NVIDIA Iray è senza dubbio uno dei motori di rendering unbiased gpu based più interessanti sul mercato. La crescente diffusione anche presso software concorrenti non ha fatto perdere di mira la versione per 3ds Max, quella che finora ha riscosso il maggior successo. Iray è arrivato in max affiancandosi allo storico Mental Ray, motore di rendering "tradizionale" e cpu based con cui condivide una serie di risorse, tra cui i materiali.

Ricordiamo che dalla versione max 2017, Iray è disponibile sia in bundle come estensione di Mental Ray, sia come plugin commerciale esterno. Il nuovo plugin Iray+, come è stata rinominata la versione commerciale del renderer di NVIDIA, è sviluppato esternamente dalla Lightworks.

Si tratta pertanto di due soluzioni Iray totalmente differenti.

Iray+, disponibile soltanto commercialmente e come plugin esterno di 3ds Max,  è infatti basato su un core nuovo, sicuramente più veloce e performante rispetto alla soluzione in bundle.

Jason Lewis ha pubblicato per CGChannel (portale di informazione di Gnomon, NdR), una recensione di Iray per 3ds Max.

L'articolo, di facile lettura, si rivela tra le altre cose utile per valutare una serie di benchmark eseguiti con una serie di scene piuttosto variegata: esterni, interni, design, ecc. I test sono stati eseguiti utilizzando le principali schede video professionali NVIDIA Quadro attualmente disponibili.

e7a91b06a010c321ce20f4d1f6d60f9d.jpg

Uno dei benchmark eseguiti da Jason Lewis nel contesto della recensione di Iray per 3ds Max. In particolare, il confronto tra una Quadro M6000 e un sistema Quadro VCA (composto da 8 schede Quadro).


Oltre alla versione per 3ds Max sono disponibili, con differenti stati di avanzamento nello sviluppo, i plugin per Maya, Cinema 4D e Rhino oltre alla soluzione NVIDIA Iray Server, specifica per il rendering distribuito.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale di Iray sul portale di NVIDIA.