Jump to content

About This Group

Contenuti tecnici, esperienze personali, link e notizie utili per la diffusione, condivisione e collaborazione in ambiente Revit BIM, in questo GRUPPO sono ben accetti.

  1. What's new in this group
  2. Aprire la medesima discussione in due sezioni separate non ti farà certo avere più risposte. Tra l'altro questo gruppo non è stato stato pensato per rispondere a domande ma per condividere esperienze. Chiudo la discussione con la certezza che in "Autocad e programmi CAD" qualcuno avrà la bontà di aiutarti. Grazie per la comprensione.
  3. thumb
    Buonasera a tutti, il problema che pongo oggi fa partre dell'unione dei muri su revit, vorrei realizzare un perimetro murarario che sia totalmente continuo, e sopratutto nella configurazione geometrica dei giunti, poichè non ho la possibilità di poter selezionare solamente il giunto distinto e separato, la geometria dei muri è costituita dalla tipologia "facciata continua generica-divisione verticale" con sostituzione interna della configurazione con mattoni personalizzati, quindi, è possibile poter ottenere la connessione separata dall'apparato murario così da poterla selezionare separatamente? (l'intento è poterlo esportare in dwg, per poi essere aperto su rhino e poterci lavorare mattone per mattone e connessione per connessione) e grazie a tutti in anticipo
  4. La spengo sempre, anche se mi allontano un'ora, vecchie abitudini dure a morire. Al primo avvio, dopo aver montato tutto l'hardware ed i - pochi - software, l'SO caricava in pochissimi secondi; dopo meno di un anno siamo già al doppio. I programmi si avviano velocemente, per via dell'HD performante, ma sempre meno. Win si impantana con il tempo c'è poco da fare. Altro fattore sono le release AD che escono ogni anno e come dicevo, formatto quasi sempre perché installo l'ultima versione di tutto, un paio di mesi dopo le uscite ufficiali. Ma sono dettagli ed abitudini personali, più che reali necessità. P.S. Il mio desktop è a sfondo nero ed ha solo il cestino. Lo so...è patologico.
  5. non sono d'accordo. la mia WS è accesa 24/7, riavvio una volta al mese, dipende magari dopo 3-4gg oppure no. riavvio solo quando serve.... di fatto la macchina configurata e stabile ed è la macchina che uso anche per internet è stata formattata l'ultima volta nel 2016
  6. Eh, già, sopratutto per eliminare quei softwerini che scarichi perchè ti servono una sola volta. Io infatti ho imparato ha cercare quanto più possibile i programmi con installazione portable.
  7. So che pare una follia ma ogni anno, al massimo due e guarda caso dopo aprile, faccio un formattone generale e re-installo tutto. Ho una lista di software necessari e di impostazioni da settare, in questo modo mantengo reattivo il SO ripulendolo. Scoccia parecchio ma in una fine settimana si fa tutto.
  8. @Luca Ferraretto no, ho scritto male. Voi siete piu avanti. Comunque ultimamente sto provando diversi software per cui l C; si e" riempito (Navisworks, Blender, ) poi ho iniziato a uare le API con C per cui ho dovuto installare il kit da sviluppatore per C# probabilmente ho accumulato troppa roba che non mi serve... Posso postare uno screenshot della ws imballata ( Task manager) ? naa meglio aprire un altro thread. Stavo salvando un file con Photoshop, un artboard pesante da 250mb, che ho elaborato e ci ha messo qualche minuto. Devo dire che e' la prima volta che uso un file cosi pesante (cioe' alta definizione) con Photoshop.
  9. Bhè dipende dalla quantità e peso dei software, io per non sbagliare ho un nvme da 500gb su cui scarico anche il dropbox. Poi ovviamente un nas complessivo per l'ufficio e un disco esterno da 3tb per il backup di dropbox e nas.
  10. A me sta bastando un m.2 da 250GB per l'SO e i software (ho ancora 70GB liberi). Storage, immagini, download, documenti, ecc. tutto sta su altri SSD ma non sul C. Sono tutti di taglio piccolo non superiore a 500GB, un meccanico da 1TB per il backup giornaliero e un NAS con 2 dischi meccanici da 2 TB per i backup settimanali totali. Mi trovo bene così. Mi rimane uno slot libero per un secondo m.2, che metterò da 500GB più avanti.
  11. Spero tu non abbia veramente un ssd da solo 256mb, intendevi gb? Comunque se hai anche un altro disco fai in modo di spostare tutti i file su quello. O al limite prendere un ssd di quelli classici e non nvme, tanto ormai non costano più niente.
  12. il mio collo di bottiglia non e' la GPU ma la memoria ssd solo di 256 Mb, costosa si , ma lo prenderi almeno 516 se potessi tornare indietro. Ormai e' pieno.
  13. Grazie @ferruccio della schiava Ma non riesco a ponderare l'acquisto. Quanto e quando viene usata una scheda video nei programmi 3d? Intendo quando è sfruttata al limite.
  14. @Luca Ferraretto Ho votato una 1060 6GB. Difatti appena ne trovo una ad un prezzo decente - intendo sotto i 200€ - la prendo per arginare il problema, intanto che attendo sviluppi su Enscape e sull'implementazione dell'RTX.
  15. Ciao, dato che ci sono, come ti trovi con la 1050? Ho creato un sondaggio proprio ora per sceglier una vga modesta per una build.
  16. Io l'ho comprato un po troppo presto forse. Ho la Ryzen 1700 e le mobo erano appena uscite e non ottimizzate...comunque non mi pento dell'acquisto ma visto col senno di poi, se dovessi scegliere non lo rifarei oggi, domani vedremo come andra' @ferruccio della schiava grazie per il link. La Cache L3 cosa significa? Io ho 4 memorie da 16, mi pare 2000. Ma come fai a non avere la scheda grafica aggiornata e poi mettere in tavola 20 viste realistiche? Io ho solo una 1050Ti ,certo sono pronto da un giorno all'altro se mi chiedono di produrre video con Lumion a metter su una top class.
  17. @EMR Una delle prime considerazioni era quella di cambiare e dare una chance a AMD, dopo anni di processori Intel. La seconda, che una manciata di hertz in più o in meno non mi cambiavano la vita. L'ultima poco ortodossa, il feeling generale. Dopo mesi di utilizzo posso dire che: non ho mai avuto una schermata blu, mai un problema di driver o di installazioni; l'unico vero fastidio l'ho avuto al tempo, nella scelta della RAM e un po' di pazienza nell'ottimizzazione della configurazione, che ho leggermente overcloccato. A pelle e senza test o benchmark vista la considerazione fatta prima, l'intero e non solo il Ryzen 7 2700x, si comporta molto bene. In quali ambiti? Montaggio audio/video (Camtasia), manipolazione di immagini (Affinity), Cad (saltuario), Revit (tantissimo), "render" Enscape. Unico e grande collo di bottiglia ad oggi è la scheda video che ancora non ho cambiato. Questo non mi permette di fare una valutazione serena del tutto, soprattutto con Revit dove, per esempio, l'utilizzo dello space mouse 3Dconnection è un po' sacrificato, obbligandomi in viste pesanti da gestire, ad usare la tastiera per muovermi (impianti soprattutto). Ma attendevo l'uscita della serie 20 RTX, per Enscape. Comunque attenderò ancora perché non è ad oggi implementato. Sono abituato a fare i conti in prospettiva e sul lungo periodo. Una configurazione deve darmi la possibilità di aggiornamenti futuri e deve durare almeno 5 anni, se più meglio. Mi sono confrontato molto con Zatta prima di decidere cosa prendere ed al tempo abbiamo fatto, anche qui sul forum, diverse considerazioni. Assemblata la macchina i test fatti sono empirici e su lavori precedenti e visto il notevole miglioramento, mi sono fermato a quelli. Anche perché la nuova WS crea assuefazione immediata e quello che oggi è veloce diventa lento domani, p.es. quando in Revit cerchi di mettere in tavola 20 viste Realistiche quando fino all'altro giorno 10 già laggavano. Per l'uso dei core multipli ti rimando a questo link, che molto probabilmente hai già letto. Speriamo che i limiti di sfruttamento dei processori vengano migliorati nelle future release di Revit. Archic@d, per differente struttura già lo fa egregiamente e se AD portasse Revit alla metà della sua velocità, sarebbe una grande cosa. https://knowledge.autodesk.com/it/support/revit-products/learn-explore/caas/CloudHelp/cloudhelp/2019/ITA/Revit-Customize/files/GUID-718EFE7C-1F2C-4543-8A6F-225E60E23951-htm.html
  18. Anche io vorrei provare come si comporta l'i7-8700K, di revit non ne faccio un uso intensivo quindi non potrei dire. Cosa su cui non posso sostenerti è l'affidabilità della piattaforma ryzen, non riesco a capire come tu abbia fatto ad aver tutti questi problemi, io ho montato la cpu fornitemi da amd con il boot kit (poi restituito), aggiornato bios, installato ryzen 2nd gen e poi mai più avuto problemi. Probabilmente si tratta di problematiche della tua scheda madre.
  19. io ho letto questa discussione solo ora, Tornassi indietro prenderei la intel i7-8700k per Revit, nel 2018 per tutte la varie seccature collegate agli aggiornamenti dei driver e reinstallazioni e schermi blu etc e perche Revit non sfrutta molto il multi-core della Ryzen, le cose che dici @ferruccio della schiavasui vari usi come fai a misurarle? Io ho visto invece che si piantava bene sull'uso di un solo core (tra l'altro Autodesk ha mai rilasciato qualcosa di ufficiale a tal proposito? E in caso negativo, perche non lo fa?) Nel 2019 vedremo, visto che REVIT e' diventato parte di una suite e ho allargato le mie conoscenze anche ad altri software (Vedi 3dSMax+ Corona, Infraworks, Blender) non so cosa pensero' nel 2020...
  20. Ragazzi sto cercando di condividere l'album di foto del montaggio, ma mi da limite di 1.46 mb, come posso fare per condividerlo in maniera pratica? Va bhè, per ora ho creato un album su Imgur. Tutto sommato il pc non funziona male, sono abbastanza soddisfatto. Ciò nonostante, credo che per un uso intensivo di Autocad 2d avrebbe fatto più il mio caso un intel i7-8700k con un clock superiore. https://imgur.com/a/WsVkiF5
  21. thumb
    Seconda parte di questa mini-guida #BIM #Revit sull'utilizzo del PREZZARIO REGIONALE DEI LAVORI PUBBLICI per creare una lista di note chiave da usare nei progetti. Se la prima parte semplificata, che puoi trovare QUI , si focalizzava sull'esportazione parziale e solo delle prime due colonne, questa seconda parte è di sicuro più completa e ti insegnerà a raggruppare, convertire ed esportare l'intero contenuto del prezzario. Seguimi nella spiegazione, non è difficile. Per spiegarti cos'è il prezzario ti rimando al LINK della prima parte e ti ricordo che ogni regione ha il suo. Per il Friuli Venezia Giulia il file è "Prezzario_FVG_2018_SA", in formato *.xlsx. Procurati quello della tua regione, aprilo con Excel e vediamo insieme cosa contiene. Le colonne presenti definiscono le informazioni relative a: "Codice" codice numerico non parlante quale indicatore progressivo delle varie voci e separato da punti; "Breve" descrizione univoca della voce di computo; "Des.U.M." descrizione dell'unità di misura della voce; "Prezzo" il costo per unità di misura o a corpo; "% manodopera" valore in percentuale relativa all'addizionale per la realizzazione. Per far si che sia leggibile da Revit occorre però esportalo in un formato compatibile, ovvero un file con estensione *.txt, tenendo in considerazione che Revit legge solo le prime due colonne. Questo implica che l'esportazione diretta del file così com'è, comporta la perdita delle colonne dopo la seconda permettendoti di utilizzare solo le prime due, ovvero: "Codice" e "Breve", perdendo così le indicazioni su unità di misura, prezzo e manodopera in percentuale. Non preoccuparti ti spiegherò in modo semplice come ovviare a questo problema accorpando i dati direttamente in Excel; basta un po' di pazienza e manualità. Excel · Come unire più colonne senza perdere dati. In una cella libera, potrebbe essere la colonna "F", scrivi la seguente formula: =CONCATENA(B6;C6) dove "B6" e "C6" sono i campi da unire. Verificato il risultato, aggiungiamo tra i due campi due virgolette "" che fungono da separatore e che possono contenere del testo al loro interno. Sono necessarie nel caso volessi aggiungerlo per per indicare il contenuto, deducendolo dal titolo della colonna. Puoi usare se vuoi dei separatori per formattare al meglio le informazioni. Per esempio: =CONCATENA(B7;" | Des. U.M. = ";C7) Con questo criterio e con i testi separatori che avrai scelto, si possono accorpare tutte le informazioni delle colonne in una sola, come puoi vedere nell'immagine seguente. Lascio a te il compito di inserire in ogni riga la giusta formula, in base ai contenuti da raccogliere e in modo da non avere campi con testi inutili come questo qui sotto; dopo di ché puoi proseguire e iniziare la preparazione per l'esportazione. Excel · pulizia del file per l'esportazione. Innanzitutto elimina la prima riga contenente i "titoli" delle colonne, non ci serve più. Di seguito ma non è indispensabile, elimina il Bordo dal tutte le celle mettendolo su Nessuno. Ora devi fare ordine tra le colonne mettendole nella giusta sequenza, la colonna "A" con i codici delle note chiave rimane al suo posto, la seconda colonna "B" deve essere quella contenente i dati delle formule. Posto che il resto va eliminato perché, come sai, Revit ignora le colonne dopo la seconda e che se elimino i dati delle formule queste non funzionano più devi sostituire i valori alle formule. crea una nuova colonna "B", vuota. copia l'intera colonna contenente i risultati delle formule, dopo aver cliccato sull'intestazione, selezionando tasto destro Copia, o con ctrl+c. nella colonna vuota "B" con il tasto destro sull'intestazione di colonna , tasto destro ora seleziona Valori (V), così facendo copierai l'intera colonna dei soli valori delle formule, svincolando le colonne dati. A questo punto puoi rimuovere le colonne in esubero che non sono più necessarie. Excel - esportazione del file. In Excel, seleziona dalla scheda File il comando Esporta e da qui l'opzione Cambia tipo di file (il dischetto blu a sinistra), ora devi dire ad Excel in quale formato vuoi salvare, in Altri tipi di file, scegli l'opzione Testo (con valori delimitati da tabulazioni) (*.txt) e concludi salvando con l'altro dischetto blu in basso, in una cartella di tua preferenza e con il nome che preferisci. Io preferisco mantenere quello originale "Prezzario_FVG_2018_SA". Conclusa la prima parte occorre segnalare a Revit in quale cartella abbiamo salvato il file del prezzario da usare come data base per le note chiave dei tuoi progetti. Dopo aver aperto un file qualsiasi in Revit, dal menu Annota sotto Nota chiave seleziona il comando Impostazioni nota chiave, dove andrà indicato il nuovo percorso all'interno del tuo computer. In questa finestra puoi anche Visualizzare il contenuto del data base o Ricaricare il file scelto in caso di modifica. Un avviso ti notifica che il file non si trova nelle librerie di Revit; meglio così perché in caso di re-installazione le cartelle vengono sovra scritte eliminando i files aggiunti; un altro avviso ti informa della corretta lettura. Con l'operazione di verifica si conclude la mini-guida, ora puoi utilizzare le voci del prezzario regionale nei tuoi progetti con tutte le informazioni presenti nell'originale. Per capire il risultato vedi l'esempio sottostante. (le etichette sono state personalizzate su richiesta del cliente). - · - Se hai gradito questo tutorial metti un like (il pollicione alzato qui in basso a destra) o conferma una delle competenze presenti nel mio profilo LinkedIN. Grazie.
  22. thumb
    Prima parte di una miniguida #BIM #Revit, relativa alla possibilità di utilizzare il PREZZARIO REGIONALE DEI LAVORI PUBBLICI per creare una lista di note chiave, da usare nei progetti di Revit. Occorre lavorarci un po' ma non c'è nulla di complicato. La guida si riferisce alla mia regione ma il processo è unico ed è valido anche per i prezzari relativi ad altre regioni. Innanzitutto ti spiego cos'è il prezzario e per farlo userò quanto scritto nel sito regionale: Il prezzario contiene un sistema codificato di voci che descrivono gli oneri compresi o esclusi dal prezzo dei magisteri, i prezzi di una serie di materiali a piè d’opera, dei noli, i costi orari della manodopera. Il file contenente queste voci, per solo Friuli Venezia Giulia, si scarica dal portale regionale www.regione.fvg.it e direttamente a questo LINK. Dopo aver scaricato il file "Prezzario_FVG_2018_SA" in formato *.xlsx lo apri con Excel e vediamo insieme cosa contiene. Le colonne presenti definiscono le informazioni relative a: "Codice" codice numerico non parlante quale indicatore progressivo delle varie voci e separato da punti; "Breve" descrizione univoca della voce di computo; "Des.U.M." descrizione del'unità di misura della voce; "Prezzo" il costo per unità di misura o a corpo; "% manodopera" valore in percentuale relativa all'addizionale per la realizzazione. Per far si che il prezzario sia leggibile da Revit lo devi esportare in un formato compatibile, ovvero un file con estensione *.txt, tenendo in considerazione che Revit legge solo le prime due colonne, nel nostro caso: "Codice" e "Breve" e che le stesse devono rimanere inalterate nel loro formato, quindi controlla: Formato celle / Categoria / Generale. Se questo è quello che vuoi ottenere devi eliminare tutta la riga "1", contenente i titoli ed anche le colonne che non ti interessano, ovvero la "C", la "D", la "E". Passiamo ora all'esportazione del file. In Excel, seleziona dalla scheda File il comando Esporta e da qui l'opzione Cambia tipo di file (il dischetto blu a sinistra), ora devi dire ad Excel in quale formato vuoi salvare, in Altri tipi di file, scegli l'opzione Testo (con valori delimitati da tabulazioni) (*.txt) e concludi salvando con l'altro dischetto blu in basso, in una cartella di tua preferenza e con il nome che preferisci. Io preferisco mantenere quello originale "Prezzario_FVG_2018_SA". Conclusa la prima parte occorre segnalare a Revit in quale cartella abbiamo salvato il file del prezzario da usare come data base per le note chiave dei tuoi progetti. Dopo aver aperto un file qualsiasi in Revit, dal menu Annota sotto Nota chiave seleziona il comando Impostazioni nota chiave, dove andrà indicato il nuovo percorso all'interno del tuo computer. In questa finestra puoi anche Visualizzare il contenuto del data base o Ricaricare il file scelto in caso di modifica. Un avviso ti notifica che il file non si trova nelle librerie di Revit, meglio così perché in caso di re-installazione quelle cartelle vengono sovrascritte eliminando i files aggiunti; l'avviso seguente ti informa della corretta lettura. Con l'operazione di verifica si è conclusa la prima parte di questo #tutorial #BIMREVIT. Ora puoi utilizzare le voci del prezzario regionale nei tuoi progetti ma senza le informazioni presenti nelle colonne che abbiamo dovuto eliminare; se il risultato che volevi è questo puoi pure fermarti qui ma se ti servono tutte le informazioni contenute, attendi la seconda parte che pubblicherò a breve. Se hai gradito questo tutorial puoi farmelo sapere mettendo un like (il pollicione alzato qui in basso a destra) o confermando una delle competenze presenti nel mio profilo linkedIN. Grazie. #corsibim #corsirevit #corsirevitudine
  23. @Marco Gilli ...se ci sei batti un colpo
  24. Ciao a tutti, sono un nuovo utente e come ninja3d vorrei capire meglio su quale applicativo andare per fare il salto dal 2D/3D al BIM. Il mio studio si occupa solo di termotecnica e prima di affrontare l'investimento mi piacerebbe sentire il parere di chi già usa un software come Revit MEP, Magicad, DDS o sw analoghi. Leggo che motocad usa Magicad, potresti cortesemente darmi la tua opinione? Grazie a tutti
  25.  
×
×
  • Create New...