Jump to content
bn-top

vincegraphic

Members
  • Posts

    707
  • Joined

  • Last visited

Professional Info

  • Employment
    Impiegato (Employee)
  • Sito Web
    http://www.vincenzocandido.com

Recent Profile Visitors

6135 profile views

vincegraphic's Achievements

  1. Ok ho risolto. Dentro Vray Dirt è presente un flag "double side" da attivare oltre che su common. Grazie delle dritte
  2. Ho provavo ma niente. O meglio sembra migliore ma non è risolto. Se non applico l'AO al materiale tramite Vray Dirt nel Diffuse allora viene giusto ma se applico il Dirt mi da delle facce nere. Quelle complanari invece sembrano apposto. Ho anche modificato il parametro secondary rays bias da 0,0 a 0,001 Solo che L'AO mi servirebbe Purtroppo non posso manualmente correggere le normali perchè è un modello BIM molto pesante di strutture e sarebbe un lavoro eterno
  3. Ciao. Ho spesso questo problema. ricevo modelli 3d provenienti da software BIM. Molto spesso mi trovo alcune normali di faccia invertite e le facce stesse non sono unite tra loro. Se provo a fare "weld" dei vertici non mi unisce tutto e inoltre dove ci sono facce sovrapposte ci sono altri casini. Mi chiedevo se con max o un plugin è possibile fare questo: eliminazione di tutte le facce sovrapposte di una mesh, le normali di faccia unificate (con unify non mi funziona perche lefacce non sono unite ma divise tra loro (no weld). In alternativa, fregarmene ed avere un parametro di Vray che mi ignora le facce adiacenti e le normali rovesciate anche nel calcolo dell'ambient occlusion. Soluzioni? Grazie infinite
  4. Grazie. Allora stavo per scrivervi. Io ho risolto così. Ho preso un HD SDD esterno molto veloce. Dentro Chaos Cosmos nelle impostazioni ho settato che le librerie non siano nella cartella documenti ma nell'HD esterno. (importante è che sia molto veloce altrimenti ci impiaga un'eternità a caricare i proxy tra inserimento e render). Quindi porto l'HD con me e ora le librerie sono sincronizzate tra loro. Questo ha anche il vantaggio di non intasare il computer con centinaia di librerie (uno non si accorge ma continua a scaricare roba molto pesante). Il difetto è semplicemente che devi usare un HD e che non c'è una sincronizzazione tra PC automatica ma direi che è una scomodità più che accettabile.
  5. Ciao a tutti. Utilizzo Vray 5 nella versione collection contenente quindi anche le librerie Chaos Cosmos. Ho un problema. Ho tutti i file di lavoro in una cartella su un disc ssd che sposto da lavoro a casa quando sono in smartworking. Ho la licenza cloud quindi mi connetto a seconda del PC che uso. Detto questo Quando lavoro su una WS ed inserisco degli oggetti dalla libreria tutto funziona correttamente. Quando vado su un'altra workstation non si apre nessuno di questi oggetti che sono dei proxy. Ok lo so che i proxy sono un link ma il problema è che ho tutto il percorso di default delle librerie Cosmos e delle relative texture. Io immaginavo che qualora non fossero in una workstation, Vray le ricollegasse scaricandole dal loro server. Come posso fare evitando ogni volta di dover fare un pacchetto che tra l'altro ultimamente mi da sempre un errore che non mi permette di usarlo? Avete una soluzione easy per far questo? Alla fine questo mi limita la portabilità del progetto e il pacchetto oltre a non funzionare sarebbe una procedura fastidiosa da fare ogni giorno. Quindi una domanda che vi faccio è questa. Quale procedura posso fare per ad esempio individuare tutti gli oggetti proxy in un colpo solo e spostarli sulla cartella di lavoro? E come fare lo stesso con le relative texture?
  6. Se troverò un modo vi posto qui la soluzione. Per ora per fretta di consegna mi sono tenuto i modelli distanti dallo 0 e leggermente deformati
  7. Ciao. Si hai ragione per IFC ma è un formato BIM secondo me una suite BIM dovrebbe gestirlo bene. Per il software non conosco tutti i software. Io su 3ds max e autocad non ho problemi mentre su Navi e su Architecture qualcuno si. Purtroppo non posso distribuire l'IFC perchè è un a commessa molto grossa infrastrutturale che abbiamo realizzato in un team molto allargato tra progettisti, disegnatori BIM e render finale. Io nella catena faccio la parte finale del lavoro e coordino chi si occupa della parte BIM in modo che mi forniscano un modello il più corretto possibile. Ne loro, ne io provando siamo riusciti a portare nello 0 il modello referenziato in NAVISWORK. Se si potesse far quello sarebbe già risolto. Per esempio se lavori in Revit e sei georeferenziato MAX interpreta comunque il file e lo porta vicino allo 0 quindi da Revit non ci sono problemi. Non è possibile però caricare "il mostro" che c'è in NAVI dentro Revit perchè è troppo pesante il tutto
  8. Allora ragazzi ho fatto delle prove fino ad ora infruttuose. Ve le elenco così magari sono utili ad altri o qualcuno sa dara altre soluzioni. La sio stare la polemica sul fatto che prodotti autodesk che costano un botto non dialoghino tra di loro ma vado al dunque. Prove fatte: NAVISWORKS Aperti gli IFC in Navisworks ed esportati in FBX con il comando interno al software (non vedo spunte che permettano di inserire il centro dell'oggetto nel punto 0,0,0 di coordinate. Il modello si apre in 3ds Max, non da errori di posizionamento ma si trova a chilometri dallo 0 di Max. Questo genera delle leggere distorsioni al modello e difficoltà poi nella gestione della scena dal punto di vista pratico. Noto però che in importazione 3ds Max si porta dietro dei "Dummy". Uno per ogni oggetto presente nella scena. Questi Dummy sono posizionati nelle coordinate 0,0,0 di Max. Immagino quindi che per Navisworks il punto di inserimento di ogni oggetto non sia il centro dell'oggetto stesso ma il punto 0 del suo sitema di coordinate (questo perchè Navisworks lavora su oggetti georeferenziati). Ho fatto un altro tentativo installando il plugin presente nel sito Autodesk per Navisworks che permette l'esportazione in OBJ. Tra le opzioni di esportazione c'è quella di spostare l'oggetto nel punto 0,0,0 in modo che Max lo apra correttamente. Il problema è che nonostante i vari parametri che ho provato, l'oggetto è posizionato giusto ma la mesh è completamente rovinata e piena di errori di importazione. ARCHITECTURE 2022 La mia suite di Autodesk comprende questo software. Ho avuto vari comportamenti anomali però. Appena installato ho trovato nel menù "open" anche l'icona nel menu dell'apertura degli IFC. Poi dalla seconda apertura dello stesso software è tale icona/pulsante all'interno del menu a tendina è sparita (una cosa che non mi spiego). Come farla riapparire? Comunque la prima volta ho usato questo comando per importare un IFC abbastanza leggero. Mi da importazione corretta ma anche se uso uno zoom estensione non vedo l'oggetto e non riesco a selezionarlo. Quindi non capisco se è importato o meno. Come mai non lo vedo? Problemi con la scheda grafica? Ho però notato che Architecture ha creato una cartella con dentro vari DWG importati. Questi aperti risultano corretti ma mi toccherebbe ogni volta poi inserili dentro Autocad spostarli nel punto 0 e salvare per poi aprire in MAX. Sono 10.000 passaggi ed inoltre è macchinoso spostare tutti gli oggetti dello stesso valore x,y,z per poi poterli unire in un unico file nella stessa posizione. Parliamo nel mio caso di centinaia di oggetti per il modello completo. Quindi per ora nessuna soluzione.
  9. Questa è una cosa interessante. Lo installo e provo.
  10. Marcello grazie. Non capisco se questo plugin è dedicato alla VR o se ha vari tipi di export con coordinate 0,0,0 da poter impostare.
  11. Ciao. Si ho la bim 360 in azienda quindi ho sia architecture che autocad. A volte sono passato per autocad ed il risultato era buono (perchè dici architewcture? Ha esportazioni diverse?) in alcuni casi. Posso fare una prova ma volevo capire se c'era un modo da naviswork per un'esportazione diretta. Autocad a volte ha un problema di gestione del modello. Se è molto complesso fai fatica a spostarlo nelle coordinate 0,0,0
  12. Ciao a tutti. Sto impazzendo su sta cosa. Ho degli ifc che riesco ad aprire in questo momento solo con navisworks. Da naviswork esporto un file FBX e qui nascono i problemi. Non riesco ad avere in fase di esportazione un settaggio che mi dica di esportare vicino allo 0 e questo crea poi problemi con la precisione della mesh in max. Inoltre si creano dei Dummy quelli si nel punto zero deciso da navisworks lontanissimi dall'oggetto che devo cancellare manualmente. Infine tutti gli oggetti perdono i loro nome e acquisiscono un generico object. Ho quinidi intallato un pluging in vesione basic dal sito di Autodesk per esportare da Navisworks in obj. In questo caso, gli oggetti restano categorizzati, le coordinate sono corrette ma per contro viene esportato un modello pessimo e mal approssimato. Anche cambiando i pochi parametri del plugin. Non vorrei spendere 100 dollari per quello full e ritrovarmi nelle medesime condizioni. Come posso fare a risolvere? Grazie.
  13. vincegraphic

    RailClone 5 per 3ds Max

    Bel software ma potevano fare dei render dignitosi.
  14. thumb
    Giro uno screenshot di come ho strutturato il materiale e come non riesco ad applicare il randomized di Vray Il materiale substance2 non permette in ingresso il material VRayUVWRandomized. Mi chiedo se c'è un modo per inserirlo o perconvertire anche il materiale substance2 in una serie di mappe relative vraybitmap
  15. Una soluzione che vorrei provare in quanto è troppo complicata da fare in post produzione è quella di usare la mappa di randomizzazione di vray dentro 3D studio Max. Il problema è che quando apro un materiale substance map dentro l'editor dei materiali di 3D studio e lo converto in un materiale vray, lui come fonte originale utilizza un materiale che si chiama substance2. Quindi non riesco a collegare le mappe di randomizzazione di vray per randomizzare le mappe all'interno del materiale substance 2. Esiste un modo per convertire anche quel materiale substance 2 i in una serie di mappe BMP vray? Se così fosse avrei la possibilità di collegare a Monte di queste mappe la mappa randomize come nodo iniziale.
×
×
  • Create New...