Noto ai più per essere il fondatore e CEO di Epic Games, Tim Sweeney non è certo avaro a considerazioni e previsioni in merito alle principali tecnologie grafiche applicate al settore dei videogame.

Nel 2009, Tim Sweeney aveva perentoriamente dichiarato che il fotorealismo assoluto sarebbe arrivato entro 15 anni.

Lo scorso anno, ha confermato la propria previsione iniziale, dicendo che la via al fotorealismo avrebbe richiesto ancora 10 anni: "La realtà virtuale - affermò Sweeney - è destinata a cambiare il mondo. Per un altro decennio l'hardware vedrà raddoppiata la propria qualità al punto che, tra dieci anni, sarà difficile percepire differenze tra la realtà virtuale e il mondo reale”.

Oggi, con una considerazione più specifica sulle risorse hardware necessarie, Tim Sweeney quantifica in 40 TeraFlops la potenza necessaria per avere un rendering real time di qualità fotorealistica ad una risoluzione apprezzabile. Un modo come un altro per ribadire ulteriormente le sue tempistiche previsionali.

Sweeney nello specifico ha dichiarato: “Per giungere ad ottenere ambientazioni dinamiche fotorealistiche, specialmente con modelli molto avanzati, come ad esempio scene sul bagnato o anisotropiche probabilmente il livello di potenza richiesto è pari a circa quaranta teraflop”.

f08a6fb4b6ab26691251c9c1d52f655a.jpg

Un'immagine dall'elevato livello di fotorealismo realizzata con Unreal Engine 4


Il sistema singolo attualmente più potente in commercio è il NVIDIA Quadro VCA configurato con 8 NVIDIA Quadro M6000, complessivamente in grado di sprigionare ben 56 TeraFlops. Si tratta però di un hardware non certo alla portata di tutte le tasche, tantomeno ipotizzabile per il mercato consumer.

14af8867241f977da8d74821944ba201.jpg

Un dettaglio del sistema NVIDIA Quadro VCA, con 8 schede Quadro M6000, il cui prezzo di listino si aggira intorno ai 50mila dollari (credits Legit Reviews)