C'è tempo fino al 15 dicembre per aderire alla campagna di crowfunding https://it.ulule.com/mani-rosse/ utile al completamento della realizzazione di Mani Rosse, promettentissima produzione in stop motion del regista bolognese Francesco Filippi, un vero esperto in questo campo dell'animazione, che utilizza moltissimo soprattutto per realizzare progetti didattici.

Abbiamo incontrato Francesco Filippi in occasione del ViewFest e della View Conference, dove sono state presentate alcune anteprime del mediometraggio e svelati alcuni retroscena relativi alla sua produzione, che dura ormai da moltissimi anni. Filippi spiega come: "L'obiettivo rimane quello di presentare il film al prossimo Future Film Festival, dove peraltro inviteremo tutti coloro che sosterranno la campagna di crowfunding in corso. Dunque entro l'inverno dobbiamo assolutamente riuscire a concludere i lavori sul film. Fortunatamente non manca molto".

Francesco ribadisce inoltre i contenuti espressi sulla pagina ufficiale del progetto di crowfunding: "Con Mani rosse vogliamo anche sfidare il mercato cinematografico occidentale che agli adolescenti si rivolge quasi esclusivamente con la fiction, per lo più di intrattenimento. Invece crediamo che l'animazione possa e debba prendere i ragazzi sul serio, parlando ai loro problemi e alla loro intelligenza con gusto, garbo e consapevolezza pedagogica. E i riscontri che il progetto di Mani rosseper ora ha ottenuto dagli adolescenti sono ottimi".

Il film vede infatti quali protagonisti due adolescenti, per versi differenti vittime delle società in cui vivono.

Mani Rosse si pone obiettivi ambiziosi anche in termini di supporto all'educazione, con una collaborazione già pianificata con il Telefono Azzurro ed un programma utile a divulgare la conoscenza di certi temi presso le scuole, per sensibilizzarne la corretta interpretazione.

La kermesse torinese dedicata al cinema d'animazione e agli effetti visivi è stata l'occasione per conoscere un alto progetto molto interessante, relativo a Mila, presentato in più occasioni dalla regista Cinzia Angelini e dal Vfx Supervisor Valerio Oss. Tantissimi gli artisti italiani coinvolti in un progetto sviluppato su base volontaristica che ha coinvolto finora oltre 300 persone, impegnate in vari ambiti della produzione, sotto l'attenta guida di un team di supervisori.


Sostenere il cinema in animazione italiano, oltre a poter godere di ottimi prodotti da vedere nelle sale, costituisce l'occasione per alimentare un mercato interno in grado di generare maggiori opportunità occupazionali per l'intero settore. In altri termini, per cercare di costruire un futuro in cui gli artisti italiani che vogliono lavorare per il cinema, non siano puntualmente costretti ad emigrare nei contesti dove il mercato di riferimento gioca i numeri principali di questo grande business.

Gli sforzi vengono ripagati, come nel caso di Gatta Cenerentola, opera di Alessandro Rak e del napoletano Studio Mad, selezionato tra i 26 film che concorreranno alle successive fasi per entrare tra le nomination finali degli Oscar 2018 per il miglior lungometraggio in animazione.


_