La stampa 3D, con la sua capacità di creare modelli, prototipi e prodotti finiti in tempi rapidi e a costi limitati,  rappresenta una vera e propria rivoluzione per il sistema produttivo italiano, chiamato a cogliere le differenti soluzioni di progettazione che questa nuova tecnologia permette, a comprendere i vantaggi della stampa additiva rispetto alle lavorazioni tradizionali, e a individuare le nuove aree di competitivitàSi aprirà su questi temi, giovedì 27 marzo a Parma, la prima tappa del roadshow di 3DPrint Hub, evento ospitato all’interno di MECSPE, la fiera internazionale delle tecnologie per l’innovazione organizzata da Senaf.
 
All’interno dell’area dimostrativa saranno presenti stampanti e scanner 3D in funzione e verrà anche realizzata un’esposizione di oggettiunici, realizzabili solo grazie alle potenzialità della stampa 3D, tra cui il vestito stampato con un materiale completamente flessibile  a base di poliuretano termoplastico realizzato con la tecnologia 3D, che nasce dalla collaborazione tra Iris van Herpen, fashion designer olandese, l’architetto Julia Koerner e l’azienda belga Materialise, e che fa parte della collezione Iris van Herpen’s Voltage realizzata con la tecnica 3D (http://www.materiali...-in-3d-printing ).
 
Accanto all’esposizione, grazie alla collaborazione con il Fab Lab di Reggio Emilia, verranno organizzate delle mini-conferenze sulla stampa 3D.  Tra i convegni venerdì 28 marzo ci sarà ‘Download design’ a cura del designer Denis Santachiara, dove verranno illustrate alcune case history d'integrazione tra tecnologia e design digitale 3D, mostrando tramite esempi concreti le innovazioni possibili per il design in termini di linguaggio progettuale, estetica e funzionalità d'uso.