Vai al contenuto

Nuovi Contenuti

Showing all content posted in for the last 365 days.

Questo stream si aggiorna automaticamente     

  1. Ultima ora
  2. W.i.p. render bagno villa modernista

    Quando dici di creare una dome con una mappa vray sky intendi la standard vray sky che si crea quando attivo il vray sun? oppure esistono altri tipi di sky map che posso inserire?
  3. thumb
    Rendering, modelling, progettazione BAR
  4. Oggi
  5. chiarissimo, grazie mille delle info. Dei LOD non penso che ne avrò troppo bisogno, magari della fisica forse sì, ma vabbè intanto per incominciare va più che bene anche la modalità fantasma
  6. Attestato Autodesk per insegnare

    Ciao ragazzi, volevo sapere come era possibile acquisisre il certificato autodesk per insegnare. Mi sono diplomato allo IED e ho seguito vari corsi alla gnomon school, ma nessuno di questi mi ha rilasciato un certificato Autodesk per poter insegnare in Italia o all'estero. Mi trovo a Roma e vorrei fare questo esame, conoscete per caso qualche scuola o istituto serio che rilasci questo certificato? In più volevo sapere se secondo voi ne vale la pena farlo oppure è solo un pezzo di carta senza valore? Grazie
  7. Bugatti Chiron Sport W.I.P.

    thumb
    Condivido un W.I.P. che sto realizzando, il soggetto di questi render è la nuova Bugatti Chiron Sport. Essendo una versione molto sportiva ho deciso di esegure una serie di fotoinserimenti in corsa e forse qualcuno in posa. Vorrei esaltare attributi di quest'auto come l'alettone e il colore rosso fuoco, ma è un w.i.p. quindi mai dire mai :) Per iniziare ho deciso di fare delle prove voloci su i backplate disponibili, lo scopo è vedere che scatti posso ottenere da questi sfondi. Quindi non sono post prodotti e neppure il lighting è settato per bene perchè quello che voglio capire è su quali sfondi investire il mio tempo. Spero vi faccia piacere, a presto :)
  8. Yes since 2014 with 4.7 when was cost 19$ per Month
  9. At the moment, as old udk users, we only produce with ue4 but if we'll produce with cryengine, I will happy to publish the works. Do you use ue4?
  10. W.i.p. render bagno villa modernista

    Hai ragione infatti ma ha fortemente insistito per provare questa opzione, io purtroppo sono solo una semplice dipendente in questo studio e non mi posso opporre più di tanto....
  11. Vray 3,6 vs Octane 3/4 (x modo)

    Ciao, se stiamo parlando unicamente di GPU rendering e unicamente di MODO, vRay è, ad oggi, una spanna sopra ad Octane sicuramente. Conosco tante persone che si sono allontanate proprio da quest'ultimo per via dei tempi di sviluppo lunghissimi e la poca chiarezza dei developer. Ho provato velocemente il DOF (la sfocatura) con GPU e funziona tranquillamente, ti consiglio comunque di scaricare la demo della 3.6 per MODO e provarla direttamente. Quando parli di Hybrid rendering tieni conto che, semplicemente, la tua CPU sta simulando una GPU, quindi sta facendo girare lo stesso codice. Quello che ottieni è lo stesso identico risultato del GPU render classico con un leggero (o meno leggero, dipende dal rapporto di potenza tra CPU e GPU) boost di velocità. Tieni conto che ad oggi i vrscans su MODO non sono supportati a livello di GPU rendering ma sono già stati implementati in vRay 4 per 3dsmax (e quindi arriveranno anche da noi nell'arco di un annetto). Di marketing, per quella che è stata la mia esperienza, c'è ben poco. Io ero molto contrario ad utilizzare vRay agli inizi ma dalla 3.6 in poi c'è stato un salto di prestazioni, qualità e semplificazioni incredibile.. non mi è più possibile tornare indietro al render interno di MODO sia per questioni di tempistiche (i render sono molto più rapidi) che per semplicità di settaggio (nel caso tu voglia usare GPU rendering, si è ridotto al semplice noise threshold). Per altro noi utenti di MODO abbiamo l'enorme fortuna di avere Vladimir Nedev tra gli sviluppatori.. uno dei programmatori con più anni di esperienza dentro Chaos Group, estremamente competente e disponibile, ha lavorato in passato su vRay for Maya.. insomma, c'è andata più che bene
  12. UVW Map

    grazie per le risposte ragazzi. Quindi solo unwrap come pensavo... non esistono altre strade.
  13. Costruirsi uno scanner 3d low cost (food scan terza parte)

    Ciao Motocad, infatti ne volevo comprare uno perché risparmi tanto e viene anche più bello e preciso. Se ne hai uno da buttare vale sicuramente la pena. Credo che se metti un potenziometro sulla tensione riesci a controllare la velocità e con un relay lo fai partire e fermare senza problemi. Se lo fai fammi sapere!
  14. Ah ok. With renderfarm u dont need it for sure I would like to see some your projects with cryengine.
  15. Costruirsi uno scanner 3d low cost (food scan terza parte)

    forse si potrebbe usare un vecchio giradischi a cinghia alimentato con una tensione più bassa ,125 invece che a 230,per farlo andare più piano,si risparmierebbe un sacco di lavoro
  16. No, I followed his projects a bit but I have never tested the gpu bake, we work on render farms, sometimes with cloud, also ue4, cryengine, unity etc.. have already pretty solid and fast engines for the amount of work, so I never felt the need, but it seems promising.
  17. Costruirsi uno scanner 3d low cost (food scan terza parte)

    no vabbè...questo me l'ero perso, ma ora tocca che mi prendo le ferie e lo faccio! grazie!
  18. W.i.p. render bagno villa modernista

    Pareti di velluto in bagno?????? Ma come fanno????? una volta l'anno tolgono tutto e lo strizzano per asciugarlo?
  19. Che spettacolo!! Posso chiederti come crei il pass delle linee?
  20. UVW Map

    Il tuo amico poteva almeno mapparteli i modelli, si è preso il divertente e ti ha lasciato da fare la parte noiosa.. Concordo, Unwrap.
  21. UVW Map

    il modificatore uvw map non basta per risolvere quelle coordinate di mapping. Devi usare il modificatore unwrap. Cerca qualche video su youtube.
  22. UVW Map

    thumb
    Buongiorno a tutti. Premetto che dopo una consultazione nel forum per quanto riguarda questioni legate al'UVW Map non ho trovato nulla riguardo ad un problema simile. Se per caso mi fosse sfuggito mi scuso con gli admin e con gli utenti in anticipo. In pratica devo renderizzare diversi modelli che un mio amico ha modellato in Blender. Importando il modello in 3dsMax tramite FBX purtroppo ho notato lo stesso problema per la maggior parte dei modelli: applicando il modificatore UVW Map ho il seguente errore. Qualcuno di Voi gentilmente potrebbe aiutarmi al riguardo? Grazie in anticipo a chi in qualche modo potrà aiutarmi. RC
  23. Yeah i know what u mean about freedom But it' s a great job. Did u try to building the scene with GPU method by luoshuang? (The same guy who wrought the multybounces method)
  24. LOD = Level of Detail sono diversi modelli dello stesso oggetto via via con meno poligoni e servono per evitare un eccessivo peso del livello. Se ti trovi vicino all'oggetto esso sarà visualizzato col modello con più poligoni, se ti trovi invece lontano il motore usa un modello con meno poligoni. Questo permette di alleggerire la visualizzazione della scena Le mesh per la fisica o collisioni servono oltre che per creare effetti fisici tipo rimbalzi o urti anche per creare barriere o muri che non puoi oltrepassare. Infatti se importi le mesh e le inserisci nel livello noterai che sono come fantasmi, si vedono ma ci puoi passare attraverso perchè non hanno mesh di collisione. Entrambe le cose le puoi comunque fare in Unreal Engine (i LOD puoi proprio non metterli) attraverso apposite sezioni del programma ma se le importi già sarebbe meglio in quanto gli strumenti del software sono molto basilari. Anche perchè penso che importerai il modello direttamente da 3ds max e dunque editare un oggetto di questo tipo risulta più complesso (a meno che non scomponi il modello in singole parti come pareti, pilastri, finestre, ecc..).
  25. Perdona la mia ignoranza, per la fisica e i LOD sarebbe a dire? L'idea mia era di dare la possibilità ad un possibile cliente di "camminare" dentro l'architettura così da capire meglio il progetto proposto, o anche dei semplici video.
  26. Costruirsi uno scanner 3d low cost (food scan terza parte)

    Grazie @Fabio D Agnano bellissimo tutorial! Vediamo se qualcuno dei nostri utenti sarà in grado di fare uno scanner seguendo le tue istruzioni
  27. Ciao a tutti, torno con un articolo su Treddi.com com dopo una vita (oltre quindici anni dal primo) Questo articolo segue gli altri due pubblicati da Gabriele Simonetta e Carlos Faustino sul food scan (prima e seconda parte). Questo making of è un po' insolito perché mostra come realizzarsi in casa una macchina che aiuta nello scatto in serie di tante immagini per fotogrammetria. Non è quindi un tutorial di immagini ma di elettronica e DIY. Come avete visto negli articoli precedenti, le scansioni 3d sono ormai alla portata di tutti grazie alla fotogrammetria, che in poche parole permette di acquisire un dato tridimensionale dalla comparazione di tante immagini dello stesso oggetto da posizione diverse. Quello che otteniamo è prima una 'nuvola di punti' (tanti punti non connessi) e poi un mesh (serie di triangoli legati fra loro), oltre che una texture già mappata. Una vera pacchia! La parte di acquisizione fotografica è molto importante perché è necessario avere tanti scatti, poche ombre e riflessioni. Questa macchina quindi fa questa operazione: gira l'oggetto tramite piatto girevole (di un numero di gradi che puoi impostare via software), invia un segnale a infrarosso per far scattare la foto appena l'oggetto si è fermato. Ripete l'operazione fino alla conclusione del giro. Tutto qui, ma le foto vengono scattate in modo accurato e automatico. L'idea è quella di riprodurre più o meno questo prodotto, ma di utilizzare una macchina professionale invece di un telefonino. L'idea di partenza è quella di realizzare un economico sistema di 'giratutto' automatico, detto 'LazySusan', partendo da uno sgabello Ikea, tipo questo. Siccome avevo proprio uno sgabello rotto a casa e stavo seguendo il workshop di tre giorni organizzato da Im-Arch (http://www.im-arch.com/), ho iniziato con quello che avevo in casa: lo sgabello, viti e altra ferramenta, uno spinner di mio figlio, e naturalmente un Arduino. Questo è nello specifico il materiale che ho usato: Arduino UNO standard;TB6560stepper driver (sono driver per motori passo passo, molto economici e funzionano bene);motore passo passo a quattro filimacchina fotografica Canon EOSled a infrarosso per comandare la camera I) parte meccanicaPer prima cosa quindi ho preso un pezzo di legno e lo ho forato in modo da poter alloggiare lo spinner (giochino con dei cuscinetti a sfera che limitano la frizione nelle rotazioni). Su uno dei lati della tavoletta ho preparato l'alloggio per il motore passo passo, che con una cinghia fa girare la ruota. Questa è solo una delle mille possibili soluzioni. Vorrei infatti prepararne una seconda tagliata al laser, di legno con sole ruote dentate. In questo caso come accennato ho usato uno spinner. Se lo aprite trovate vari cuscinetti a sfera che possono essere utili per limitare l'attrito. II) parte elettronicaIl cuore del sistema è un semplice Arduino Uno. Per chi non la conosce è una scheda di prototipazione elettronica che può contare su una comunità enorme di appassionati, completamente Open Source. Se non ci avete ancora fatto un giro, vi consiglio davvero l'esperienza. Costa molto poco e è un prodotto Made in Italy (Massimo Banzi). La trovate però per tutte le tasche da ogni parte del mondo. La scheda (nella foto in blu) viene programmata come vedrete nella parte software, da computer via USB, e poi ripete il ciclo all'infinito. Accanto alla scheda c'è un driver per motori passo passo (verde) e in alto a destra il motore vero e proprio. Si riesce a comprare tutto per poche decine di euro. Oltre a questo, ho aggiunto un piccolo led a infrarossi, come quelli che si trovano nei telecomandi. Manda una serie di impulsi luminosi che noi non vediamo ma che possono far partire delle azioni. La mia Canon 600D per esempio può ricevere l'infrarosso del telecomando per scattare la foto, mettere a fuoco e molto altro. Con questo semplice led si può sostituire il telecomando della macchina fotografica e azionarlo tramite Arduino alla fine di ogni porzione di giro. Questo è il led: Unica accortezza: che sia perfettamente visibile dalla macchina fotografica. Purtroppo ce ne sono di vari tipi. Vi dico quindi quello che ho usato perché sicuramente è compatibile: Grove IR sender. E' un po' caro (5 euro circa) ma garantisce una portata maggiore rispetto a quelli da un euro e funziona sicuramente. III) parte softwarePer la parte software si entra nel coding puro, con Java e Arduino. La sostanza è molto semplice: dichiarare alcune variabili, importare librerie e far partire un loop che dice (in pseudocode): attento al bottone! (input)se viene premuto il bottone fai fare un tot di passi al motore (output), manda la sequenza inrarossi, torna far fare giri al motore e a mandare sequenze IR fino a quando non hai terminato il giro. torna a stare attento al bottoneriposati pure per qualche millesimo di secondo.Ecco una schermata del codice, che allego in ogni caso. Questo è il codice come riferimento, da scaricare e modificare a piacimento. E infine un video che riassume un po' tutto: So bene che per molti quello che ho scritto è arabo puro, e lo era per me anche qualche anno fa. Poi mi sono appassionato e grazie alle mille risorse on line e all'aiuto di chi ne sapeva più di me mi sono davvero divertito e ho imparato molte cose. Queste informazioni sono davvero utili per costruire macchine che aiutano a scansionare texture, oggetti, eccetera. Non è un caso infatti che al nostro master (www.masterad.it) la parte di modellazione 3d è abbinata anche al coding e alla prototipazione elettronica. Non esitate quindi a farmi qualsiasi domanda, sperando di potervi essere di aiuto. Un saluto, Fabio D'Agnano
  1. Load more activity
×