Tra i principali lecturer presenti al DDD 2015, Dario Lanza condividerà un'esperienza all'insegna della multidisciplinarità.

Descriverlo come un semplice CG artist sarebbe infatti riduttivo. La sua attività supera la dimensione applicativa, coniugando una matrice artistica ed una consapevolezza tecnica di livello assoluto.

Formatosi come programmatore presso il prestigioso MIT, si è specializzato in computer grafica con un PhD sul Matte Painting presso l'Università Rey Juan Carlos di Madrid, città dove tuttora risiede e lavora.

Proprio nella capitale spagnola è natala sua collaborazione con Next Limit, come artista e sviluppatore di Maxwell Render.

Nonostante la formazione tecnica, Dario Lanza si è imposto subito come visual artist, lavorando in agenzie di comunicazione e magazines quali BBDO, Leo Burnett e El Mundo. Incarichi che l'hanno portato ad ottenere molti riconoscimenti nel settore advertising.

Le sue opere appartengono fanno parte di diverse collezioni e sono state esposte a New York, Hong Kong, Madrid e Londra.

high_vi_11_DarioLanza.jpg

Visions of the infinity (2012-2013)

Parallelamente all'attività artistica e di ricerca presso la Next Limit, Dario è costantemente impegnato quale relatore in conferenze e convegni, oltre a pubblicare con regolarità contenuti riguardanti la computer grafica. Competenze che gli sono valse incarichi di insegnamento in Render e Tecnologie Audiovisive presso l'Università Rey Juan Carlos e il Politecnico di Valencia.

high_electricpoetry_22_DarioLanza.jpg

Poetry of a Computer's Mind (2009-2012)

Dario sintetizza così le sue ambizioni: "Sono interessato soprattutto al modo con cui la tecnologia digitale sta trasformando la produzione artistica, al suo potenziale nel ridefinire l'esperienza estetica e dare forma alla nostra cultura digitale".

La capacità di coniugare talento artistico, competenze tecniche e doti divulgative fanno di Dario Lanza un'espressione concreta della mission del DDD 2015: utilizzare la computer grafica per realizzare arte, non semplici immagini.