PREMESSA

Ho scelto questo oggetto per il mio primo tutorial a seguito del 4° contest “Palmare” dove ho notato un certo interesse per la modellazione con Rhinoceros da parte di alcuni utenti.
Il tutorial è per chi ha già un minimo di esperienza con programmi di grafica 3d, quindi potrà capitare che tralascerò degli aspetti dando per scontato le conoscenze fondamentali.
Il metodo qui riportato è solamente uno dei possibili (e non è sicuramente il più veloce) per modellare con Rhinoceros… Sta poi a ognuno di voi affinare una propria tecnica.
Utilizzerò  il più possibile il “Blend surface” che per questo modello può essere superfluo, ma  conoscerne bene le potenzialità vi tornerà utile per modelli più complessi.
I nomi dei comandi purtroppo sono in inglese perché da sempre uso questa versione e non conosco la traduzione adottata nella versione italiana, quando mi sarà possibile accanto ai comandi metterò l’icona.

Per prima cosa posizionate le Blueprints sullo sfondo come nell’immagine con il comando “Place” che trovate nel menù “view”-“Background Bitmap” stando attenti ad allinearle bene tra di loro con i comandi “scale” e “Move” che trovate nello stesso menù.

imm01

Nella vista top, cercando di ricalcare il più possibile l’immagine, disegnate un rettangolo e applicate un “fillet curves” ComFilCurv con un raggio molto basso (regolatevi con la griglia, io ho usato un raggio=0.5 unità), ora nella vista “front” spostate il rettangolo all’altezza del bordo superiore e copiatelo con il comando “Copy” per due volte ComCopy come nella figura in corrispondenza dei due bordi sottostanti.

NOTA: quando eseguite delle modifiche su viste ortogonali aiutatevi con l’opzione “project” (barra Osnap) che impedisce gli spostamenti nella direzione perpendicolare al piano selezionato e tenete sotto controllo le altre viste.

imm02

Ora con il comando “Scale 1D” ComScale1D (scala un oggetto solo nella direzione indicata) con l’opzione del comando “Copy=No”, con “origin point” nel centro dei rettangoli e con il project attivato dalla vista “top” modificate le due curve appena copiate, sia lungo l’asse X che Y,  fino ad arrivare alla situazione riportata in figura.

imm03

Estrudete la curva più in basso con il comando “Estrude Straight” ComExtrStr. Nella vista top fate due “offset curve” ComOffSetC esterni della curva che vedete selezionata (in giallo) nella vista “perspective”.

imm04

Nella vista “Front” con l’opzione “project” attivata copiate la prima curva generata con l’offset all’altezza del bordo superiore e abbassate invece di poco la curva più esterna e estrudetela quasi fino alla curva appena copiata

Imm05

Ora create un nuovo layer, spengetelo e spostateci sia le superfici sia la curva più esterna. Selezionate le 5 curve rimaste visibili e con il comando “Surface from planar curve” ComSPlanC create le 3 superfici come in figura.

Imm06

Riattivate il layer spento e dal menù “edit”-“Select object”-“Curves” selezionate tutte le curve e nascondetele con “Hide”

Imm07

Ora per congiungere tutte le superfici usate il comando “Blend Surface” ComBlendS impostando l’opzione di comando “Continuity=Tangency”. Selezionate tutto il bordo di una superficie, premete invio e selezionate tutto il bordo della superficie che volete congiungere. Si aprirà una finestra “Adjust Blend Bulge” dove potete impostare dei valori,  non metteteli al di sopra di “1” e leggete l’interminabile “NOTA” successiva sul comando. Prima di premere invio se vi avvicinate ai bordi con il cursore potete aggiungere delle curve di sezione x ottimizzare lo scorrimento della superficie, vi consiglio di metterne 3 per ogni curva (all’incirca all’inizio,al medio e alla fine).

NOTA: Il comando “Blend surface” crea una superficie tangente di congiuntura tra due o più bordi continui. L’opzione “Curvature” crea una superficie con una tangenza di “grado 2” (G2 – 2 control points allineati sulla tangenza) mentre l’opzione “Tangency”  di “grado1” (G1).

Congiunte le varie superfici dovreste essere ad un risultato di questo genere.

Imm08

Dopo aver cambiato l’immagine di sfondo nella vista “top” con l’immagine “Bottom.jpg” disegnate la superficie di fondo (rettangolo con gli angoli “fillettati”) e fate un “blend surface”, fate partire il blend dai punti mediani di uno dei lati così da poter visualizzare il profilo dalla vista ortogonale “Front”, impostate inizialmente i valori a 0.25/0.25 e se la curvatura non è quella desiderata modificate leggermente uno dei valori oppure ripetete il comando impostando “Continuity=Curvature”.

Imm09

Ora selezionate la superficie piatta laterale e nascondete il resto disegnate un rettangolo in corrispondenza “dell’alloggio” del tasto “REC” e fatene 2 copie, con queste tre curve tagliate la superficie con il comando “Trim” ComTrim. Disegnate 3 curve (dal punto mediano al mediano opposto) con il comando “Curve: Interpolate Points” ComCIntP. Selezionate le tre curve e fate apparire le maniglie con il comando “Control Point On” ComCtrlP. Nella vista “Front” selezionate i due punti centrali di ogni curva e con project attivato spostateli leggermente verso l’interno dell’oggetto.

Imm10

Per costruire le 3 superfici usate il comando “Surface from Network Curve” ComSfromNetC (permette di controllare la tangenza su tutti i bordi della superficie). Selezionate prima i 4 bordi e poi la linea centrale, nella finestra delle opzioni impostate “Tangency” su tutti e 4 i bordi. Cambiate l’immagine di sfondo sulla vista “right” con l’immagine “left.jpg” e ripetete l’operazioni per il tasto menù.

Imm11

Cambiate l’immagine sul front con l’immagine back.jpg , ricalcate lo spigolo del bordo ad “U” e estendetela con il comando “Extend by Line” ComExtbLin nei due punti finali, fate un offset di questa curva verso l’alto e estrudetela verso la superficie dove bisogna creare il bordo sagomato. Con la superficie ottenuta tagliate le tre superfici come nella figura seguente. (ho nascosto le superfici che non sono necessarie)

Imm12

Con il comando “Duplicate Edge” ComDupEdg estraete il bordo superiore della superficie selezionata nella figura seguente.  Con la linea ottenuta dalla vista “front” tagliate i prolungamenti della curva ad “U” più interna. Con queste due curve creata una superficie piana allineata al bordo.

Imm13

Con Blend surface unite le due superfici

Imm14

Per chiudere i due buchi ai lati con delle superfici tangenti usate il comando “Surface from Network Curves” selezionando i quattro bordi, prima però dividete il bordo con il comando “Split Edge” che trovate nel menù “Analize”-“Edge tools” nei due punti evidenziati.

Imm15

NOTA: le due superfici appena generate non saranno completamente tangenti a tutti i bordi, poiché le superfici generatrici non sono tutte tangenti tra loro. Nel punto 1, al contrario dei punti 2 e 3. la superficie non è tangente.

Imm16

La procedura descritta nei 6 paragrafi precedenti può essere utilizzata per creare l’alloggio dell’elemento inferiore, che invece potete creare con la procedura iniziale.

Sul “front” disegnate il bordo a forma di “8” fate un offset interno e con queste 2 curve tagliate le superfici frontali. Spostate le superfici ottenute verso l’interno dell’oggetto e ricreate le superfici tagliate con un blend a 0.25/0.25.

Imm17

Ripetete la stesa operazione per creare le due rientranze tonde.

Imm18

Ora disegnate un rettangolo sulla superficie superiore con un fillet agli spigoli e fate due offset (uno interno e uno esterno), con queste 2 curve tagliate la superficie e abbassate leggermente la curva intermedia e poi estrudetela verso il basso. Congiungete con un blend le due superfici superiori con il bordo dell’estrusione perpendicolare che poi andrà cancellata. Con questa procedura potete disegnare anche le 2 prese x i jack. (Uso questo metodo per marcare tutti i bordi di lamiere di scocche in plastica… ad esempio per gli sportelli di un auto dove il comando “fillet edge” spesso da problemi).

Imm19

Per completare il vostro modello non vi rimane che aggiungere i tasti che possono essere costruiti sempre con lo stesso metodo. Creazione delle superfici piane e unione con blend, oppure con “surface from network curves” utilizzando i 4 bordi e le sezioni mediane dell’oggetto (come in figura).

imm20

---
Questo articolo è stato importato automaticamente dal forum il Jul 31, 2014
Per vedere il post originale e/o i commenti sul forum prima di quella data clicca qui