3ds Max 2018 riceve il suo quarto update ufficiale, che contiene sostanziali migliori a main feature introdotte nei tre precedenti main pack. Al di là di una lista che prevede oltre 100 punti tra implementazioni e bug fixes, le note di rilievo sono soprattutto tre.

3DS MAX INTERACTIVE 2.0

Max Interactive è una modalità introdotta in 3ds Max 2018.1 che consiste sostanzialmente nell'integrazione di Stingray, game engine acquisito da Autodesk per consentire ai suoi principali software 3D di sviluppare applicazioni interattive a partire dai contenuti 3D creati. Si tratta di uno strumento ben più limitato nelle potenzialità e nella gestione rispetto ai vari e blasonati Unreal Engine o Unity, ma presenta il vantaggio di essere integrato in Max, pur con un'interfaccia dedicata, dunque consente ai max user di non dover per forza utilizzare middleware esterni. Un bel time saver specie per i progetti più semplici. A proposito di middleware, è opportuno ricordare come Stingray sia sostanzialmente l'unico prodotto di questa categoria per cui non è cessato lo sviluppo da parte di Autodesk. Soluzioni come Scaleform, Humanik, Navigation e Beast non sono state altrettanto fortunate ed a luglio è stata decretata la loro end of life.

Per quanto riguarda le novità introdotte in Max Interactive 2.0, ritroviamo buona parte di quelle già viste in Stingray 1.9, con il nuovo sistema di luci fisiche in grado di supportare i profili IES. Per il resto, diverse implementazioni minori ed miglioramenti generali nell'interfaccia, come un sistema di gestione degli asset più intuitivo e vicino alla praticità d'uso tipica dei game engine.

Max Interactive consente di sviluppare contenuti interattivi e immersivi, con possibilità di output VR.

A seguire la lista completa delle novità di Max Interactive 2.0 (fonte Autodesk)

What's new in 3ds Max Interactive 2.0:

  • Physically-based lights. Use data from real-world lights to create a realistic distribution of light in your scene.
  • Clear coat is now more energy conserving, which reduces bloom when using a clear coat material.
  • A new shading environment property lets you disable default tone mapping, and extend tone mapping through a custom plugin.
  • Add frequently used assets or folders as favorites in the Asset Browser.
  • The Capture Frames tool now supports PNG format, plus additional codecs.
  • The Deployer supports bundling a project in a self-extracting zip file instead of creating an installer when you use the Deployer panel to create a standalone package of your project for Windows. See the Self Extracting Zip option in Package the project for Windows.
  • Updated Project Manager.
  • Scripters and programmers can now debug a project’s Lua code from the Visual Studio Code editor.
  • Complete 3ds Max Interactive documentation is now available within the 3ds Max Help.

Oltre a 3ds Max Interactive 2.0, ricordiamo che è stato rilasciato Revit Live 2.0, il tool scritto per consentire rapidi e semplici output interattivi (a video o in VR) dei progetti sviluppati con celebre software BIM di casa Autodesk.

Autodesk ha pubblicato anche una serie di video quickstart relativi a Max Interactive 2.0, molto utili per avere un'idea di massima in relazione al suo funzionamento, soprattutto per chi non avesse ancora provato questo tool, forse ancora un po' acerbo, ma dalle potenzialità certamente interessanti, che ne rendono obbligatorio un attento monitoraggio in merito agli sviluppi.


3DS MAX FLUIDS

Introdotto in 3ds Max 2018.3, il nuovo toolset per la simulazione dei fluidi è la naturale trasposizione di quello che per Maya è noto come Bifrost, con cui condivide almeno la tecnologia di base, mentre un discorso a parte andrebbe fatto per quanto concerne l'implementazione, che in 3ds Max pare maggiormente orientata a consentire uno strumento rapido e semplice da usare, per consentire di risolvere almeno le simulazioni più semplici senza dover ricorrere a software ben più blasonati e specifici.

In 3ds Max 2018.4 sono state introdotte nuove modalità iterative per le simulazioni e nuovi preset per quanto riguarda le tipologie di liquidi utilizzabili. Tra le nuove feature, la possibilità di utilizzare l'esito di una simulazione come punto di partenza per una nuova simulazione. Introdotta anche la capacità di proiettare le UV direttamente sul volume liquido e di esportare i dati della simulazione nel formato PRT di Krakatoa, direttamente dal menu contestuale del solver.

Per avere un'idea circa le caratteristiche di 3ds Max Fluids vi riportiamo i quattro video quickstart pubblicati da Autodesk con 3ds Max 2018.3, in occasione della loro prima implementazione.


3DS MAX BATCH E SCENE CONVERTER

Totalmente rinnovato il 3ds Max Batch (introdotto in 3ds Max 2014.2), reso eseguibile stand-alone ed in grado di supportare un sistema di gestione certamente più efficiente, che comprende la reportistica in merito agli errori, al logging oltre ad una serie di strumenti pratici che consentono all'artista di poter utilizzare un'interfaccia a linea di comando. La grande comodità del sistema di batch di 3ds Max è quella di poter definire ed utilizzare degli script in grado di gestire i file delle scene attraverso le operazioni pianificate.

Con il Batch è stato rinnovato anche lo Scene Converter di 3ds Max, ora più smart in termini di rilevamento e risoluzione degli asset mancanti o non compatibili dai formati file precedenti.

Per approfondimenti vi rimandiamo agli articoli

3ds Max 2018.1

3ds Max 2018.2

3ds Max 2018.3

3ds Max 2018.4 release page ufficiale Autodesk

3ds Max 2018.4 news sul blog ufficiale di 3ds Max

_