Tra le novità presentate da Apple al WWDC di lunedi scorso, ce n'è stata una che probabilmente non avrà detto granchè alla maggior parte dei fan della mela, probabilmente più interessati ad aspetti propriamente consumer, ma che rischia di creare un bello scossone in termini di sviluppo di tecnologie grafiche. Si tratta di Apple Metal, nella sua versione per Mac OS X.

Metal è una tecnologia grafica multi-core che, a fidarsi di Craig Federighi, responsabile sviluppo di Apple, dovrebbe combinare in un'unica API la potenza delle librerie OpenCL e la capacità delle OpenGL, con un risultato che potrebbe consentire un risparmio di tempi di draw rendering del 50% rispetto alle tecnologie attualmente disponibili.

13162-7625-0e2d339400c1558dbad535dfd598b1639f2ee76a_large_2x-l.jpg

Non si tratta ovviamente di una novità assoluta, in quanto Metal arriva su Mac OS X dopo aver esordito in iOS 8.

Gli sviluppatori la ritroveranno dunque in OS X El Captain, appena rilasciato nella versione SDK.

I numeri sono a dir poco impressionanti. Le promesse saranno confermate dai fatti? La domanda più corretta da porsi oltretutto sarebbe: Questa tecnologia sarà implementata in maniera massiva o farà la fine di tante altre che a fronte di potenzialità importanti, si sono presto ritrovate nel dimenticatoio?

La potenza e la capacità di Apple nel saper imporre le condizioni di sviluppo prima ancora che il mercato le ricerchi sono universalmente note. L'impiego di Metal potrebbe aprire nuove potenzialità soprattutto in ambito gaming, grazie alle performance possibili nelle applicazioni real-time. Ma non solo...

Apple ha dichiarato che Metal sarà in grado di offrire consistenti vantaggi in tutte le applicazioni che richiedono specifiche performance a livello grafico. Non è un caso che Adobe, grazie ad uno sviluppo mirato, abbia dichiarato notevoli miglioramenti sia in After Effects che in Illustrator.

Non rimane che attendere il rilascio di OS X El Captain per potere avere un riscontro pratico, in produzione, di quelli che sono i miglioramenti promessi. La capacità di sfruttare l'hardware a disposizione con un miglioramento dello sviluppo lato software dovrebbe essere una costante. Soprattutto incoraggiando tecnologie innovative.