CryEngine 5 è l'ultima evoluzione del celebre game engine sviluppato da Crytek. Il motore di Far Cry, Crysis e tanti altri videogame di grande successo. Dopo lunghe voci che la volevano in crisi, Crytek è stata rilevata da Amazon, che ha investito sulla software house tedesca per dare vita al progetto Lumberyard, che molti hanno subito definito il successore di CryEngine.

Chi pensava che CryEngine fosse destinato alla pensione è stato puntualmente smentito al GDC 2016, dove Crytek non soltanto ha confermato che il suo sviluppo è più vivo che mai, ma ha addirittura presentato la quinta major release del software.

Tante novità, tra cui il supporto nativo alle DirectX12 e alle principali piattaforme VR, ma anche un notevole miglioramento in termini di resa e performance, come testimoniano i primi lavori pubblicati, risultato di alcuni progetti interni, sviluppati proprio per testare appieno le potenzialità di CryEngine 5.

Damian Stempniewski, lighting artist di Cryter, ha pubblicato alcune immagini di una scena ambientata in una foresta, risultato della global illumination di SVOGI, il rinnovato motore di rendering di CryEngine 5. Tutto questo è il risultato di risorse e asset contenuti all'interno del software. Addirittura la scena era già stata creata con il "vecchio" CryEngine 3.

 

51293_1_new-cryengine-screenshots-showcase-impressive-visuals_full.jpg

 

Il secondo esempio, a dir poco sensazionale, è stato sviluppato da Finn Meinert Matthiesen, head of 3D/Environment di Crytek, che in soli 30 minuti ha creato e renderizzato una scena notturna che mette in evidenza una grandissima pluralità di effetti volumetrici e illuminotecnici.

 

51293_4_new-cryengine-screenshots-showcase-impressive-visuals_full.jpg

 

Attualmente Crytek è al lavoro su diversi VR games, tra cui l'annunciato Robinson: The Journey, uno dei titoli che dovrebbe dimostrare le potenzialità di CryEngine 5 in una produzione di alto livello.

Che dire? I test lasciano davvero ben sperare...

In attesa di Lumberyard, CryEngine 5 costituisce una validissima alternativa ai blasonati Unreal Engine 4 e Unity 5, i due game engine di riferimento nell'attuale scenario game dev.