Grande successo per Oculus Connect, l'evento annuale del noto produttore di soluzioni hardware e software per la VR, dove Mark Zuckerberg ha promesso di portare la VR a un miliardo di persone. Al di là dei facili sensazionalismi, vediamo alcune delle novità che, più in termini concreti, hanno caratterizzato il grande happening di San Jose.

La novità che ha fatto più clamore è l'annuncio del nuovo visore Oculus Go, previsto per l'inizio del 2018. Go è il primo esperimento stand-alone ad un prezzo inferiore ai 200 dollari. Dovrebbe collocarsi pertanto nella condizione intermedia tra i kit VR mobile, a differenza di Go necessitano di uno smartphone, ed Oculus Rift, che manterrà la sua connotazione desktop.

La comodità e il prezzo accessibile di Oculus Go, se ben supportato dalle applicazioni (attuale vero limite dell'offerta VR, a prescindere dal provider, NdR), potrebbero generare l'atteso hype in termini diffusionali, andando incontro alle strategie commerciali del popolare CEO di Facebook. Chissà, magari Zuckerberg potrà contare nella diffusione di questi nuovi sistemi VR per divulgare la propria candidatura quale anti-Trump alle prossime presidenziali americane.

Una cosa è certa. Presto o tardi, la comunicazione, grazie alla VR, verrà nuovamente stravolta nei suoi connotati fondamentali. E' solo questione di tempo.


Price cut per Oculus Rift

Il kit commerciale di Oculus Rift, inizialmente offerto in saldo, manterrà stabilmente il prezzo di 399 dollari.


Rift Core 2.0 per Oculus Home

Grazie all'evoluzione del software Rift Core, sarà possibile personalizzare la propria Oculus Home in moltissimi dettagli. Un passo potenzialmente decisivo per il coinvolgimento degli utenti.


Oculus Dash: il desktop del futuro

Stanchi del solito Windows tastiera e mouse? Nessun problema, ecco Oculus Dash


Game Development by Respawn

Tutti gli appassionati di gaming conoscono Respawn Entertainment, sviluppatore di titoli come Titanfall e Call of Duty. Attualmente Respawn sta lavorando su produzioni molto importanti, che arriveranno nelle nostre case nel 2019. La domanda è una soltanto: chi resiste fino al 2019?


Blade Runner 2049. Memory Lab

Trailer della seconda esperienza in VR basata sul tema di Blade Runner. Come sempre, grandi interfacce su proiezione ologrammatica.


Echo Combat VR Trailer

Tra le esperienze gaming più importanti va senza dubbio annoverato Lone Echo, a detta di molti il miglior gioco in VR oggi disponibile. A Oculus Connect è stato presentato Echo Combat, ambientato nello stesso VR universe ed atteso per il 2018.


Oculus for Business kit

Da oggi è disponibile un kit concepito nello specifico per gli sviluppatori e gli utenti business. In buona sostanza, Oculus for Business consente di ottimizzare i costi di chi ha esigenze di avere più pezzi ed accessori rispetto ad un tradizionale utente consumer. https://www.oculus.com/business/

70631e052be8d1f55d0c69a0dcb08775.jpg

Oculus for Business. Audi, by ZeroLight

Tantissimi i casi studio basati su Oculus, sia in ambito gaming che in ambito enterprise, dove spicca la recente applicazione sviluppata per Audi da parte degli inglesi di ZeroLight.

 

Facebook VR. Spaces con Quill

Facebook Spaces è un ambiente social in cui ognuno ha un vero avatar in VR. L'integrazione con Quill consente di illustrare in modo collaborativo direttamente in 3D le proprie creazioni. Si attende un'iniziativa analoga in merito ad Oculus Medium, il software dedicato allo sculpting 3D.


Project Santa Cruz. Il visore VR Oculus di prossima generazione

Non potevano mancare le anticipazioni riguardo lo sviluppo dell'ambizioso progetto Santa Cruz, il visore Oculus che promette un'esperienza finalmente wireless, con un sistema di tracking totalmente integrato. Anche i controller VR, presentati per la prima volta a Connect, sono in fase di totale ripensamento per supportare questa nuova esperienza.


_