Vai al contenuto

Flavio Natale

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    11
  • Registrato

  • Ultima Visita

Info su Flavio Natale

  • Rango
    Matricola

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Flavio Natale

    Pannello di facciata continua e grigliato.

    Io pensavo ad un grigliato tipo "keller" ma per gli scopi di questo progetto andrebbe bene un grigliato qualsiasi.
  2. Flavio Natale

    Pannello di facciata continua e grigliato.

    Ciao a tutti. Dopo alcune settimane di assenza dedicate a studiare i testi che mi avete gentilmente consigliato sono qui a chiedervi un aiuto. Avrei bisogno di sostituire un pannello di facciata continua di Revit 2017 con un grigliato. So per certo che è possibile farlo usando le famiglie parametriche ma per il momento non credo di esserne capace. Sapreste indicarmi se esiste una famiglia parametrica di un grigliato da poter essere usata come pannello di facciata continua? C'è modo di scaricarla da qualche parte? Grazie a tutti!
  3. Flavio Natale

    Famiglie, tipi, istanze... Che confusione.

    Grazie mille, stavo impazzendo nel cercare di capire quale impostare!
  4. Flavio Natale

    Famiglie, tipi, istanze... Che confusione.

    Rieccomi, posto qui la domanda perchè in un certo senso ha a che fare con le famiglie. La mia domanda è relativa ai template di default (che mi servono perchè non ce li ho caricati ed è impossibile seguire i libri ed i tutorial!). Detto ciò, in tutti i tutorial e libri che consulto ci sono sempre dei template di default caricati, nel mio revit no. Ho capito come fare a caricarli ma non so quali file prendere. Mi spiego, nella cartella dei template (quelli per l'Italia) trovo vari file, tra i quali "DefaultITAITA", ConstructionITAITA" ecc, ora, qual è il file di default per l'Architettura? Quale quello per le strutture? E per gli impianti? Nella cartella ne trovo vari ma non so quale impostare.
  5. Flavio Natale

    Famiglie, tipi, istanze... Che confusione.

    Ecco adesso è molto più chiaro... perchè francamente pensare che un parametro fondamentale come le dimensioni di un oggetto siano da considerare un "tipo" è assurdo. Quindi come pensavo dipende anche un po' dalla famiglia e/o dall'elemento che si sta maneggiando e dal contesto. So che la materia è complessa ed è per quello che le mie domande magari sono un po' banali. Se devo dire la verità ho sempre avuto una certa avversità con i manuali riguardanti materie informatiche (non chiedermi perchè... ne ho studiati centinaia di decine di software ma alla fine i risultati li ho ottenuti solo grazie alle ore al pc!). Su amazon ho trovato quello che ho segnalato che mi sembra un buon punto di partenza, chiaramente bisognerà imparare prima la parte architettonica, ma non è un problema, l'argomento mi interessa lo stesso, anzi ben venga una formazione un po' più completa.
  6. Flavio Natale

    Famiglie, tipi, istanze... Che confusione.

    Grazie della risposta e del benvenuto (in realtà sono iscritto da tanto ma per il mio lavoro il 3d mi serve molto poco, mi interessa Revit più che altro per il discorso BIM). Faccio una ulteriore piccola premessa per spiegare in che modo mi sto approcciando il software. Finora non ho consultato i vari manuali (sono in attesa di comprarli) però ho iniziato seguendo un corso on line (fatto da un utente del forum) e la prospettiva è quella di addentrarmi un po' più a fondo nella tematica. Dopo aver seguito il corso ed aver modellato l'edificio del corso sto cercando di procedere da solo, nel corso che ho seguito c'è una prima infarinatura anche relativa alla creazione di famiglie (anche nidificate) e quindi con l'aiuto del corso e di google (quindi anche di questo forum) sto pian piano prendendo confidenza col software. Lungi da me pensare che in questo modo si possa diventare esperti, ma prima di iniziare un corso voglio capirci qualcosa altrimenti si buttano solo soldi. Venendo alla domanda, certo è ragionevole che per un progetto complesso può essere conveniente avere vari tipi piuttosto che innumerevoli istanze tutte dello stesso tipo, ma mi chiedevo come mai le due cose sono l'una BIM e l'altra no! Quanto ad Archicad, ho fatto all'incirca lo stesso percorso (corso on line e progettino da zero) e devo dire che come facilità di utilizzo è varie spanne sopra Revit, per quella che è la mia impressione però, è anche svariate spanne al di sotto in termini di potenzialità. Anche perchè francamente a me la parte architettonica interessa il giusto, da strutturista mi interessa molto di più Revit, ma l'unico modo per prendere confidenza col software è quello di passare attraverso l'apprendimento della sezione architettura. Edit. Qualcuno saprebbe darmi un buon testo per revit structure? E magari con integrazione per Robot? Su amazon ho trovato questo, ma non so se fa al caso mio e soprattutto se è utile anche per la versione 2017 https://www.amazon.it/gp/product/1936646501/ref=ox_sc_act_title_3?smid=A11IL2PNWYJU7H&psc=1
  7. Flavio Natale

    Famiglie, tipi, istanze... Che confusione.

    Ciao a tutti, mi rivolgo di nuovo a voi per chiedere un chiarimento. Mi stavo cimentando nella costruzione di una famiglia di finestre tramite la modifica di una delle famiglie modello di Revit (Cassonetto e davanzale(1), avrei anche su questo una domanda, perchè ci sono due solidi con categoria vetro nella famiglia di default?) e cercando indicazioni e tutorial in giro su internet mi sono imbattuto nel dilemma "Famiglie - Tipi - Istanze", credo di avere abbastanza chiara la differenza tra Tipo e Istanza, quello che non mi è chiaro è che qualcuno in giro su altri forum sostiene che la filosofia di progettazione BIM richiede che, ad esempio, una finestra sia parametrizzata mediante i suoi tipi e non mediante le istanze. Ad esempio, se all'interno di un progetto ho due finestre identiche ma che differiscono solo nelle dimensioni dovrei creare due tipi distinti piuttosto che due istanze con differenti parametri di altezza e larghezza. Francamente questa cosa mi lascia un po' stupito, se lo stesso concetto fosse applicato ai muri dovrei creare tanti tipi di muro (tutti identici, differenti solo per lunghezza) quanti i segmenti che ne compongono il progetto? Mi sembra assurdo. Inoltre, dato per scontato che parametrico non vuol dire solo "variazione di dimensioni" ma mi sembra assurdo che il parametro basilare nella progettazione non debba essere considerato un parametro ma un tipo! Cosa non mi è chiaro? Perchè qualcuno ritiene che sia più corretto operare con modifica di tipi per le sole dimensioni? Per come l'ho intesa io, la filosofia BIM dovrebbe essere tale da permettermi di controllare le informazioni "nascoste" piuttosto che quelle facilmente ricavabili dalla documentazione progettuale, quindi mi aspetto che le modifiche sui tipi vadano ad incidere su parametri più di dettaglio. Faccio un esempio per spiegarmi, supponiamo di avere due finestre identiche per geometria e materiali salvo che per i vetri, una con doppio e l'altra con singolo vetro, io creerei due tipi distinti ad esempio per differenziare le caratteristiche di isolamento dell'una e dell'altra, quindi il parametro che controlla il numero di vetri dovrà essere un parametro di tipo che per essere modificato nel modello necessita della modifica del tipo. Al contrario, due finestre identiche in tutto e per tutto salvo che per dimensioni io le indicherei come dello stesso tipo ma di dimensioni diverse (un po' come si fa quando si va dal falegname a ordinarle, una volta stabilito il modello di finestra si passa a definirne le dimensioni di ciascuna, ma il tipo rimane sempre lo stesso, quindi ho n istanze di un unico tipo, le quali istanze avranno dimensioni diverse!). Dove sbaglio? P.S. Nel modificare le finestre della content library di default ho la sensazione che ci siano parecchi "errori" ed un modo un po' contorto e non corrispondente alla realtà nel costruire la famiglia, è un errore mio?
  8. Flavio Natale

    Revit 2017 - Etichette e annotazioni.

    Continuo a postare qui per non intasare il forum con vari thread. Invito i moderatori a spostare il post nel caso ritengano sia meglio proseguire in altro modo. Detto ciò, continuando a seguire il corso sto incontrando dei problemi con le scale. Nel corso viene detto di creare una scala usando come famiglia la "scala gettata in opera" di default. Quando ci provo io in revit 2017 mi da un errore in cui mi dice che la scala non può essere creata. Non so se dipende dal fatto che non sono caricate le famiglie di ringhiere o se è un problema geometrico e non so come risolvere.
  9. Flavio Natale

    Revit 2017 - Etichette e annotazioni.

    Allora, il problema è nella visualizzazione credo, perchè andando in "schemi di colore" effettivamente i colori differenziati vengono creati, però nella vista non vengono visualizzati. Come faccio a modificare tale impostazione? Edit Smanettando ho trovato la soluzione. In pratica si trattava di impostare il corretto schema di colori nella vista del piano. Nel senso che come ho scritto sopra Revit va a creare automaticamente colori differenziati in base ai nomi assegnati ma non imposta automaticamente lo schema di colore nella vista, quindi è bastato trovare quell'impostazione e tutto ha iniziato a funzionare come sperato.
  10. Flavio Natale

    Revit 2017 - Etichette e annotazioni.

    Intanto grazie per la risposta. Quindi per modificare le dimensioni delle etichette devo modificare la famiglia. Ora la domanda che mi sorge è: una volta modificata la famgilia, il file da cui l'ho caricata viene anche lui modificato o la modifica è solo interna al progetto? Non vorrei incasinare la cartella della content library, quindi se la modifica è direttamente del file nativo devo salvarla in altra posizione. Per quanto riguarda i colori dei locali (Room) non ho ben capito come procedere, farò delle prove. P.S. Delle famiglie non ne so ancora nulla, mi ci metterò più in la quando avrò capito un po' meglio come funziona il tutto!
  11. Flavio Natale

    Revit 2017 - Etichette e annotazioni.

    Ciao a tutti, sono un neofita di Revit e sto lentamente cercando di imparare ad utilizzare il software tramite un corso on line che ho acquistato qualche tempo fa. Il corso è basato su Revit 2014 quindi è leggermente diverso dalla versione 2017, tuttavia finora non ho notato grandi problemi, se non per quello che sto per chiedervi. Nel videocorso che sto seguendo ci sono molte impostazioni di base di default già pre impostate che nel caso della mia versione di Revit non sono presenti, tanto per fare qualche esempio, nel videocorso ci sono già preimportate alcune famiglie di base di porte e finestre, le famiglie di base delle principali etichette (ad esempio le etichette dei livelli, i quattro prospetti di base con il loro simbolo, le etichette dei locali ecc). Ora ho due problemi. Il primo è relativo alle dimensioni delle etichette, se vado a caricare le famiglie di etichette per le varie categorie di elementi le etichette sono troppo grandi e decisamente fuori scala, come faccio a impostarne la giusta dimensione? Bisogna agire per forza modificando la famiglia? Il secondo problema è relativo ai locali, nel videocorso si vede (e si spiega) che Revit 2014 automaticamente assegna un colore a ciascun locale, è poi possibile, tramite la semplice categorizzazione dei nomi dei vari locali, uniformare i colori (nell'esempio del corso vengono divisi per "alloggio"), nel mio caso invece ho dovuto agire tramite le impostazioni di Visibilità/Grafica per visualizzare il colore dei locali, però esso rimane uniforme sia appena definito il locale che dopo averne modificato il nome per adattarlo al caso. Spero di essermi spiegato e grazie. P.S. Magari le domande sono banali e vi chiedo un po' di pazienza per le imprecisioni che ho commesso.
×