Vai al contenuto

Info sul Gruppo

Club aperto a tutti per parlare di problematiche e soluzioni relative alla comodità sul posto di lavoro spaziando da tastiere/mouse a sedute, scrivanie e corretta illuminazione

  1. Che cosa c'è di nuovo
  2. Ciao ragazzi, qualcuno ha provato quelle sedie ergonomiche sulle quali si sta sedute sulle ginocchia che si incastrano? come vi trovate?
  3. Zio Pou

    Mouse

    Si il verticale è sconsigliato per un grafico o per chi comunque ne fa un uso di precisione. ps Ottima scelta l'Mx Master.
  4. Serenissima93

    Mouse

    La fregatura del verticale per chi disegna è che è un problema premere il centrale, almeno per me, perchè come scritto sopra devi opporre il pollice come resistenza e risulta instabile. Oltre a dover farci abitudine. Ah, mi è arrivato l'Mx Master e ho aggiornato sopra.
  5. Zio Pou

    Mouse

    Avendo avuto per parecchio un'infiammazione del tendine abduttore ho adottato varie strategie , per un pò tempo ho utilizzato questo MOUSE SCULPT COMFORT BLUETRACK BLUETOOTH (H3S-00002) avendo già dei miglioramenti ma il problema l'ho risolto con un Mouse Ergonomico Verticale. Ovviamente c'è da abiutarsi.
  6. Serenissima93

    Mouse

    Si, io usavo mouse without borders di microsoft e infatti ho preso la vecchia versone da warehouse di amazon.
  7. I dpi contano ma fino ad un certo punto, già con la prima versione si lavora benissimo, ovvio che se hai il tavolo in vetro la nuova versione andrà meglio. Per quella genialata del "flow" che tanto pubblicizzano sul nuovo modello, già lo facevo 3 anni fa con un mouse da 3 lire e un programmino free che si chiama synergy https://synergy.it.uptodown.com/windows e gestisce mi sembra fino a 9 computer..... io lo usavo con 3 ed è sempre stato perfetto.
  8. Serenissima93

    Mouse

    Si, io l'ho acquistato proprio per le mie mani grandi anche se son quasi convinto che sarà comunque piccolo per me. E per il fatto di tasti, si l'avevo già verificato nella miriade di recensioni in inglese che ho guardato. Spero almeno che abbia il centrale leggero, il resto non importa più di tanto. Per il dpi non capisco cosa possa cambiare rispetto al restyling ovvero mx master 2s, che cambia solo per il sensore migliore e maggiori dpi, il mio roccat ha 6000 dpi e lo uso a circa 1400.
  9. Personalmente utilizzo mx Master da circa un anno, come hai già detto tu, acquistato causa tendinite costante e quasi impossibilità a muovere il polso. Allora, ergonomicamente un'altra vita, è fatto per mani grandi e bisogna tenerne conto, ma come forma è perfetto tranne che per un particolare, non ha un appoggio esterno per il mignolo che molto spesso scivola giù a toccare e strisciare sul tavolo. Riguardo ai tasti, ecco, onestamente i due interni sono molto piccoli e in posizione arretrata rispetto al pollice (che si va a posizionare all'altezza della rotella), quindi difficilmente utilizzabili, stessa cosa per il tasto interno sul pollice che, seppur più grande, è di scarso utilizzo perchè per premerlo devo sbilanciare tutto il peso su di esso, alzando in pratica il palmo dal mouse. Se fosse in rilievo rispetto alla scossa forse sarebbe più brutto ma più comodo. La rotella interna è comoda solo per il volume, non ho ancora trovato una funzione utile ne su autocad ne su 3dstudio, mentre tasto e rotella superiori sono molto utili, con documenti word kilometrici la rotella sbloccata è una pacchia. Rispetto a prima non riuscirei mai a tornare indietro con un mouse "economico", ci sono comunque sul mercato dei mouse gaming meno ergonomici dell'MX ma molto più pratici come tasti. Il mio consiglio alla fine è solo uno, mai comprare un mouse al buio, andate in un negozio grande, dove li tengono in esposizione, e provate a mettere la mano su tutti spingendo ogni tasto, solo così ci si rende veramente conto della misura e di quanto è utilizzabile.
  10. Serenissima93

    Mouse

    alve a tutti prima di tutto mi presento: Sono un geometra e collaboro in un piccolo studio di architettura, adoperiamo principalmente autocad 2d, pochi lavori edili, molto maggiore la parte di progettazione ingegneristica ovvero ferrovie e altri particolari progetti, l'ultimo è stata la posa di 7km di cavo tra due sottostazioni elettriche. Quindi progetti con planimetrie molto pesanti ed estese. Per questi motivi mi trovo spesso ad usare in maniere intensia e spesso nevrotica il mouse (ora è un semplice TeckNet Pro wireless) e ho riscontrato, penso come un po' tutti in questo forum, i soliti dolorini a braccio e mano. In particolare nell'ultimo periodo dolore all'avambraccio nella parte inferiore, e alla mano, nello specifico il medio, dito i cui tendini mi hanno sempre dato problemi durante la mia carriera perchè usato per il pan e per il zoom tutto (pratica che uso quasi come una deformazione professionale e che mi sta letteralmente distruggendo la mano). I problemi penso siano dati: dalla rotella troppo dura e dal fatto che la rotella è tonda, quindi un po' più ostica da premere. Per questo motivo ho deciso di acquistare un LOGITECH MX MASTER mouse osannato ovunque come perfetto mouse da lavoro. Io l'ho acquistato a circa 45€ su amazon warehouse deals. Vi lascio una recensione in cui parlano di tutto, il tasto per il pollice mi è sembrato molto interessante, come la seconda rotella anche se non ho ancora capito a cosa potrebbe servire nell'ambito cad). AGGIORNAMENTO: Mi è arrivato l'MX MASTER, l'ho provato per un po' e poi passato agli altri dello studio per un test. Partendo col dire che si vede che è un mouse premium e fatto bene, per il lavoro è fantastico. Il mio problema è che ho le mani grandi: 20cm da inizio palmo a fine dito medio, 26-27cm da pollice esteso ad indice, quindi, pur beneficiando ugualmente della perfetta ergonomia, mi son trovato a dover ritrarre il medio (arricciarlo verso di me) per poter cliccare la rotella del mouse. Questo mouse, se qualcuno vuole andare a cercarsi le varie impugnature (https://www.epicgear.com/en/technologies/types-of-mouse-grip) è un palm grip, forse io son più da tip grip, anche perchè non ci sono palm grip enormi per la mia mano. Quindi ho ordinato anche L'MX ANYWERE 2S che è il fratello minore più piccolo e anche leggero, magari potrebbe fare a caso mio. Un altro mouse, questo specifico per il cad, che ho trovato è appunto il CADMOUSE. Fabbricato dalla famosa 3Dconnexion, quella che fabbrica anche il famoso mouse 3d, questo è un mouse dedicato a professionisti cad, l'unica sua pecca è che costa più di 100 patacche. Ma ha 3 tasti, invece che i soliti 2, uno in più centrale dedicato alle funzioni pan e una possibilità enorme di personalizzazione dei tasti specificatamente per ogni programma e su alcuni programmi anche diversa di volta in volta in base alle modalità di lavoro selezionate. Per ultimo, un accenno sui mouse verticali, comprato un esemplare cinese su amazon: la posizione del polso è ottima per chiunque voglia navigare sul web e fare qualsiasi tipo di lavoro, tutto fuorchè lavoro al cad, dato che il click sulla rotella centrale in quella posizione è pressochè impossibile dato che c'è solo il pollice e bisogna posizionarsi bene in modo che faccia da buon antagonista, inutile dire che l'ho rimandato indietro. Saluti e se qualcuno ha qualcos'altro da dire sull'argomento ben venga.
  11. Serenissima93

    Tastiere,

    Ciao ragazzi, mi permetto di riesumare la discussione per dire la mia dopo una breve presentazione. Sono un geometra e collaboro in un piccolo studio di architettura, adoperiamo principalmente autocad 2d, pochi lavori edili, molto maggiore la parte di progettazione ingegneristica ovvero ferrovie e altri particolari progetti, l'ultimo è stata la posa di 7km di cavo tra due sottostazioni elettriche. Quindi progetti con planimetrie molto pesanti ed estese. Mi sono interessato molto recentemente dell'ergonomia, per la tastiera ho appena acquistato una Corsair K55 a membrana. Non so se si possano metter link, ma casomai toglietelo. https://www.amazon.it/Corsair-Tastiera-Retroilluminato-Multicolore-Italiano/dp/B01N99EOAT/ref=sr_1_4?ie=UTF8&qid=1528054891&sr=8-4&keywords=corsair Dovrebbe arrivarmi a breve, ma i benefici di questa tastiera spero siano: retroilluminaizione, poggiapolso che reputo fondamentale dopo un paio di test (ho preso un pacco di vecchi progetti dalla carta straccia, ne ho fatto un poggiapolso di fortuna e testato, in effetti la mano sinistra ringrazia molto, ma forse la mia scomodità risiedeva anche nel non aver mai frequentato un corso di dattilografia e quindi pigiare i tasti alla fai da te, secondo la mia opinione pigiare ogni tasto con il dito giusto potrebbe aiutare. Per questo infatti pensavo di attaccarmi ettichette con colori diversi dedicati al corrispettivo dito. Un esempio sotto) Un altra cosa per cui spero mi torni utile sono i tasti macro sulla sinistra che ho intenzione di programmare per autocad, lo so che si possono benissimo usare le lettere come si è sempre fatto ma magari può dare una marcia in più nella mia perenne ricerca dell'istantaneità tra pensiero-mano-macchina. Non è meccanica, cosa che non mi interessava molto, anche perchè una meccanica che non faccia rumore (in ufficio mi sembra coerente) deve avere i tasti marroni (cherry mx brown) e sono molto più costose. Se vi interessasse una meccanica con cherry mx red è in offerta la spartana Cherry MX-BOARD 3.0 su amazon a 50€, è senza poggiapolso che, separato, costa altri 20€. Comunque vi riaggiorno quando mi arriverà la K55.
  12. Complimenti per la soluzione! Anch´io sono alto più della media Quando ho acquistato la mia sedia volevano darmi una con sollevatore alto. Usandola con la scrivania altezza standard non risolvevo niente. Allora ho preso la sedia media. Con questa che hai tu potresti prendere una di queste https://www.trovaprezzi.it/prezzo_benessere-ergonomico_sedia_spinalis_rodeo.aspx che vanno tanto in altezza e sono a sella di cavallo cosi non scivoli. Praticamente stai seduto a 135 gradi (mezzo seduto) che dicono è la cosa migliore. Magari quando cambio la mia sedia mi faccio un tavolo come il tuo e cambio anche la sedia.
  13. Ciao, i monitor non sono fissi ma hanno 12 cm di regolazione in altezza. Come intravvedi dalle foto il piano tastiera ha 5 posizioni di regolazione, per un dislivello di circa 15 cm. Lo sgabello è regolabile in altezza fino ad un max della seduta di 80 cm. (ma ne esistono di più alti) Naturalmente tutto è fatto su mia misura, ma ugualmente regolabile! Inoltre in queste prime settimane confesso che stò talemnte bene in piedi che difficilmente mi siedo..
  14. L'idea è interessante, la cosa che mi lascia un po' perplesso è l'altezza fissa dei monitor. A lavorare ad altezza scrivania, quindi seduto normalmente, non sono troppo alti? tenere lo sguardo troppo in alto per guardare il monitor affatica vista e collo, con possibili problemi di cervicale
  15. Buongiorno a tutti, ho scoperto questo gruppo e voglio riportare la mia esperienza personale! Ormai da tempo cercavo di organizzarmi con una postazione creativa più ergonomica, attiva, facile e adattabile! Partendo da svariato materiale online, di cui riporto ad esempio questo link ho iniziato a cercare. In commercio ormai esistono svariate soluzioni di standing desk e sgabelli alti ergonomici, con regolazione di tipo meccanico/manuale ma anche elettronico, anche ikea ha la sua standing desk, ma costa circa 500,00€ mi sembra. un link utile per avere qualche indicazione di altezza veloce... Nasce così l'idea di farmela da solo visto che mi piace e mi diverto a costruire di tutto.. 1) Prima son partito con un semplice piano appoggiato su di uno scatolone: 2) proseguendo con vari studi approfonditi e test di altezza sfruttando gli strumenti professionali a disposizione (liibri e riviste come spessori e rialzi su rialzi...) sono approdato alla fase di progettazione: 3) per approdare poi alla fase definitiva...o quasi: Devo dire che mi trovo molto bene, più rilassato, concentrato, attivo, e la sera non ho mille dolori qua e la! Che dire, vi consiglio di provare se potete, che costa zero mettere un piano sopra ad uno scatolone!!
  16. Francesco La Trofa

    Tastiere,

    L'unica vera soluzione alla torsione del polso è probabilmente il mouse statico. Io da buon rottame non ho problemi al polso ma alla spalla ad esempio, perchè tendo ad alzare il braccio nella sua interezza. Ho parzialmente risolto con la seduta alta, che però tende a sovraccaricare maggiormente la schiena
  17. Manuel84

    Tastiere,

    Finora non ho mai risentito di grossi problemi al polso dx, anzi ne ho spesso sul sinistro, il che è strano perché non sono mancino... Personalmente non ho mai investito molto o fatto test particolari su tastiera e mouse, non perché non le reputo importanti ma perché finora non ho mai riscontrato grosse problematiche. Quando ne rompo una ne prendo una nuova in base a offerte/design, ma guardo sempre che ci siano un paio di cose: tastiera: tastierino numerico (ovviamente), tasti già pronti per multimedia e audio, retroilluminazione regolabile, non necessariamente rgb mouse: che abbia i 2 tasti laterali per il pollice, li utilizzo per il classico avanti/indietro nei vari programmi e ho l'impressione che mi velocizzino il lavoro. Sarebbe interessante capire chi lavora con i mouse 3D e se trova giovamento. Se ci sono vari utilizzatori possiamo aprire un thread a parte solo per i mouse 3D (per esempio quelli della 3dconnexion)
  18. murray

    Tastiere,

    Il problema della torsione verso l'alto del polso e' piuttosto fastidioso, infatti utilizzo un mouse pad, di quelli imbottiti nella posizione del polso. All'inizio potrebbe risultare scomodo ma alla lunga ne ho tratto giovamento. Niente più infiammazioni o fastidi all'interno del polso appunto ed e' una soluzione che permette di risparmiare diversi "pezzi da otto".
  19. ferruccio della schiava

    Tastiere,

    Come non detto. Se questa è la posizione della mano nella pubblicità, che sappiano non coincidere con quella reale di utilizzo un po' meno composta, le dita mignolo e anulare, scivoleranno inesorabilmente verso il piano della scrivania. Il mouse è alto più del solito, la torsione del polso verrà accentuata piuttosto che il contrario, soprattutto per chi ha la mano piccola. E lo sforzo per "tenere" composti ed uniti mignolo e anulare darà parecchio fastidio. Questo almeno per come uso io il mouse. L'indice fa sia scrolling che click sinistro e il medio il click destro e solo in particolari condizioni uso 3 dita. Se ci fate caso il mignolo è spesso impegnato a "dirigere" o "tenere" il mouse. Ed è una delle fonti del mio problema, qualche volta mi si informicolano mignolo e anulare. Sento maggiore giovamento in un mouse piatto. Almeno la torsione verso l'alto è minore a la rotazione meno accentuata se non azzerata.
  20. ferruccio della schiava

    Tastiere,

    No, purtroppo. Ma le accentate funzionano comunque (se ti ricordi dove sono). Aukey a quanto mi risulta sia tra le cinesi la meglio costruita. Un esborso di 40€ per entrare (ri-entrare per me) nel mondo delle meccaniche, ci possono anche stare. Poi in futuro si vedrà se investire in un modello pro. Non scrivo a 10 dita, è già un miracolo se ne uso 5 e non ho 20 tastiere. Già mi rompe averne 2/3 in cantina che non uso. In genere le regalo o le porto in discarica dove so che spesso passa qualcuno a prendersi quello che la gente butta. Sono l'anti geek per eccellenza . La Microsoft Sculpt Ergonomic che nominavi prima è davvero bella, mi intriga più il mouse però. Avendo qualche problemino al polso e se evitasse davvero la rotazione sarebbe eccezionale.
  21. Francesco La Trofa

    Tastiere,

    p.s. x ferruccio. La Aukey in oggetto è disponibile anche con il layout in italiano? La trovo soltanto con il layout inglese (come quella ritratta nell'immagine).
  22. Francesco La Trofa

    Tastiere,

    Per quanto Aukey sia una cinesata che ha fatto le sue fortune grazie ad Amazon (come Anker, ecc.), si tratta a mio avviso di un'ottima scelta per provare il funzionamento di una tastiera meccanica e capire se fa al caso tuo. Non è infatti necessario spendere 150 euro per una tastiera meccanica. Se ti troverai bene potrai optare per modelli di levatura superiore, come quelli con gli switch Cherry, che per forza di cose hanno un costo maggiore. La retroilluminazione se non giochi di per sè non serve a nulla, in quanto non devi fare switch tra varie configurazioni. Anche in ambito gaming è molto spesso più una connotazione di look che altro. Non ho esperienza con le tastiere meccaniche. Avevo provato una Corsair k70 (con Cherry Mx Brown), ma di prima impressione non mi ero trovato bene e non avevo approfondito. Non ho esperienza con i Blue. Se hanno clic udibile il casino è un po' usarle in uffici condivisi... Mi saprai dire tu :-) Ho molte tastiere (più per il fatto di essere geek che non per reale necessità) e correntemente utilizzo la k740 e la k800 (ho praticamente tutte le logitech...), che rispondono perfettamente ai requisiti per me ideali. Morbida, precisa, tasti a corsa molto breve e ghosting inesistente (qualità ideali se si scrive molto rapidamente utilizzando tutte e dieci le dita). Tra quelle più economiche, a membrana, per chi non ha esigenze particolari, ritengo valide la logitech k280, le dell kb216 e le HP slim. Tutte con tasti ad isola. Non amo particolarmente le soluzioni come la logitech k120, pur molto diffusa come entry level. Per le configurazioni a tasti ravvicinati preferisco salire di budget. Un prodotto che mi attira molto è la Microsoft Sculpt Ergonomic. Un altro concetto di digitazione, specie in accoppiata con il suo mouse, che consente di lavorare senza dover ruotare il polso. Appena trovo 100 euro da buttare avrete mie notizie in merito... a meno di non richiederla per una recensione... e avere voglia e soprattutto il tempo di farla
  23. ferruccio della schiava

    Tastiere,

    Alla fine l'ho ordinata. AUKEY 104 Full Keys Vintage Typewriter-Style. Pannello in metallo e Anti-Ghosting. Non ha gli switch Cherry MX Blue ma degli Outemu Blue. Necessitano di una pressione leggermente maggiore e per me è un pregio. Da molte parti ho letto che gli MX Blue sono troppo morbidi e portano a commettere errori di battitura. I caratteri non sono stampati ma realizzati con una tecnica chiamata doubleshot, molto più duratura. Poi ha quel gusto un po' macchina da scrivere che mi è piaciuto molto. Non è retroilluminata.
  24. ferruccio della schiava

    Tastiere,

    Una delle cose più sopravvalutate a mio parere è la scelta della tastiera. Personalemente trovo scomodi certi modelli in auento, scrivendo veloce e non essndo molto bravo, faccio moti errori che mi soctringono a riverere e correggere molte volte quanto scrutto. ...difatti questo è il risultato :-) Vediamo cosa offre il mercato e quali sono le varie tipologie di tastiere: membrana, scissor-switch e meccaniche. MEMBRANA - Sono le classiche tastiere vendute quando si acquista un PC. Vanno da modelli super economici ai più sofisticati che hanno delle caratteristiche avanzate. Mancano di feedback tattile, occorre arrivare a fine corsa, premendo i tasti, per ottenere risultato. SCISSOR-SWITCH - Tastiere con la "corsa" dei tasti molto breve, generalmente installate sui notebook e sui MAC. Leggere e sottili hanno un design accattivante. MECCANICHE - Tecnologicamente più evolute di quelle a membrana hanno prestazioni migliori. Offrono maggiore velocità di scrittura in quanto il tasto viene cliccato anche se non si preme il pulsante fino in fondo. Lo switch, il meccanismo di pressione del tasto, può essere di diversi tipi il più famoso ed utilizzato è il Cherry MX. Si trova in vari colori, ognuno dei quali soddisfa una determinata tipologia di utilizzo. Per le gaming si consiglia un Cherry MX Black o Red. Per le tastiere da scrittura è preferibile un Cherry MX Blue. La durata di questi switch è superiore rispetto ai modelli a membrana. Caratteristiche delle tastiere GHOSTING - E' un fenomeno tipico delle tastiere economiche. Avviene quando vengono premuti due tasti contemporaneamente (da questo i miei errori delle prime righe), al PC arrivano input in eccesso. Un altro caso è quando vengono cliccati più tasti contemporaneamente, il circuito della tastiera non riesce a svolgere tutti i comandi premuti. Le tastiere meccaniche, non tutte, hanno una tecnologia anti-ghosting che risolve questo problema. In alcune si trova la specifica del numero di tasti cliccabili allo stesso momento. 2KRO (Roll-Over) la tastiera può gestire due tasti alla volta; 3KRO ne può gestire 3; 6KRO per 6 tasti ed infine NKRO per un numero di tasti più elevato. KEY BOUNCING - E' il tempo necessario per poter cliccare nuovamente un tasto. Per premere due volte lo stesso tasto, occorre che si rialzi per il secondo click. Nelle tastiere meccaniche può essere anche di 1ms (molto basso). POLLING RATE - E' la frequenza con cui la tastiera invia il segnale al PC. Quelle a cavo sono tutt'ora le più veloci ed arrivare a 1000 Hz. GRAMMI - Alcune specifiche riportano il numero di grammi necessario ad attivare il tasto. Alcune tastiere meccaniche indicano 50 grammi, questo parametro determina generalmente il feedback tattile. PROGRAMMAZIONE - La possibilità di programmare i tasti, generalmente presente nei modelli gaming, in cui è possibile associare particolari funzioni o programmi ad alcuni tasti specifici, in modo da velocizzare al massimo l’esecuzione di un’operazione. RETROILLUMINAZIONE - Le moderne tastiere possono illuminare tutti i tasti con diverse tonalità di colori. In alcune questa funzione è personalizzabile. LAYOUT - Indica la disposizione dei vari tasti. Il layout italiano è ovviamente consigliato. Nelle tastiere top di gamma a volte si può modificare tramite software incluso. RUMORE - Purtroppo l'acquisto on-line non permette di valutare questa caratteristica da non sottovalutare, Su Amazon, per esempio, è possibile trovare i filmati per valutare il rumore dei pulsanti quando vengono premuti ripetutamente. SWITCH - Le CHERRY MX si suddividono in vari colori e ogni colorazione si differenzia per il peso necessario ad attivare il tasto, i millimetri sufficienti per attivare la pressione ed altre sottili differenze. Cherry MX Black: pressione di circa 60 grammi. Indicate per videogiocatori. Hanno un movimento lineare. Cherry MX Red: pressione di circa 45 grammi. Il tasto ha un movimento lineare ed è una tipologia di switch indicata per giocare. Cherry MX Blue: pressione di circa 50 grammi. Click udibile e maggiore feedback tattile. Rumorose ed adatte alla scrittura. Digitazione di ottimo livello. Cherry MX Brown: pressione di circa 45 grammi. Vengono considerate un ibrido e il movimento è percettibile. Cherry MX Green: pressione di 80 grammi, la molla interna fa molta resistenza. Rumorose più delle Blue. Cherry MX Clear: versione Brown modificata con pressione più elevata. Non ho detto tutto ma ho detto molto. Io sto passando da una "tastieraccia" a membrana ad una meccanica con switch Cherry MX Blue, devo capire se la voglio retroilluminata o meno, ma questo è un dettaglio. Voi che tastiere avete o su quali avete avuto un buon feedback?
  25. Ma mi viene una domanda...ma qualcosa di open source da autocostruirsi???
  26. Non c'è problema a parlare di marchi, comunque si è capito a cosa ti riferisci Come ho già consigliato nell'altro thread l'idea sarebbe andare in uno showroom che tratta principalmente arredamento per ufficio e lì provare vari modelli fino a trovare quello che risulta più comodo. Spesso le sedie in esposizione sono anche in pronta consegna e con buoni sconti (per garantire un buon ricambio). Non serve necessariamente andare su marchi blasonati e costosi, diciamo che sopra i 150 € si trova una buona sedia, sotto si rischia qualche "cinesata". salendo di prezzo si passa dall'avere gli accessori principali e la struttura in polipropilene rinforzato ad averli in acciaio e alluminio. Ovviamente cambiando i materiali cambiano anche i prezzi e si arriva facilmente ai 600/800 €. Sedile imbottito, non troppo sottile, con rivestimento in tessuto (personalmente non mi fa impazzire l'ecopelle). Evitare come la peste le sedute da "gaming", tipo quelle che sembrano da corsa. Evitare i braccioli fissi, meglio quelli regolabili almeno in altezza. Un accessorio interessante che potrebbe avere la seduta è il traslatore del sedile, soprattutto se si è molto alti. In questo modo si riesce facilmente a regolare il supporto delle cosce
  27.  
×