Momento di grandissima fortuna mediatica per Arnold, storico motore di rendering che grazie all'acquisizione da parte di Autodesk sta letteralmente vivendo una seconda giovinezza.

Dopo averlo reso il motore di render di default di Maya 2017, Autodesk ha ufficialmente rilasciato anche Arnold per 3ds Max (MAXtoA), una novità assoluta, dal momento che il render engine storicamente sviluppato da Solid Angle da tempo non veniva direttamente implementato per Max.

MAXtoA è piuttosto romanticamente da considerarsi quale un ritorno alle origini, dal momento che la primissima versione creata da Marcos Fajardo nel 1997 era stata sviluppata proprio per 3ds Max.

SolidAngle ha sviluppato Arnold come plugin perfettamente integrato nell'interfaccia di 3ds Max, con le seguenti feature:

  • Integration with 3DS Max shapes, cameras, lights and shaders.
  • Image Based Lighting support, including a state of the art physical sky.
  • 3DS Max ActiveShade interactive rendering allows parameter changes to be rapidly previewed without interrupting your work.
  • Support for AOVs & Deep EXR files.
  • Defer the creation of geometry at render time with the Procedural placeholder nodes.
  • Texturable Mesh lights.
  • 3rd Party Arnold shader support. * MAXtoA Cloud Rendering for stills and animations. Users can join the optional Autodesk ‘Render Pilot’ program, which now supports MAXtoA.


Al momento Arnold è compatibile soltanto con la versione 2017 di 3ds Max ed è disponibile soltanto per i possessori di Arnold core renderer. Arnold MAXtoA non è di per sé da considerarsi come una release del tutto matura, come conferma del resto la sua siglatura ufficiale 0.5.

L'altra principale novità riguardante 3ds Max emersa al SIGGRAPH è il rilascio della Service Pack 2.