Pixar's Renderman 20 sta conquistando un numero sempre maggiori di software.

Dopo Maya, Blender e Katana, è la volta di Houdini.

Tra le principali novità introdotte da Houdini 15, appena rilasciato da Side Effects figura infatti il bridge di connessione al celebre motore di rendering, le cui potenzialità sono tali da prevederne una facile diffusione nel corso dei prossimi anni, anche in ambiti che non si limitano all'industria cinematografica, dove Renderman da sempre è tra i principali attori della scena.

 

Secondo fonti ufficiali Pixar starebbe lavorando sulle connessioni tra Renderman e Cinema4D, 3ds Max e Modo, mentre ad oggi non sono confermati i lavori relativi a Rhino e Lightwave, anche se non si esclude il fatto che su questi software possano partire analoghi progetti di sviluppo.

Difficile comunque reperire dei dettagli riguardo queste versioni, in quanto risulterebbero protette da Not Disclosure Agreement (NDA) molto rigide, imposte da parte delle software house che detengono i diritti dei software citati.

La stessa Pixar classifica l'attuale fase di sviluppo come "support underway", confermando di fatto le numerose voci di corridoio che si erano diffuse nella community, senza spingersi ulteriormente nel dettaglio. Fino a quando le versioni in cui si prevede l'implementazione non saranno almeno in fase di beta, sarà dunque impossibile pubblicare delle anticipazioni.

Il supporto a Nuke è invece già garantito grazie ad un plugin esterno.

renderman supporto.jpg