COPERTINA

Guida base all’utilizzo del plug-in free Ornatrix:

Scritto da kage_maru (con l’appoggio di thema)

http://www.ibmr.net/Ornatrix/

Questo breve tutorial illustra quali sono i passi base per “impellicciare” un oggetto tramite appunto il plug-in free Ornatrix; non verranno illustrati tutti i comandi in quanto ce ne sono davvero tantissimi ed ognuno ha la sua specifica funzionalità, ma sarebbe veramente troppo lungo, quindi ad ognuno i suoi esperimenti!

Giusto per incominciare creiamo una sfera qualunque con diametro 100 (io ho usato i mm come unità di misura) e, andando nel pannello helpers, clicchiamo su EPHERE Ornatrix :

tutorial 1

Adesso scegliamo un Ornatrix obj, che viene visualizzato a video come una croce, e, tramite lo strumento align selection, lo piazziamo esattamente al centro della sfera:

tutorial 2

Adesso premete M per attivare il material editor;
rinominiamo il nostro materiale “peluria” e come tipologia di materiale scegliete Ornatrix Material:
decidete quindi i vari colori per Diffuse, Ambient e Specular e assegnate le seguenti mappe:
- sotto Displace.: mettete Ornatrix Hair displacement;
- sotto Thickness: una mappa Gradient Ramp e nello specifico invertite il bianco e il nero;
- sotto Lenght: una mappa Noise per variare la lunghezza della peluria;

queste ultime due mappe, essendo anche procedurali, varieranno a seconda dei gusti e delle esigenze nonché dalla scala che utilizzate: come si intuisce dal loro nome vanno ad influenzare aspetti di sviluppo dei capelli, quindi per esempio se volete dei peli tutti alla stessa lunghezza sotto Lenght non ci andrà niente.

tutorial 3

A questo punto, selezionando l’Ornatrix obj e aprendo il pannello modify, ci troviamo davanti un serie impressionante di variabili: affrontiamo quindi le principali:

Innanzitutto sotto Pick Distribution Object selezioniamo la nostra sfera; quindi sotto Pick Ornatrix Material ci si apre il material/map browers, indichiamogli il percorso del materiale che abbiamo creato prima nell’ Mtl Editor:

tutorial 4

tutorial 5

Adesso andiamo a cliccare su Update (ricordatevi che se non spuntate l’opzione auto-update dovete farlo ogni volta che fate una modifica e in certe situazioni è utile tipo quando avete molto capelli):
come vedete si cominciano già a vedere i primi peli, ma visto che di default la lunghezza è fissata con 50 (che è pochino) la portiamo subito a 150 operando sul valore Max Lenght, sottogruppo Sparse Hair Parameters:

tutorial 6

Verifichiamo che nel sottogruppo dell’ornatrix obj chiamato Spline Interpolation ci sia attivata l’opzione Use spline interpolation e attiviamo il displacement andando nel gruppo Dense Hair Parameters e spuntando Enable Displacement.

tutorial 6(a)

Per fare un primo rendering di prova inseriamo nella scena un luce spot, attiviamo le ombre e selezioniamo Ornatrix Shadows come tipologia.
A questo punto premete 8 e nel sottogruppo Atmosphere selezioniamo l’effetto Ornatrix Volume Cheap e assegnamogli il nostro Ornatrix obj; per il momento lasciamo tutti questi valori di default. Lanciamo il primo render e avremo una cosa di questo tipo:

tutorial 7

Come vediamo la peluria inizia ad apparire, solo che è davvero spelacchiata!
Per aumentare il numero di peli possiamo agire in diversi modi:
nel sottogruppo Dense Hair Paramaters notiamo che è spuntata l’opzione Partial Coverage: questa ci permette di aver visualizzato a video solo pochi peli ma decidere poi in fase di render la percentuale di copertura dell’oggetto: in questo caso portiamo il valore da 0,5 a 80, rilanciamo il render ed ecco cosa avremo:

tutorial 8

Questo tipo di soluzione è però svantaggiosa per esempio nel nostro caso perché la zona nella telecamera è ancora spelacchiata. Bisogna anche rendersi conto che, in situazioni come quella che stiamo affrontando (ovvero con una sfera perfetta che punta la camera e i peli perfettamente dritti), risulta comunque difficile avere una copertura totale senza aumentare il numero di peli: andiamo quindi nel pannello General Hair Parameters, quindi Sparse Hair Parameters e portiamo i Root Count a 500. Clicchiamo ancora 8 e nell’effetto che abbiamo messo prima portiamo il valore Strand Diameter da 0,07 a 0,7 (è il diametro del pelo singolo).
Spariamo il nuovo render ed eccoci qua:

tutorial 9

Un buon risultato per 5 minuti di lavoro!

Qui di seguito vengono illustrati vari altri comandi che possono tornare utili:

Il primo è il Clustering ovvero la creazione di ciuffi nella capigliatura.
Sempre nelle proprietà dell’Ornatrix obj andiamo appunto nel sottogruppo Clustering e attiviamo le prime due diciture (Cluster Hair e Use Guides as center), quindi decidiamo quanti ciuffi (Num. Of Cluster) desideriamo creare, noi mettiamo 50. Infine decidiamo la sezione dei ciuffi nel Cluster Structure, settiamoli rispettivamente a 0,11 – 0,7 – 0,77 ma potete fare come volete, in più appena sopra abbiamo una preview di quello che stiamo facendo.
Inoltre, per rendere il clustering più visibile, abbassiamo il color #1 del noise a 193,193,193
Lanciamo il render ed ecco cosa otteniamo:

tutorial 10

A questo punto giochiamo un po’ coi valori del clustering: portiamo a 80 il Num. of clusters e disattiviamo l’opzione Use guides as center. Giusto per movimentare la scena mettiamo, nel materiale “peluria”, sotto diffuse, una mappa gradient ramp e settiamola come ci pare con svariati colori. Ricordate di andare nell’Ornatrix Volume Cheap (è l’atmosphere effect di Ornatrix) e spuntare Inherit material settings, altrimenti il colore che abbiamo settato nel materiale subisce un’override da quest’ultimo.
A questo punto lanciamo il render e ci troviamo una situazione di questo tipo:

tutorial 11

Interessante vero?
Bene allora procediamo e adesso ci spostiamo nel sottogruppo di comandi che troviamo in alto nel pannello modify del nostro amato ornatrix obj, ovvero Strands.
Quest’opzione è davvero interessante perché ci permette di andare a lavorare direttamente sui capelli/peluria. Vediamo un po’ come ci appare:

tutorial 12

Allora ci sono diverse finestre ma quella sicuramente più utile è quella che vedete aperta ovvero Hair Brush. Come potete notare ci sono diverse icone e si capisce bene cosa possono produrre, ovvero la numero uno “pettina” i capelli, la numero 2 e 3 rispettivamente alzano e abbassano la lunghezza del pelo, ect…
Tutte queste operazioni vengono appunto effettuate tramite un brush, ovvero una sorta di pennello (ci vengono concesse parecchie opzioni per quest’ultimo, come la grandezza, la forza con cui influisce, la forma, etc…).
Per fare un esempio nella prossima figura ho cancellato parte della capigliatura e ho giocato un po’ con la varie opzioni, ho persino usato il comando Scale normale di 3dstudio per “raggruppare” varie ciocche. Un tip: quando volete fare operazioni come queste, ovvero ben mirate, abbassate il valore di Partial coverage incontrato prima fino a 0,5 in modo da non avere peluria in più che non volete.

tutorial 13

Per quel che riguarda il sottogruppo Roots come indica il nome stesso si va a lavorare sulle radici, e quindi esistono opzioni per “piantare” o eliminare quest’ultime.

Spero che questo tutorial possa essere stato d’aiuto!

Sayonara

---
Questo articolo è stato importato automaticamente dal forum il 31/lug/2014
Per vedere il post originale e/o i commenti sul forum prima di quella data clicca qui