIGGRAPH 2019. Chaos Group sarà attiva anche in due talk, previsti rispettivamente nelle giornate di venerdi e sabato, che saranno tenuti da un artista straordinario come Valentin Yovchev, oltre 15 anni di esperienza nel 3D e nel rendering in vari ambiti dell'industria della computer grafica. A seguire, uno stralcio della sua enciclopedica produzione. Sempre rimanendo in casa Chaos Group, ci sarà spazio anche per Corona Renderer, in alcuni dei talk in programma e nella masterclass "arredare e visualizzare con classe", in programma per domenica 8 dicembre, che sarà tenuta da Dionysios Tsagkaropoulos (RPBW). Le giornate di venerdi 6 e sabato 7 dicembre saranno interamente gratuite, previa registrazione obbligatoria, mentre la masterclass su 3ds Max e Corona prevista per domenica 8 dicembre prevede un'iscrizione dedicata. Per maggiori informazioni - http://digitaldd.org/
  14. Dopo l'attesissimo Corona Renderer 5 per 3ds Max, Chaos Group Czech ha finalmente pubblicato l'omologa versione per Cinema 4D. Il trailer ufficiale mostra sostanziali analogie con la versione dedicata al software 3D di casa Autodesk, su tutti un'ottimizzazione generale delle prestazioni, per ridurre sensibilmente i tempi di calcolo, la nuova modalità displacement 2.5D e un nuovo sistema per il calcolo delle caustiche, decisamente più performante di quello di Corona 4. In sintesi, i principali elementi che rinnovano i contenuti di Corona Renderer 5 per Cinema 4D rispetto alle precedenti versioni del software: 2.5D Displacement offers significant savings to memory usageOptimizations to caustics results in memory savings and faster renderingGreatly improved handling of Corona Proxies, which can now include animation, and have better handling of large numbers of proxies that use the same dataMulti Shader added, to allow randomizing colors or textures between objects or sub-objectsUVWRandomizer updated to include the Mesh Element mode (to allow randomization across sub-objects) and Object buffer ID modeSelect Shader and Select Material added, allowing an object to store multiple shaders or materials (you can think of it as like a self-contained “mini-library” that the object stores with itself)Corona Sky object replaces the Corona Sky tag, allowing multiple environments in LightMix, and use of any shader as environment lightingAnd of course lots of quality of life improvements, bug fixes, and UI improvements!Per la descrizione completa e dettagliata di tutte le feature introdotte da Corona Renderer 5 per Cinema 4D è possibile consultare il link ufficiale della release - https://corona-renderer.com/blog/corona-renderer-5-for-cinema-4d-released, che rimanda anche alla sezione download.
  15. Dopo la prima giornata del DDD, il tempo di una cena alla Corte dell'Oca di Subbiano e via a riposare, perché altrettanti grandi contenuti ci attendono sabato 7 dicembre. Non perdiamo tempo e vediamo subito di cosa si tratta. SABATO 7 DICEMBRE 10.10 – V-Ray – a cura di Chaos Group (tech) - Anastasia Zhivaeva, Chaos Group Seconda parte dell'approfondimento dedicato alle novità ed alle anticipazioni dei software di Chaos Group, main partner ufficiale dei Digital Drawing Days 2019 (image credit: double aye) 11.00 – Fotogrammetria 3D e Fotorealismo – (archviz) - Alessandro Cannavà, Ermanno Rizzo e Gabriele Simonetta, Truetopia Truetopia è uno studio di visualizzazione che insegue costantemente la missione del fotorealismo, utilizzando delle pipeline che fanno ampio uso della fotogrammetria 3D, per ottenere asset realistici e soprattutto altamente personalizzati. Il talk dimostrerà come sono stati realizzati alcuni limoni, successivamente inseriti in un'ambientazione per catalogo di prodotto. (image credit: Truetopia e Cristina Lello) 12.10 – Art Direction nella Visualizzazione Architettonica (archviz) - Stefano Mombelli e Samuel Silva Trovato, Level Creative Studio Il terzo intervento della mattinata vedrà come protagonisti due ragazzi all'esordio assoluto al DDD, ma già piuttosto noti nella scena archviz italiana. Stefano e Samuel illustreranno la realizzazione di alcuni progetti noti a livello internazionale, soffermandosi sia sugli aspetti tecnici che sugli elementi compositivi determinanti per la direzione artistica dei progetti. 14.20 – Arturo e il Gabbiano (making of) - Luca di Cecca Presentato alla Blender Conference 2019, il cortometraggio Arturo e il Gabbiano ha visto l'esordio alla regia dell'eclettico CG Artist romano Luca Di Cecca, che ci presenterà al pubblico del DDD un breakdown di questo ambizioso progetto. 15.10 – Hardware e software per il rendering – (tech) - Dimitar Dinev, 3DWS Con il suo inimitabile stile, Dimitar Dinev mostrerà le più importanti novità in ambito hardware e software, a partire dalle nuove workstation, grazie alla partnership tecnica di AMD e ASUS, presenti ufficialmente insieme a 3DWS in area demo, dove. chiunque potrà provare l'intera gamma di workstation 3DWS per tutta la durata dell'evento. 15.50 – Automotive Professional Rendering – (3D art – creative) - Ivan Basso Tra i più celebri artisti in ambito automotive rendering, Ivan Basso torna al DDD per presentarci un dettagliato making of di alcune delle sue ultime realizzazioni, caratterizzate dal suo inconfondibile stile. 17.10 – Il realismo della luce nella visualizzazione architettonica (archviz) - Luca Rostellato, ViFX La percezione della luce può condizionare enormemente la comunicazione di un progetto di interni, variando in modo sostanziale le sensazioni che siamo soliti associare ad uno spazio. Luca Rostellato si soffermerà in primo luogo sugli aspetti tecnici ed emozionali che caratterizzano un progetto di lighting design, spiegandoci al tempo stesso come è possibile simulare questi effetti con i motori di rendering. 17.50 – DDD: 10 anni di passione ed imprecazioni - Dimitar Dinev Al deus ex machina del DDD spetterà il momento più emozionante dei dieci anni che hanno caratterizzato un evento che è stato, sarà e rimarrà per certi versi unico, per la passione ed il coinvolgimento dimostrato da tutti i partecipanti in dieci edizioni indimenticabili. Memorabili come la fatica, le mille peripezie e i milioni di imprecazioni che Dimitar ha dovuto affrontare per portare ogni volta a termine la missione. Sarà il modo più divertente per congedarsi e portare con noi un ricordo indelebile del DDD, giunto alla sua annunciata epifania. ------- Il DDD comunque non finisce qui, ci sarà ancora un'ultima, memorabile cena presso la Corte dell'Oca di Subbiano, prima di una domenica interamente dedicata alla Masterclass di Dionysios Tsagkaropoulos "Arredare e Visualizzare con classe", in cui il leggendario render artist ci guiderà alla realizzazione di un progetto di interior design con 3DS Max e Corona Renderer. La masterclass di domenica 8 dicembre richiede un'iscrizione dedicata. Per informazioni -http://digitaldd.org/masterclass/ _____________ Vi ricordiamo che, per cause indipendenti dalla nostra volontà, il programma potrebbe subire delle variazioni, per cui è sempre bene consultare con regolarità il sito ufficiale all'indirizzo - http://digitaldd.org/programma/ in modo da rimanere aggiornati su eventuali modifiche di orario, sostituzioni e cancellazioni. La partecipazione al DDD è come sempre assolutamente gratuita per quanto riguarda le aree teatro (dove si tengono i talk) e arena (zona demo ed expo), previa registrazione obbligatoria. Per maggiori informazioni, consultare - http://digitaldd.org/come-partecipare/
×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR