Jump to content
bn-top

rIO

Members
  • Posts

    461
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by rIO

  1. si con questa sintassi : tipo fn nomefunzione parametri= ( corpo funzione ) ad esempio : bool fn miafunzione param1= ( blah..blah... )
  2. rIO

    Cerco Modello 3d

    thumb
    Il modello l'ho trovato, ma i convertitori non sembrano funzionare granche' bene... ora provo con lo script per blender.... grazie P.S: chi conoscesse altri modelli freeware e' sempre ben accetto
  3. Salve gente, non so se sia la sezione adatta a porre una domanda simile... Ho urgente bisogno di un modello 3d di un coniglio per un uso non commerciale (avevo pensato allo stanford rabbit) qualcuno saprebbe indicarmi un link a quel modello o ad altri modelli di congilio ? L'import andrebbe fatto in Max 6, per cui se si trovasse in un formato da lui gestibile sarebbe il massimo. Ciao ciao e grazie
  4. Esporta il video in DV non compresso, occupera' una fraccata di spazio, ma la qualita' dovrebbe essere buona. Se poi devi metterlo su un DVD almeno partirai da una sorgente decente. P.S: premierE, non premier..altrimenti sembra che parli di Prodi
  5. Anche io ho detto che erano casi limite, pero' capisci che se ti basi sul discorso "il cliente non apprezza o non e' interessato alle textures superreali" allora dovresti anche essere contento se un architetto va in giro a fare il tuo lavoro, tanto il suo cliente della GI o dello scanline frega poco. Il problema che io riscontro solitamente e' proprio "il cliente non capisce una beneamata fava di 3d", e per questo che sia la Pixar a fargli il lavroo o un ragazzino la sera nella sua stanzetta poco cambia. E sinceramente mi girano le b***e. Se faccio un lavoro lo devo fare bene (rimanendo nel rapporto prezzo qualita'), ma non devo inventarmi animatore solo perche' il cliente tanto non apprezza la differenza. Io ci campo con 'sto mestiere e capirari che mi girano un filo le scatole quando scopro che il lavoro che doveva essere pagato TOT e' stato invece fatto fare al ragazzino nella cameretta ad un decimo del prezzo NORMALE. Questo perche' il ragazzino fa tutto da solo, magari con una licenza acquistata su eMule e perche' ha usato la musica del vicino di casa e si e' disegnato i titoli in photoshop, ha deciso da solo le inquadrature, il tutto permesso dall' "ignoranza" del cliente. Se poi il ciente vuole un lavoro alla Pixar e non puo' permetterselo allora non si abbassa il prezzo, non lo si fa e basta, o come si fa nel 99% dei casi semplicemente si trova un compromesso. Allora uno degli scopi dell'associazione e' INDOTTRINARE i clienti a saper riconoscere un lavoro ottimo da un buon lavoro amatoriale. Questo discorso e' gia' stato fatto qui, ed e' questa l'unica cosa da cui ci dobbiamo tutelare, ed e' anche questo lo scopo di creare un listino prezzi. Poi tutto e' ovviamente solo una mia personalissima opinione, liberi di mandarmi a quel paese. P.S: Non lavoro ovviamente ne in Pixar e ne agli Unveirsal, parlo di aziende normalissime, non di multinazionali, sara' che son sempre stato fortunato dunque. P.P.S: Io ero uno che agli inizi diceva ai colleghi "ma si, tanto il cliente non capisce se quel taglio va bene o no, non sbatterti", ora, dopo 1000 cazziatoni magari saro' peggiorato ma ho capito che e' proprio perche' c'e' troppa gente che pensa "ma si, facciamolo solo benino" che siamo qui a discutere su come tutelarci.
  6. Io ci ho provato e purtroppo e' impensabile se devi camparci Alla fine a casa uso fedora e ubuntu e in ufficio Win...
  7. Pensa che per fare bene questo lavoro (e volendo fare i pignoli) non dovesti nemmeno passare dalla modellazione al mapping, e nemmeno dal mapping al rigging, e se fai il rig non dovresti animare, etc.etc... Ovviamente son cose che nella maggior parte dei casi non si fanno, in primis per carenza di fondi, ma qualcuno potrebbe storcere il naso. Nemmeno noi abbiamo reparti cosi' ben definiti, ma studi PROFESSIONALI (maiuscolo) con cui ho lavorato hanno ruoli molto ma molto chiari. Certo ogniuno deve avere una buona infarinatura di tutti i lavori, ma non deve cadere nella tentazione del "me lo faccio da solo". Altrimenti avremmo tonnellate di architetti che fanno rendering per conto proprio, di cui un buon 50% contenti delle ciofeche che han realizzato, e che comunque han sottratto al nostro fatturato.
  8. Butto giu i miei deliri anche io (in ritardo come al solito), e vi porto la mia esperienza. Di recente ho preso una commessa per un grosso lavoro all'estero, trattasi di un cartone animato della durata di circa un oretta. Questa nuova esperienza mi ha, in alcuni casi, aperto gli occhi su come lavora una societa' ben organizzata, e ORA (e solo ora) mi si drizzano i capelli a sentire qualcuno dire "se ne ho bisogno apro photoshop, o flash o rhino", se il tuo mestiere e' fare il grafico 2d allora devi fare quello, altrimenti e' anceh giusto che un'architetto ti rompa le scatole sul modo in cui modelli. Se vogliamo essere dei professionisti e vogliamo unirci in un'associazione, allora DOBBIAMO noi per primi lavorare in modo professionale. Alla PIXAR hanno chi disegna esclusivamente le texture, non perche' la mole di lavoro e' tanta, piuttosto perche' quello (per chi se lo puo' permettere) e' il modo migliore di lavorare. Quanti professionisti tra di noi han mai pensato di spendere una percentuale dei propri introiti per "assumere" un animatore o un regista (e ottenere cosi' PROBABILMENTE un risultato migliore) ? La settimana scorsa uno dei modellatori che lavorano qui voleva disegnare textures per un muro (una questione piuttosto banale), beh, alla fine e' stato interpellato il grafico che disegna le textures. Capisco che questo sia un esempio limite e spesso impraticabile. Ma immaginate cosa succederebbe se i modellatori si improvvisassero direttori della fotografia (tutti piazziamo le luci nei nostri lavoretti in max no ?) oppure se decidesse di fare il regista ? (sulle inquadrature dei nostri render solitamente non chiediamo consiglio ad un fotografo o ad un regista) Eppure tutti questi "ruoli" influenzano pesantemente il risultato finale. In primis SECONDO ME, bisogna scoprire CHI vogliamo tutelare/aiutare con questa associazione. Si parla di chi fa rendering architettonici o di chi fa animazione, design industriale o effetti speciali ? E all'interno di queste categorie, solo ed esclusivamente chi sta davanti ad un software di modellazione o anche chi "collabora" al risultato finale di un lavoro 3d ? Il regista che decide i percorsi di camera vale piu' o meno di chi disegna le textures o di chi modella ? E se fosse importante (e lo e') bisogna tutelarlo come gli altri ? Poi volevo aggiungere la mia sull'ipetesi di stabilire degli esami o dei corsi "preferenziali". Insomma, sono un tizio che ha una passione, mi iscrivo ad una scuola, passo un esame, seguo due corsi di specializzazione, prendo un foglio di carta e da li in poi posso dire di essere un bravo... architetto. Dove sarebbe la differenza tra "noi" e "loro" alla fine ? E poi smettiamola di parlare sempre di architetti !! Ci sono altri clienti ben peggiori !
  9. Cosa intendi per non prestatne ? Io con due xeon e 2Gb di ram in premiere non ho alcun problema, mentre in AE se aggiungo troppi effetti le cose cominciano a farsi tragiche. Ma e' una cosa piuttosto normale, non pensare di riuscire ad avere un preview in tempo reale con AE, se non diminuendo la risoluzione.
  10. Quoto il phil, inoltre se decidi di modificare gli ultimi 100 fotogrammi di un animazione non dovrai preoccuparti a rifare il rendering di tutto, tagliare, rimontare etc.etc.... Mooolto piu' comodo usare le sequenze...
  11. In questo modo ottenevi un vero 3d, gli oggetti lontani si percepivano lontani e viceversa. [Pignoleria mode: ON] "Purtroppo" il tuo e' l'unico metodo che realmente funziona, anche se piu' scomodo. [Pignoleria mode : OFF]
  12. Forse non hai ben compreso i miei post, o probabilmente mi sono espresso male io, ma sicuramente non voglio propormi (per fare cosa ? programamre un videogame ? naaaa in Italia rende quasi come vendere frigoriferi a legna), non mi credo piu' bello e colto di altri. SICURAMENTE non ho deriso nessuno. Ma se si parla di quello che mi ha permesso di campare per piu' di 10 anni CREDO di poter esprimere un'opinione sensata. Specialmente se questa puo' evitare dei buchi nell'acqua ad altra gente, o per lo meno decisioni che ALCUNI professionisti non condividerebbero affatto. Forse non sai cosa sia un game concept, ipotizzo che si tratti di un lapsus e che tu stia parlando con cognizione di causa. Per non parlare di "accesso alla gesione della grafica 3D" che proprio non ho capito cosa possa significare. Non ho MAI detto che se capisci gli snippets delle GEMS allora conosci il C++, semmai il contrario. Se conosci il C (qualunque esso sia) allora puoi capire le GEMS, che per te saran banali, ma probabilmente non lo sono per qualcuno che cerca di fare un gioco in DarkBasic... Sapere come implementare un flocking, un qualsiasi albero o un buon terrain engine POTREBBE essere utile a mio avviso, tanto per fare un esempio. Non ho MAI deriso nessuno su questo forum da quando lo frequento e non l'ho fatto in questo thread. Cmq, vedro' di non esprimere piu' la mia opinione in merito dato che sembrano esserci parecchi professionisti del settore come te che frequentano il forum e non condividono le mie idee.
  13. Oddio... certo che gli esempi di base ti fan vedere la classe autoveicolo da cui derivi la classe fiat punto... ma da qui a dire che e' inutile... Prova a comprare Game Programming GEMS (io li ho tutti) e vedrai che conoscere A FONDO il C++ serve
  14. Per quanto mi riguarda non intendo "potenza" come prestazioni, oramai i calcoli che sevono ad un videogame una qualsiasi CPU li regge e quelli davvero pesanti vengono fatti in hardware. Ma se tu dovessi costruirti una casa a misura, compreresti dei pezzi di prefabbricato o la costruiresti mattone per mattone ? Un metodo e' piu' facile ma "castra" la tua creativita', l'altro e' piu' difficile ma ti assicura un controllo TOTALE sulla qualita' tecnica ed estetica del risultato finale. Se usi C++ (o Csharp che sia) in accoppiata con un buon scene graph, una libreria fisica per collisoni tipo Havock e un buon linguaggio dis cripting (tipo LUA) sei SICURO di poter fare TUTTO a prestazioni ottimali e con una pulizia e portabilita' del codice non paragonabile. Se lo fai in un linguaggio a piu' "alto livello" come il Darkbasic potresti incontrare dei seri problemi il giorno che decidi di implementare una feature a cui non avevi pensato o che non e' supportata dal tuo linguaggio. Poi, per eseprienza, conosco TANTA gente ceh svilupa videogames (in primis gli sviluppatori SCEE e LionHead) e nessuno penserebbe lontanamente di usare pezzi piu' complessi del mattone per costruire i loro giochi. Che poi il mattone sia diventato lo schene graph e non la routine proprietaria scritta in asm e' un'altra questione, ma non bisogna esagerare con la salita verso l'alto livello. Miliardi di sviluppatori hanno storto il naso quando nelle DX e' comparso il formato proprietario per i modelli e per lo skinning.
  15. Ripeto, non ho detto che non si possano scrivere giochi in DarkBasic, solo non puoi pretendere una qualita' TECNICA decente.... parlo per esperienza personale, ho cambiato lavoro da due annetti ma ho sempre scritto engine per professione. Ora collaboro coi ragazzi di Etrom e, fidati, nessuno avrebbe potuto scriverlo in Darkbasic... Ad ogni modo, dubito anche che come primo gioco si possa pensare di fare chissa' cosa, per cui il DarkBasic va anche bene. Il peccato e' imparare un "linguaggio" come Darkbasic per poi, dopo qualche periodo, scoprirne i limiti e dover ricominciare da zero.
  16. Non e' per scoraggiarvi, ma scrivere giochi in Vb o in DarkBasic non vi portera' a buoni risultati. Non che non si possa fare, ma se sperate di poter scrivere il futuro Halo allora avete sbagliato metodo. Se dovete imparare un linguaggio vi consiglio di lanciarvi con i C++, assolutamente l'UNICO linguaggio usato per scrivere videogames a livello professionale. Imparate le basi del linguaggio potete poi dedicarvi alla ricerca di un engine 3d che vi aiuti a creare il videogioco. Ne esistono parecchi, anche freeware... io usai tanto tempo fa OGRE, non so se sia ancora sviluppato. Ma se volete un consiglio abbandonate DarkBasic o VisualBasic e imparate un linguaggio degno di tal nome ;P
  17. thumb
    Salve, mi ripresento dopo eoni di assenza ingiustificata per porre una domanda "creativa". Avrei bisogno, all'interno di un rendering piuttosto realistico con Max, di simulare dell'aria che entra in un tubo trasparente e che va a comprimere l'interno di un ogetto di vetro (come se si stesse soffiando con una cannuccia all'interno di un palloncino di vetro). Si tratta di una spiegazione scientifica accompagnata da della grafica, il problema e' che non ho la benche' minima idea di come poter rappresentare la cosa. Ho provato con le classiche freccine che entrano nel tubo e vanno a disporsi uniformemente sulla superficie interna del contenitore, ma il risultato e' un po' troppo "pacioccoso", mi piacerebbe trovare una soluzione un po' piu' stilosa. Anche le particles non han dato grandi risultati, magari solo perche' ho pacioccato poco coi parametri. Any idea ?? grazie a tutti
  18. Ti conviene assegnare al lago un materiale fatto ad hoc, non utilizzare una texture per l'acqua, dato che l'acqua reale non ha texture Prova ad utilizzare un materiale tipo vetro e ad aggiungere una bump map o un modificatore noise alla superficie.
  19. BWHAHAHAHAHA Si si, ha ragione philix.... gli animali domestici non valgono....
  20. thumb
    Esattamente, e' in basa alla data di iscrizione... ma... un posto in piu' lo si trova sempre, al massimo bisogna portarsi uno sgabello da casa (scherzo).
  21. thumb
    No, il corso e' a numero chiuso, 10 persone, massimo 15 nel caso ci sia un altro fotografo ad aiutare durante l'uscita domenicale.... seguire piu' persone in giro per i parchi sarebbe un problema... fidati che e' peggio che portare a spasso una scolaresca
  22. thumb
    No, se io di una tua immagine dico "che immagine del ca..o" e tu ti arrabbi, non significa che ho detto qualcosa di giusto. Significa che ti ho offeso gratuitamente e basta. Preferirei non tediare tutti con la nostra discussione, ma... Non mi sono offeso per qualcosa di giusto che hai scritto, dato che non hai scritto NULLA di costruttivo se non citare organi genitali, parlare di "cosi del ca..o" e accusarmi di proporre "specchi per le allodole", cosa che io garbatamente non ho inteso come sinonimo di "truffa". Mi pare di aver capito che tu stia per aprire un'attività in proprio, spero per te che vada bene, e vedrai che il concetto di "bisogna fare le cose come le vuole il cliente" ti diventerà chiaro in breve tempo. A quel punto il mio discorso sull'offrire il miglior servizio alle condizioni del cliente ti sembrerà limpido come l'acqua. Per fortuna la gente non e' stupida e capisce da sola che non c'e' bisogno di scrivere "chi vuol diventare fotografo per le vacanze con gli amici o la famiglia" per farle capire che in 3 giorni di corso non si diventa Adams, inoltre se la gente suddetta è in grado di leggere noterà che nel PDF e' scritto esplicitamente che trattasi di corso rivolto a principianti o fotografi amatoriali. Pero' a qualcuno farebbe piacere avere un infarinatura su...ad esempio cos'e' un "eye-fish" o come si ritocca una foto fatta col chroma. Mi pare che qualche "critica" invece ti sia sfuggita e mi spiace che tu non voglia collaborare dando dei suggerimenti. Anche se mi sembra facile come comportamento fare "critiche" senza dare motivazioni o commenti sulle possibili alternative. Fai un po' di conti spannometrici tra costo di una macchina digitale che permetta die ssere usata completamente in manuale, probabilita' che venga rovinata o rotta, certezza di doverla rivendere come usata e vedrai che non è così terribile... Come puoi vedere dalla home chiunque può postare news o "farsi pubblicità". Per me discorso chiuso e amici come prima.
  23. Guarda, io sono sia l'organizzatore del corso che il relatore. Sono disponibilissimo ad accettare critiche (se costruttive) sul corso in merito. Esponi le tue opinioni chiaramente e si potrebbe pensare di apportare delle modifiche al corso, magari ne gioverebbero sia i partecipanti che il corso stesso. Per ora sulla questione durata/argomenti trattati e' ovviamente inutile parlarne dato che, come ben saprai data la tua esperienza, chi partecipa ad un corso simile vuole imparare tutto e subito. Pensa che alcuni clienti pagano una cifra nettamente superiore per avere lo stesso corso condensato in 4 ore pomeridiane. Offro (credo) un buon servizio con le tematiche e le tempistiche piu' consone ai clienti. Certo non posso offrire dei corsi come quelli dell'istituto di fotografia, della durata annuale dove si fanno 4 lezioni solamente sul diaframma, non perche' non mi piacerebbe o perche' non sarebbe utile, piuttosto perche' chi ha tanto tempo (e denaro) da dedicare all'argomento probabilmente e' gia' iscritto all'istituto di cui sopra. Sono 15 anni che faccio foto e ritengo di avere ancora da imparare, semplicemente metto a disposizione la mia esperienza nel modo in cui la gente vuole ottenerla. Ora possiamo aprire il dibattito sulle modifiche apportabili, promettimi solo una cosa: da qui in poi cercherai con educazione di non parlare piu' di "corsi del c...o" perche' c'e' qualcuno che passa mesi per preparare un "corso del c...o", per fare delle slide chiare ed esplicative, che mette a disposizione attrezzature e tempo, che prepara dei CD o DVD con i manuali o che potrebbe chiedere il doppio del prezzo come fanno altri professionisti, ok ?
  24. thumb
    Si terranno a Torino il 17-18-19 Marzo i corsi base di fotografia classica e digitale di OffiCine Italia. Grazie alla collaborazione di Treddi.com sarà possibile usufruire di uno sconto del 15% per gli utenti platinum e di uno sconto del 5% per tutti gli altri utenti registrati. Ulteriori informazioni a questo LINK.
×
×
  • Create New...