Oltre a Finding Dory, il divertentissimo spinoff del celebre Nemo, l'estate 2016 ci regala anche l'autore dei suoi favolosi rendering: Pixar's Renderman 21.

La nuova major release porta con se alcune importanti novità. A cominciare da una serie di risorse finora disponibili soltanto nelle produzioni ufficiali Pixar. In Renderman 21 tutti potranno ritrovare gli stessi shader e le stesse luci utilizzate in produzione, con accesso completo al lighting e al lookdev utilizzato in "Finding Dory" e nel favoloso cortometraggio che lo introduce: "Piper". Ma i Pixar Production Shader e i Pixar Production Lights non sono affatto le uniche novità della nuova versione di Renderman.

e9e522615a51383755859eb05e81e18c.jpg

Un fotogramma tratto da Piper, il corto proiettato prima dell'inizio di Finding Dory (credits Disney Pixar)


Renderman 21 include una serie di features anch'esse provenienti da produzioni major come Star Wars: Il Risveglio della Forza e Il Libro della Giungla.

Il breve VFX breakdown pubblicato in occasione dell'uscita di Piper e Finding Dory (credits Variety - Disney Pixar)


Tra le novità figura anche la Pixar Surface Collection, una libreria molto corposa di materiali PBR (phisically based rendering) e di luci pronte per essere inserite direttamente nelle scene di progetto, grazie a preset molto immediati da gestire e configurare. Per non parlare del denoiser GPU based, che promette risultati eccellenti in tempi davvero ridotti.

I più attenti di voi avranno certamente notato come il rilascio di Renderman 21 coincida alla perfezione con il SIGGRAPH 2016, dove ovviamente Pixar sarà presente anche con il proprio team R&D, avendo annunciato una corposa serie di demo e talk relativi a ricerche e anticipazioni sulle tecnologie che vedremo nei prossimi anni, sia nelle produzioni proprietarie che nelle venture release commerciali.

A seguire lo showreel ufficiale 2016 di Renderman. Anche se non è specifico per la nuova versione, le produzioni citate hanno fatto largo impiego delle feature successivamente rese disponibili nella release commerciale più recente. I film citati nello showreel non hanno ovviamente bisogno di presentazioni.


Pixar's Renderman 21 è attualmente disponibile per Maya, Houdini, Katana e Blender.  Tuttora in fase di implementazione il bridge di connessione per Cinema 4D.

Riguardo a 3ds Max, Rhino, MODO e Lightwave non si hanno ancora informazioni certe, anche se la stessa Pixar Research ha confermato che sono in fase di sviluppo i rispettivi bridge.

Renderman 21 conferma la politica decisamente democratica intrapresa di Pixar per cercare di diffondere il proprio renderer anche presso gli utenti freelance e i piccoli studi, naturalmente trascurati durante la prima fase della storia del più glorioso motore di rendering, quello che ci ha regalato le emozioni visive di tantissimi straordinari capolavori della storia del cinema, di animazione e non solo.

Per ogni informazione commerciale potete far riferimento alla sezione Pixar dello shop di Treddi.com.

Per approfondimenti su tecniche e specifiche, è possibile consultare il sito ufficiale di Renderman e nello specifico la pagina dedicata al rilascio di Renderman 21.


nota - l'immagine di copertina è tratta da Finding Dory (credits Disney Pixar)