<< Quinta parte

LAYOUT

I layout panel (trovate i vari Layout panel nella toolbox) sono dei "contenitori" di elementi che rendono + semplice la loro impaginazione (posizione, dimensione, allineamento), i layout panel sono "adattativi" nel senso che si ridimensionano in automatico in base alla dimensione della finestra.
Blend46
Ci sono 5 principali tipi di layout panel:
1. canvas: organizza i vari elementi "child" in base alle coordinate assolute XY
2. Dock: organizza i vari elementi "Child" appoggiandoli ai bordi, di default i child vengono allineati al bordo destro del precedente, se spostate un child del dock panel appariranno 4 frecce per decidere dove spostarlo (basta trascinare il child sopra la freccia desiderata e rilasciare). Selezionando i child element di un Dock nel pannello properties -> tab Layout compare l'opzione "dock" per deciderne l'orientamento (left, top, right, bottom)
Blend47
3. Grid: organizza i vari elementi "Child" in una griglia "flessibile" di colonne e righe. Per aggiungere righe e colonne con il tool "selection" avvicinatevi al bordo in alto e a sinistra del grid panel e compariranno le frecce da posizionare. Per cancellare una di queste guide bisogna prima selezionarla e poi premere il tasto "canc". Le guide una volta posizionate possono essere spostate (trascinandole) o bloccate (icona con lucchetto).
Blend51
4. Stack: organizza i vari elementi "Child" lungo una direzione (orizzontale o verticale da poter selezionare nel pannello properties -> tab layout). Lo trovate nell'asset library
5. Wrap: organizza i vari elementi "Child" per righe da sinistra verso destra e dall'alto in bassoCi sono altri layout panel che potremo definire "secondari":
6. Border: è un semplice elemento per disegnare un bordo, un background (o entrambi) attorno a un elemento (prende un unico Child). Per poter lavorare con child multipli potete inserire un grid o un canvas panel
7. BulletDecorator: è un elemento che può contenere solo 2 child, che solitamente sono un testo e un glyph (un control come ad esempio un check box). Lo trovate nell'asset library
8. Popup: si usa per dare informazioni e opzioni supplementari all'utente in maniera interattiva, può contenere un unico child che di default è un grid panel in modo tale da poter lavorare con child multipli
9. ScrollViewer: permette di scorrere gli elementi child contenuti, prende un unico elemento child che solitamente è uno stack panel, o un canvas panel, o un grid panel. Viene utilizzato di solito con un template p altri control (come ad esempio un list boxes).
10. UniformGrid: organizza gli elementi child in una griglia uniforme divisa in righe e colonne dello spazio specificato. Gli elementi vengono disposti da sinistra a destra e dall'alto in basso.
11. Viewbox: scala tutti gli elementi relativi al child in maniera simile a zoom control, può contenere un unico child che solitamente è un canvas panel o un grid panel

Nel pannello "Interaction" nel tab "objects and timeline" c'è il "LayoutRoot" che di default è un grid panel, selezionandolo con il tasto destro c'è l'opzione "ch'ange layout Type" x cambiare tipo.
Blend48

Layer: i layer sono utili per l'organizzazione su livelli dei contenuti, anche quando si importano contenuti da MS Design saranno suddivisi per layer e ognuno di essi avrà un suo canvas panel. Per creare un nuovo layer nel menù "Tools" -> "create new layer".
Di default ogni nuovo elemento child viene posizionato sotto il root panel o sotto un altro contenitore che in quel momento è attivato nell' "objects tree". Per attivare un elemento basta cliccare 2 volte sul suo nome nella lista "Objects and timeline" e verrà evidenziato da un rettangolo di colore giallo (sia nell'artboard che nella lista objects and timeline).
Blend49
Per cambiare parentele di un child element è molto semplice, si può trascinare un elemento da un panel a un altro premendo il tasto "Alt" direttamente nell'artboard oppure trascinandolo nella lista "Objects and timeline"
Blend50
Quando si parla di elementi si intende un oggetto disegnato con il tool Pen, Pencil, rectangle, Elipse, Line, un panel oppure un elemento presente nell’asset library; questi elementi possono essere modificati nelle dimensioni, posizione, allineamento, posizione del “punto centrale” e possono essere ruotati, scalati e specchiati sia in maniera dinamica nell’artboard (con il tool selection) che attraverso il pannello properties.

Nella settima parte si entra "nel vivo" del programma con le animazioni e l'interattività ;)

---
Questo articolo è stato importato automaticamente dal forum il 31/lug/2014
Per vedere il post originale e/o i commenti sul forum prima di quella data clicca qui