Negli ultimi anni i motori di rendering, anche se restringessimo il campo ai plugin per 3ds Max, si sono moltiplicati a vista d'occhio. Sempre più facili da usare, sempre più strabilianti nella resa. Ormai accessibili a chiunque abbia conoscenze basilari nell'utilizzo del software.

Ma poniamoci il problema da un'altra prospettiva. Quella di voler rappresentare un ambiente simulando le grandezze illuminotecniche che incidono realmente nella definizione dell'immagine.

Qui le conoscenze basilari non sono più sufficienti, ma la posta in palio è molto più alta.

Quali sono le soluzioni in grado di garantire un risultato scientificamente corretto?

Ce lo spiega Ferruccio Della Schiava, che partendo dalla ricreazione in 3D di un ambiente reale georeferenziato a Udine, simula differenti situazioni di lighting utilizzando semplicemente la luce proveniente dall'esterno.

ae8d99c21752041781bd40cb6c91bd63.png


La particolarità, che coincide con la garanzia di realismo, deriva dall'aver utilizzato soltanto il sistema daylight di 3ds Max con un cielo di tipo Peretz, cui è stato associato un file .epw proveniente da una centralina di rilevamento metereologica e illuminotecnica locale. Una sorta di generatore di HDRI in grado di scattare 12 "foto" fisicamente corrette al giorno.

Vi invitiamo a seguire questo esperimento direttamente sul Forum di Treddi.com.

038e030a3eccd157fa1043af0732fd10.png


Verrà pubblicata progressivamente una serie di sei immagini e a tutti sarà chiesto di indovinare le condizioni reali che hanno contribuito alla definizione dell'illuminazione di quella scena.

A partire dallo stesso tema, Ferruccio Della Schiava terrà inoltre un workshop completo sulla definizione di un interno architettonico con 3ds Max e Iray, che si terrà a Udine 3D Forum venerdi 11 novembre.

Per tutte le informazioni relative alla partecipazione a Udine 3D Forum è possibile consultare il sito ufficiale dell'evento.

Un'iniziativa diversa dal solito che consente di acquisire una consapevolezza tecnica nella gestione dei parametri fisicamente corretti della luce, quella che consente di gestire in maniera attendibile un progetto di simulazione di lighting anche dal punto di vista del rendering.