Autodesk continua la roadmap degli aggiornamenti sistematici alle versioni 2018. Revit 2018 introduce alcune interessanti novità, sia per quanto concerne le feature generali, che per le versioni specifiche per l'architettura, le strutture e gli impianti. La maggior parte delle nuove feature è finalizzata a migliorare gli aspetti collaborativi del BIM.

Il Dynamo Player, introdotto in Revit 2017.1 è ora parte integrante di Revit 2018. Noto in gergo come "il Grasshopper di Revit", Dynamo consente di programmare mediante un'interfaccia grafica le funzioni parametriche che il player in Revit esegue in modo semplice ed immediato.

Dynamo Player (credits Autodesk)


Revit 2018 incrementa il potere dei global parameters, inoltre, consente di linkare un file Navisworks come underlay, in modo da agevolare la cooperazione anche con quella parte del team di progettazione che non usa o non lavora direttamente in Revit.

I file di Navisworks possono ora essere utilizzati in underlay (credits Autodesk)


Revit 2018 include un nuovo Schedule, che consente di gestire i parametri per i link e i gruppi. Si tratta di una funzione a lungo richiesta dalla community, che finalmente ha visto soddisfare un'esigenza estremamente pratica, soprattutto per consentire di capire e quantificare un progetto anche molto complesso.

Il nuovo strumento Schedule (credits Autodesk)


Certamente interessante anche la nuova funzione che consente di connettere all'ambiente di Revit dei file di design concettuale, grazie alla possibilità di importare direttamente file SAT e Rhino.

Per quanto riguarda le feature della versione Architectural, le principali novità si concentrano sulla creazione delle scale.

Va infatti segnalato il nuovo Multi-story Stair object, che facilita la creazione delle scale dotate di molte rampe, che eventualmente variano nelle situazioni previste solo di alcuni dettagli, sufficienti per non renderle tra loro identiche. Lo strumento consente di connettere la scala ai piani del progetto. Modellando una scala si dunque ha la possibilità di espanderla direttamente all'interno dell'intero edificio nelle situazioni previste ai vari piani, come si evince facilmente dall'immagine sottostante.

Il nuovo strumento che consente di creare e modificare le scale a torre negli edifici multipiano (credits Autodesk)


Un altro strumento molto comodo per velocizzare la creazione e la modifica delle scale è data dalla possibilità di creare automaticamente la ringhiera per tutta la scala di un edificio multipiano. In Revit 2018 è inoltre possibile assegnare le ringhiere agli elementi generici di topografia per modellare anche recinzioni, barriere stradali e parapetti.

Ora è possibile aggiungere le ringhiere con un solo click, in svariate configurazioni (credits Autodesk)


A livello di interfaccia e viewport, è stata perfezionata la possibilità di modellare direttamente in prospettiva, introdotta nella versione 2017.1. Si tratta infatti di una funzione che è stata apprezzata in quanto consente di rendere più rapido il workflow complessivo, dovendo cambiare meno di frequente le viste di lavoro.

Per presentare nel dettaglio tutte le nuove feature di Revit  2018, Autodesk ha organizzato un webinar, coordinato dal product manager Harlan Brumm, in programma per martedi 18 aprile. Disponibile il link per prenotarsi: https://pages.autodesk.com/WhatsNewinRevit2018_RegistrationPage.html

Autodesk Revit 2018 è disponibile sia nelle versioni commerciali che per gli studenti.