Vai al contenuto
Making of: Thovez 11 - 3ds Max+V-Ray render e animazione
By: Arch018 6.280 • 13

Making of: Thovez 11 - 3ds Max+V-Ray render e animazione

Thovez 11 è un progetto che ci ha visti impegnati nella produzione dei rendering e delle animazioni utilizzate per la campagna commerciale. Vogliamo condividere la nostra esperienza con un making of che affronterà tutti gli aspetti relativi alla creazione e alla gestione di un progetto complesso. Con 3ds Max e V-Ray, oltre ad una serie di plugin e script che andremo ad esaminare nel dettaglio.

Prima di iniziare, volevamo ringraziare Francesco La Trofa, per averci incoraggiati a pubblicare il nostro lavoro, nella comune convinzione che possa essere di aiuto dal punto di vista tecnico e come referenza ispirazionale per tutta la comunità di Treddi.com.


INTRODUZIONE: CASO STUDIO THOVEZ 11

Il prestigioso complesso residenziale di viale Thovez 11 si trova a Torino in zona Crimea, una delle parti più esclusive della pre-collina. Il parco si sviluppa su una superficie di 25000 mq, mentre gli edifici coprono una superficie di circa 9000 mq.

L’incarico affidato dai committenti, è stato quello di modellare l’intero edificio e annesso parco e produrre i render degli esterni, degli interni, e i video in animazione per la commercializzazione delle unità residenziali.

Il progetto è costituito da un corpo centrale, una preesistenza storica cui è stata aggiunta una manica di nuova costruzione. All'interno del parco si sviluppano inoltre 3 villette indipendenti collegate con una serie di marciapiedi e viali alberati.

10376e3a9b36285853093bd71d598345.jpg


L'ACQUISIZIONE DEL DATO: CAD e FILE DI PROGETTO

I file CAD forniti dalla committenza presentavano diversi gradi di dettaglio.

Si passa da una visualizzazione su grande scala 1:500, utile ad avere le referenze utili per l'intero complesso...

3ea47d6b3ea63016fcad0b817def0338.png


...fino ai dettagli in scala 1:20, relativi ai particolari degli edifici da rappresentare. La documentazione di base del progetto è stata dunque esauriente per conoscere in ogni dettaglio gli elementi da rappresentare.

fcef2cb97e2805f20effa7ad9f5ce684.png


MODELLAZIONE 3D

Ogni modello è stato realizzato in relazione al grado di dettaglio utile a soddisfare le richieste di output finale. Le fasi di modellazione sono state sviluppate interamente utilizzando 3ds Max.


24c0f309d981e0b49303303e90214866.png

Mesh del Terreno


0e35d25d80bcc5a284b0d9c287ddb497.png

Estrazione delle strade e dei percorsi


f333e3f7525673eb62ff03105f250da7.png

Piano tipo dell'edificio principale, definizione dei muri perimetrali e delle partizioni interne


a509fe54a034bb3892449a357065ab49.png

Edificio principale, definizione integrale dei muri perimetrali e delle partizioni interne


7c2d595ba410b84e372f6d8467afadf9.png80f86307ff0aaa3f1dc3ee7772cc1ac8.png

INFISSI - Nel progetto sono presenti circa 30 tipologie di infissi. Ogni infisso è stato modellato con la possibilità di aprire e chiudere le ante e le relative persiane.


ddeeb263db8db42c2648cd808c5716a8.jpg

Rigging delle persiane


4cdfccc4f8c93bd2ef45f2511f05871d.png

Il timpano rappresenta uno degli elementi più caratteristici dell'intero complesso


6c3d5182775b674a998fe0fe75a01662.jpg

Un particolare della creazione di uno degli abbaini che insistono sulla copertura del corpo centrale


ce4194e876df0f5fa68804f06ad98b4c.jpg

Dettaglio del campanile


e759ad6c045e0ddc7a7b7c9d87ed19e2.jpg

La scala a forbice, direttamente accessibile dal giardino presenta un apparato decorativo semplice e rigoroso dal punto di vista geometrico


a8e72d92d02e36b7afb596a9d9d0145f.jpgI terrazzi di nuova costruzione presentano una struttura in legno e in acciaio


ac84ec06b69e8412192a238dae7405ca.jpg

0265373d7ae28368b0ffc7f60382d671.jpg

Coppi del tetto alla piemontese - Per le coperture è stato utilizzato Atiles di Aviz Studio, un tool davvero potente e flessibile che genera in maniera parametrica i singoli coppi, con la possibilità di distribuirli su superfici piane, riuscendo a gestire diversi livelli di articolazione.


GESTIRE LA GRANDE DIMENSIONE - IL RUOLO DEI CONTAINER DI 3DS MAX

Per ottimizzare il workflow e gestire in maniera agevole le frequenti modifiche che intervengono durante le fasi di rappresentazione di un progetto architettonico, ci siamo affidati alla potenza e dalla semplicità d'uso dei container di 3ds Max.

I container sono un utile strumento per gestire scene di grandi dimensioni.

Uno dei motivi principali è sicuramente la possibilità di alleggerire il file in termini di viewport, avendo la possibilità di accendere e spegnere i modelli contenuti all’interno dei container.

Ma non è di per sè la ragione principale per cui abbiamo deciso di implementarli, data piuttosto dalla necessità di dover gestire in maniera collaborativa il progetto, lavorando quasi sempre con più operatori contemporaneamente, con l'impossibilità di coordinare direttamente sullo stesso file tutte le operazioni sul modello. I container offrono la possibiltà di lavorare su singoli ‘pezzi’ di modello e successivamente integrarli in un file master. Nel file originale, da cui è creato il container, il modello di base rimane svincolato rispetto alla scena complessiva, in cui vi è tuttavia la possibilità di modificarlo in maniera bidirezionale.

A differenza degli xref, i container offrono infatti la possibiltà di editare il modello direttamente dal file master, salvandolo in modo che si aggiorni anche nel file di creazione. Un particolare che risulta molto utile per piccole modifiche o correzioni puntuali.

Ulteriore che può spingere a preferire i container rispetto agli xref è la possibiltà di gestire alcune caratteristiche utili alla gerarchia degli utenti e alle loro mansioni, come bloccare o concedere modifiche a materiali, geometrie. La possibilità di gestire i permessi sulla scena evita, nel caso di una collaborazione che prevede l'apporto di molti operatori, che una manovra eventualmente causata da una distrazione provochi effetti indesiderati sulla scena.

A seguire è possibile osservare il pannello di 3ds Max ‘scene explorer’ che riepiloga tutte le proprietà dei container presenti nella scena.

be6cde59d8afb1cbf11a61bb562148d8.png


Il caso di Thovez 11 è stato strutturato in modo tale da avere un file master, in cui si sono gestite le più comuni operazioni di lavoro, e 8 container comprendenti modelli complessi e mediamente pesanti, in modo da poterli gestire in maniera coordinata dai vari collaboratori che sono stati impegnati sul progetto.

 A seguire vediamo alcuni screenshot relativi agli otto container utilizzati per il progetto di Thovez 11.

7522bd4be20f33f24f0c42d4317308b6.jpg


CREARE LA VEGETAZIONE: FOREST PACK PRO E SPEEDTREE

Per le caratteristiche intrinseche del complesso residenziale, il tema della vegetazione è stato uno dei punti più importanti dell’intero progetto, ed ha comportato notevoli sforzi, richiedendo attenzioni notevoli ai fini di riuscire a gestire nel dettaglio sia il parco che i giardini privati.

Per la creazione e la gestione della vegetazione di Thovez 11 abbiamo scelto di utilizzare Forest Pack Pro 5 per la distribuzione e gestione dei modelli (erba, arbusti, alberi, ecc) e Speedtree, che è stato fondamentale per la creazione di modelli specifici, su precise indicazioni dell'architetto paesaggista, che per la simulazione del vento, dal momento che per l'animazione si è scelto di assumere una configurazione dinamica del verde.

Vediamo alcuni dettagli relativi alla creazione della vegetazione del progetto.

a90915af54057ff0c380d69a47eb1251.png

L’erba è stata realizzata partendo da una notevole varietà di modelli. Quella che potremmo definire l'erba di base consiste in 4 fili d’erba colore verde chiaro + 4 fili d’erba colore verde scuro.


Il manto erboso non si compone soltanto degli elementi filiformi, a questi si aggiungono infatti diverse eccezioni:

8abdb9ece3554bf20d44ad9e185ac48d.png

Modellazione del trifoglio, una specie definita per dare varietà al manto erboso


cf61fd05700c149eaedafddb58c43721.png

Altre presenze vegetali ricorrenti nelle varie parti di terreno che sono composte da elementi in erba


Seguono alcuni render che mostrano il risultato ottenuto, con un livello di saturazione del verde concordato con il cliente, che desiderava un aspetto molto brillante ed energico di tutto il contesto in cui si inseriscono gli edifici.

20d1e26a50b3883fc605841f27ea9ba5.jpge46adc85bde2ae35ba3ddfd87787443f.jpg



f950ea95a12c78d12539652442f72189.jpg

Siepi - Le geometrie di base delle siepi sono sono state modellate in 3ds max e successivamente sono state applicate le foglie generate con Forest Pack Pro attraverso il suo sistema di scattering proprietario


7ea0cc5eb3269f312637a102d9f685de.jpg

Una delle molte texture create per le foglie utilizzate nelle siepi


c00d680b2a4de5c3b64aedbd2a6f56dd.jpgOgni foglia è caratterizzata da un piano dalla forma irregolare, cui è applicato un materiale composto dalla texture della foglia e dal suo alpha, che ne regola l'opacità nella proiezione


29acf10c0ab87f2ad584bd0964f72d53.jpg

Il risultato dello scattering effettuato utilizzando Forest Pack Pro 5 sui modelli 3D grezzi delle siepi


ALBERI

La definizione degli alberi si è rivelata una parte del progetto molto delicata, soprattutto per soddisfare delle esigenze molto specifiche.

La committenza e i progettisti si sono affidati ad un architetto paesaggista per la realizzazione del parco. Ogni area è stata studiata e progetta con differenti piantumazioni ed è stato esplicitamente richiesto che i rendering fossero più fedeli possibili alle presenze botaniche scelte dal progettista.

Per far percepire in modo più agevole la situazione di partenza, alleghiamo uno dei tanti documenti forniti dalla committenza con le indicazioni di tutto il progetto realizzato dal paesaggista. Come si intuisce facilmente, la varietà di elementi, pur rimanendo entro limiti ragionevoli, comportava necessariamente l'adozione di reference molto dettagliate.

368aae58793c0cc2eebfdd3b5d6cfdac.jpg


Una volta individuati nello specifico tutti gli alberi che andavano implementati nel progetto, abbiamo svolto una duplice ricerca per definire la controparte 3D. Un aspetto che ha riguardato sia le librerie esistenti (con modelli definiti da noi oppure tramite l'acquisizione di nuovi modelli 3d commerciali, NdR) che la creazione di nuovi modelli ad hoc per questo progetto, secondo le indicazioni puntuali della committenza.

La varietà delle specie non ha creato situazioni problematiche, in quanto i modelli si riferivano ad alberi relativamente semplici da trovare o gestire. Dopo aver avuto l'approvazione dell'intero abaco di modelli imbastito, abbiamo provveduto a popolare l’intero parco con tutte le specie richieste.


cb1a718bece72ff669dc020dd9381799.jpg

Alcuni alberi utilizzati nel progetto, in cui risultano molte delle specie più diffuse nel contesto torinese

Esempio pergolato con rose realizzato ad hoc in Speedtree

916ac6af77ac3a26b8730ca57c6fca51.jpg

Uno dei pergolati in rose rampicanti che si trovano con buona frequenza nel progetto. La parte relativa alla vegetazione è stata interamente creata e gestita con Speedtree


MATERIALI

I materiali utilizzati in scena sono di diverso tipo. Alcuni materiali sono molto semplici e sono stati creati partendo come base dalle librerie Siger Shaders, successivamente personalizzati per rispondere in maniera esatta alle esigenze del progetto.

Altri materiali invece sono molto più complessi e hanno richiesto molte prove e test per riuscire ad ottimizzarli e ad ottenere un buon grado di simulazione mantenendo una scena leggera soprattutto in vista dell'esigenza di dover animare successivamente il tutto.

Vediamo in rassegna i principali materiali utilizzati per il caso studio.

MATERIALI STANDARD

9212547fa5f4cf5750fa6c10e5c2299e.pngPietra di Luserna

19c5640e37cbbaf9dce9a395a09182ef.png

Levocell


MATERIALI COMPLESSI

30cb1b837331a11f21397063aa459c4c.png

Coppi della copertura

7320a3d61f108aa0c15cbace94d303a6.png

Metallo Ferro-micaceo

93c7d804dfe8fe9c21c7ef841f62c3ad.png

Intonaco principale degli edifici


LUCI E VRAY PHYSICAL CAMERA

Per i render statici diurni è stata utilizzata una dome light con una HDR raffigurante una giornata serena con un cielo leggermente velato.

d7b6f9f7b81011a3209972b7352f9ec6.png


Per i render statici notturni invece alla dome è stata associata una immagine HDR con una situazione crepuscolare, anche in questo caso con la presenza di alcune nuvole.

76153d4e19e5e9e3366b8f393a9862f2.png


Per la produzione del video è stato invece utilizzato un altro sistema di lighting, composto da un vraysun, in modo tale da poter contenere al massimo i tempi di rendering.

c47922705504ef76b8bf0cd7dca45d89.png



RENDER STATICI

d9eb7f275150ec4047a4d613b87d536c.jpg8434de0582c4ed0eeddcb3abaa1b5b82.jpg

23284eb41c6c8bca133015de7ff4dbcd.jpg

e5fd21a22a491a3fb9fdff1e6063e791.jpg

53ba2afab28a8e143c7b252eb6ce7715.jpg

Thovez 11 - viste degli esterni in situazione diurna e notturna


f9d5ada200b63eb597421391c735f153.jpg7e6d0bef69c6e388f046f7106da219de.jpg

e87f0c924ab895aaa8e6a83e5a2d6b62.jpg

Thovez 11 - suggestioni di concept degli spazi interni


b0d9527b32971dd3a700fcdf36f6cb82.jpg

8fbe0ed883d57e660370076e381d07e6.jpg

bc3c76960f602101771cd9acc36d22d3.jpg

Thovez 11 - alcuni frame tratti dal video, realizzato con 3ds Max e V-Ray.


A seguire l'animazione finale di presentazione di Thovez 11.


Per visualizzare l'intero progetto è possibile far riferimento al sito ufficiale della campagna commerciale: http://www.thovez11.it/


Grazie a tutti per l'attenzione

Arch018

www.arch018.com



Comments

lavoro ECCEZIONALE !! una cura per i dettagli maniacale ! :o Molto belli anche gli interni.

Grazie per le info, certo che il cliente è proprio puntiglioso ! Addirittura chiedere alberi fotorealistici, che alberi usare, come dev' essere l' erba :o

C'è voluto più tempo per modellare l' edificio o per realizzare i giardini e la modellazione ? Sarà costato un bel po al cliente.

Per me è un lavoro da premiare.

Che Pc ci vuole per un lavoro del genere ?

Grazie.

Condividi questo commento


Link al commento

bellissimo lavoro..vi seguo da un pò e stando a Torino ho molto interesse per il vostro lavoro..fate delle cose veramente di gran livello!  E poi è lodevole la condivisione qui sul forum..è importante anche vedere come si lavora ad alti livelli! :Clap03:

Condividi questo commento


Link al commento

Ciao a tutti, siamo contenti che il lavoro sia potuto essere utile a molti di voi.

Per le tempistiche indicativamente:

- modellazione edificio (involucro, copertura, infissi, balconi, decorazioni) circa 1 mese x  2 persone

- modellazione verde (alberi, siepi, erba, arbusti, rampicanti pergolato) circa 1 mese x 1 persona

 Ovviamente i tempi sono da ritenersi molto indicativi, anche perchè la fase della modellazione è andata di pari passo con alcune scelte e modifiche progettuali da parte della committenza.

 

Il lavoro nel suo complesso si è svolto nell'arco di circa 4 mesi, tra render e video animazione.

Le tempistiche hanno permesso di renderizzare l'intera animazione in studio, senza l'utilizzo di renderfarm esterne.

Tempi di render a singolo frame circa 15-30 minuti in base alla complessità delle scene.

 

Come workstation in studio abbiamo:

- Processore, Intel Core i7 3930K @ 3.20GHz

- Ram, 32 GB DDR3

- Schede video, 2 NVIDIA GeForce GTX 780 

 

Un saluto a tutti ;)

Condividi questo commento


Link al commento

Immaginavo che ci volesse tempo per fare un giardino cosi' dettagliato ! Spesso i committenti non si rendono conto di quanto tempo ci vuole per curare bene i dettagli, anche quelli ritenuti secondari come vegetazione, erba, alberi ecc.

Anche gli edifici a modellarli cosi' nei dettagli ci vuole molto più tempo ;) quei materiali poi sono davvero complessi e pieni di mappe !:o

 

Condividi questo commento


Link al commento

Interessante produzione,un grande sforzo; mi faccio sempre delle domande quando vedo lavori di un certo tipo.
Immagino che non sia costato meno di 20.000 euro e anche cosi' vedo che e' dura starci dentro con la tassazione italiana.
A parte questo non pensavo che Italia qualcuno potesse spendere tali cifre per presentazioni di questo tipo.
Vorrei sapere dove viene usato il video, non credo passi per la Tv oppure si?

Che software avete usato per la post produzione?
Good job guys!

Condividi questo commento


Link al commento
3 ore fa, Metrovisual ha scritto:

Interessante produzione,un grande sforzo; mi faccio sempre delle domande quando vedo lavori di un certo tipo.
Immagino che non sia costato meno di 20.000 euro e anche cosi' vedo che e' dura starci dentro con la tassazione italiana.
A parte questo non pensavo che Italia qualcuno potesse spendere tali cifre per presentazioni di questo tipo.
Vorrei sapere dove viene usato il video, non credo passi per la Tv oppure si?

Che software avete usato per la post produzione?
Good job guys!

 

2 mesi di lavoro 20.000 euro ?:lol: Beati loro se li prendono tutti sti soldi, sono davvero poche le imprese che investirebbero cifre simili in rendering e filmati.

Condividi questo commento


Link al commento
Il 10/11/2016 at 10:54 , Arch018 ha scritto:

Ciao a tutti, siamo contenti che il lavoro sia potuto essere utile a molti di voi.

Per le tempistiche indicativamente:

- modellazione edificio (involucro, copertura, infissi, balconi, decorazioni) circa 1 mese x  2 persone

- modellazione verde (alberi, siepi, erba, arbusti, rampicanti pergolato) circa 1 mese x 1 persona

 Ovviamente i tempi sono da ritenersi molto indicativi, anche perchè la fase della modellazione è andata di pari passo con alcune scelte e modifiche progettuali da parte della committenza.

 

Il lavoro nel suo complesso si è svolto nell'arco di circa 4 mesi, tra render e video animazione.

Le tempistiche hanno permesso di renderizzare l'intera animazione in studio, senza l'utilizzo di renderfarm esterne.

Tempi di render a singolo frame circa 15-30 minuti in base alla complessità delle scene.

 

Come workstation in studio abbiamo:

- Processore, Intel Core i7 3930K @ 3.20GHz

- Ram, 32 GB DDR3

- Schede video, 2 NVIDIA GeForce GTX 780 

 

Un saluto a tutti ;)

Complimenti, immagini notevoli.


 

Approfitto del post di chi mi ha preceduto per un'ulteriore domanda relativamente all'hardware che avete utilizzato per realizzare il lavoro.


 

Vorrei sapere:

- se, a vostro giudizio, uno xeon e51650 vi avrebbe offerto le stesse prestazioni dell'i7 3930K. Fatta eccezione per la tipologia di processore, sembrerebbero gemelli in termini di caratteristiche tecniche e molto vicini come periodo di produzione;

- dei 32 GB, quanta ram è stata effettivamente impegnata durante la modellazione ed il rendering;

- se la ram ecc, supportata dallo xeon, vi avrebbe consentito di avere qualche tipo di vantaggio in termini di prestazioni.  


 

Grazie .

Condividi questo commento


Link al commento

Sono sicuramente ripetitivo , ma era tanto tempo che non si vedeva un lavoro eseguito in un modo così eccellente . La cura che hanno messo nei particolari sia esterni che interni è da applauso . Forse la committenza sarà stata anche esigente , ma sicuramente si ritrova in mano un lavoro eccezionale .Complimenti a tutti !!

Condividi questo commento


Link al commento
Il 18/11/2016 at 13:58 , workflow ha scritto:

Complimenti, immagini notevoli.


 

Approfitto del post di chi mi ha preceduto per un'ulteriore domanda relativamente all'hardware che avete utilizzato per realizzare il lavoro.


 

Vorrei sapere:

- se, a vostro giudizio, uno xeon e51650 vi avrebbe offerto le stesse prestazioni dell'i7 3930K. Fatta eccezione per la tipologia di processore, sembrerebbero gemelli in termini di caratteristiche tecniche e molto vicini come periodo di produzione;

- dei 32 GB, quanta ram è stata effettivamente impegnata durante la modellazione ed il rendering;

- se la ram ecc, supportata dallo xeon, vi avrebbe consentito di avere qualche tipo di vantaggio in termini di prestazioni.  


 

Grazie .

Sono nuovo del forum, mi aspettavo di ricevere una risposta alla mia domanda che sembrava interessare anche altri.

Avevo avuto modo di leggere altri interventi sull'argomento hardware, ma questo caso mi sembrava perfetto avendo a riferimento un lavoro di un certo livello.

La mia domanda era finalizzata alla scelta di un pc e leggendo la configurazione utilizzata per la modellazione ed il render avevo chiesto un paragone con una macchina che mi sembrava simile per anno di produzione e caratteristiche, potendola io prendere usata da persone fidate.

La questione dell'hardware di qualche generazione precedente è molto discussa e mi domandavo se in luogo dell'i7 esa core non molto recente utilizzato per questo bellissimo lavoro, poteva essere considerato equivalente lo xeon esa core postato da me oppure se un quad core di più recente generazione, acquistato nuovo, avrebbe offerto, a parità delle altre caratteristiche, prestazioni uguali o superiori.

Mi riferisco a processori quali i7-4790, i7-6700, i7-4790k ed i7-6700k.  

 

Saluti a tutti.

    

 

 

Condividi questo commento


Link al commento

Ciao,

purtroppo non abbiamo lo Xeon da te indicato e quindi non possiamo darti dei dati certi. Le caratteristiche sembrano uguali ai nostri processori, per dati più sicuri ti consiglio di cercare benchmark vari. 

Per la valutazione di altri processori magari più nuovi ma quad core il consiglio è sempre lo stesso, ti conviene cercare benchmark e interpolarli tu per capire se può andare bene per le tue esigenze, non è facile ma è l'unico modo non disponendo di hardware per poter fare i test.

 

I 32 giga di ram sono stati usati tutti nel momento in cui i container erano attivi e quindi in fase di rendering.

Per quanto riguarda la memoria ECC per gli Xeon dovrebbe portare più stabilità al sistema e meno crash del programma, cosa molto frequente con una scena così complessa e vasta.

In generale, sopratutto per lavori del genere, il quantitativo di ram e di core non è mai abbastanza!

Condividi questo commento


Link al commento

Complimenti. Bel lavoro!

Per i frame video che definizione avete usato per renderizzare in 15-30 minuti a frame?

Grazie

Condividi questo commento


Link al commento
On 15/11/2016 at 11:54 AM, grafico3DStudioMax said:

 

2 mesi di lavoro 20.000 euro ?:lol: Beati loro se li prendono tutti sti soldi, sono davvero poche le imprese che investirebbero cifre simili in rendering e filmati.

Meta' se ne va per le tasse e forse anche di piu', metti poi le bollette, un botto di elettricita' my friend, ammortizzazione dei costi di pc licenze e quantal'altro e poi vogliamo mettere qualche soldino da parte per futuri sviluppi o no??Piu' lo dico e ci penso e piu' mi dico che con 20.000 non ci sta dentro e spero che siano solo in due a lavorarci.

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

Eventi di grafica

×