La prima grande novità di Oculus Connect 5, l'evento di Facebook dedicato agli sviluppatori delle tecnologie VR, è caratterizzata da Oculus Quest, il nuovo visore VR standalone che unisce la praticità di non avere cavi tra i piedi con il full positional tracking (6DOF) e l'utilizzo dei controller Touch, prodotti in una versione specifica e rinnovata.


Oculus Quest, che al lancio prevede un price street di 399 dollari, completa la prima generazione di hdm Oculus posizionandosi a metà tra Oculus Go, il visore 3DOF consumer e il top di gamma Oculus Rift.

0c65b4281f69283560024ff606d6c560.jpg

Foto di gruppo per la prima generazione della famiglia Oculus. Quest raggiunge il fratellino "Go" e il top di gamma "Rift", che continuerà a rivolgere le proprie attenzioni ad una fascia medio-alta del mercato, fino all'uscita del successore oggi noto come Santa Cruz (credits Oculus)


Mark Zuckerberg ha rivelato come: "Oculus Quest ha le caratteristiche del sistema VR ideale": wireless design, virtual hand controllers e full positional tracking. "Se siamo in grado di mettere queste tre qualità in un unico prodotto - prosegue il CEO di Facebook - credo che avremo gettato le basi per una nuova generazione di VR".

61ad9057027fd39c241b627737a544eb.jpg

I nuovi controller Touch di Oculus Quest (credits Oculus)


Le tech specs riflettono la posizione intermedia tra Go e Rift, con un processore Snapdragon 835 VR, più potente rispetto al modello 821 VR montato sul Go (in questo caso con 4 GB Ram e 64 GB flash memory, NdR) e una risoluzione 1600x1440, la stessa di Oculus Go, ma con lenti regolabili, in modo da consentire ad ogni utente il corretto IPD (distanza inter oculare).

Il campo visivo sarà indicativamente compreso tra 95° e 100°C, con un refresh rate max di 72 Hz. Il Tracking 6DOF sarà in modalità inside-out grazie a 4 camere integrate, particolare che lo rende assolutamente standalone, per via del fatto che non sono necessari ulteriori tracker da posizionare nell'ambiente di utilizzo (come avviene ad esempio per Oculus Rift). Le camere consentono anche il tracking 6DOF dei controller Touch.

A livello commerciale, Oculus Quest colma un gap importante, soprattutto per l'utenza gamer, che sul modello Go non dispone della potenza e dell'interazione necessaria per poter godere appieno dell'esperienza offerta da titoli come Robo Recall, che saranno resi disponibili al lancio in un'apposita versione "limitata" rispetto a quella disponibile da tempo per Rift, insieme ad un'altra cinquantina di titoli. Le performance non saranno dunque le stesse che si possono rilevare su Oculus Rift, ma per contro non servirà un pc dedicato, una scheda video almeno di media fascia e un sistema VR sicuramente "sovradimensionato" per l'utenza puramente votata all'entertainment. Il successo dell'iniziativa dipenderà dunque dai nuovi titoli, dal possibile arrivo di una killer app e da quanto gli sviluppatori vorranno effettivamente investire su una tecnologia che sembra avvicinarsi sempre di più ad una maturità a livello mainstream.

Oculus Quest rende in sostanza accessibili in modalità wireless ed economica una serie di app finora disponibili soltanto per Rift. Oculus Quest sarà disponibile sul mercato a partire dalla primavera del 2019.

Per maggior info - https://www.oculus.com/quest/