INTRO
Ciao a tutti ragazzi, vorrei condividere con voi tutto il processo di lavorazione che ho fatto per arrivare a realizzare
l’immagine di spiderbaby per il contest “Baby Comics”.
Malgrado non sia stato uno dei vincitori sono felicissimo di
aver preso parte a questo evento che mi ha fatto crescere tanto sotto molti punti di vista.
 
SKETCH & CONCEPT
Inizio col dire che non sono bravo a disegnare a mano libera, ma è il modo più immediato per fermare le mille idee che frullano nella testa.
Per prima cosa ho pensato alla composizione e quanti personaggi inserire nella scena.
Inizialmente avrei voluto inserire tutti i personaggi della marvel in un unica scena, ma era un pensiero scaturito dal nulla con l’unico intento di fare scena.
Nello schizzo ho disegnato spiderman appeso al soffitto, e da quì è nata la scelta di creare una cinepresa capovolta( in verità nella composizione 3D sono stati capovolti gli oggetti).

Nella scena avrei inserito Spiderman appeso al soffitto che ruba il bibero (in origine un orsacchiotto) a Goblin.
 
sketches
 
MODELLAZIONE / TEXTURING
Ho iniziato il lavoro di modellazione partendo da “Spiderbaby”. Per la realizzazione dei personaggi lavoro sempre per simmetria modellando solo metà corpo.
La scelta è stata quella di enfatizzare la figura bambina di spiderman cercando di ingrandire la testa in proporzione al corpo (stesso approccio per la modellazione di Goblin).
La difficoltà maggiore nella modellazione è stata dare la giusta forma agli occhi, il problema nasce dal fatto che negli anni si sono adottati diversi stili per disegnare l’uomo ragno, e di conseguenza ho dovuto fare una scelta cercando di dare agli occhi la forma degli ultimi movies.
Per le texture di spiderman ho pensato che sarebbe stato simpatico inserire un pattern di ragnetti nel pigiama.

bbs2%203
 
bbs3
 
Nella fase di texturing ho applicato oltre alle comuni mappe che agiscono esclusivamente sulla colorazione della superfice poligonale, anche delle mappe displace, sopratutto per quanto riguarda la testa.
Spiderman presenta delle piccole ragnatele in rilievo nella maschera, e modellarle manualmente poligono per poligono rischiava di diventare un lavoro lungo e poco redditizio. Per questo utilizzando delle mappe displace e aumentando il numero di poligoni del modello, sono riuscito a dare la definizione che volevo a questo particolare.
 
bbs8
 
bbs2

bbs10
bbs9
 
bbs14
 
bbs11
bbs12 
 
bbs13

TEXTURES
TEXTURES%20GOBLIN
 
goblin%201spiderman%201

RIG
Una volta portata avanti la modellazione ho iniziato la fase di rig e skin per cercare di trovare una posa corretta rispetto all’azione.
Spiderbaby sta rubando un biberon e deve puntarlo come un obiettivo.

Per quanto riguarda il rig ho utilizzato delle semplici bones e dei controlli di cinematica inversa, non serviva fare dei controlli troppo complicati perchè il modello non doveva essere animato ma utilizzato esclusivamente per la composizione.
 
rigbbs6

 
SCULPT
Dopo essere riuscito a dare la giusta posa al personaggio ho convertito il modello nuovamente come poligono editabile per procedere alla fase di sculpt (in questo modo si perdono tutte le relazioni con il rig).
Lo scuplt è servito principalmente a definire tutte le pieghe del pigiama.
 
bbs7
 
COMPOSIZIONE E RENDER
L’aspetto che ha richiesto più tempo è la composizione, ovvero la scelta dell’obiettivo, l’impostazione della camera e la disposizione degli oggetti al suo interno.
L'intento della composizione è quella di creare un primo senso di disorientamento poichè spiderbaby sembra perfettamente in piedi, tuttavia solo in un secondo momento ci si rende conto che la stanza e al contrario e semplicemente la camera è invertita.
 
BS%2027
 
Nella scena ho voluto inserire un leggero effetto di luce volumetrica per rendere più credibile l’illuminazione della stanza, tuttavia questo ha comportato un notevole aumento del tempo di render.
 
BS%2029
 
Il risultato dell’ immagine finale è stato raggiunto grazie alla post produzione dove sono stati regolati parametri di luminosità, contrasto, vividenza, saturazione e bilanciamento colore.
Oltretutto l’effeto "deep of field" è stato ricreato manualmente ritagliando la figura di spiderbaby in primo piano, e sfocando le parti più lontane della stanza.
Avrei potuto utilizzare direttamente il programma, ma questo avrebbe comportato tempi di render ancora più lunghi.
L’immagine è stata renderizzata ad una risoluzione di 4100x 2308 pixel  per un tempo di elaborazione di circa 26 ore.
 
BS%2043
 
BABY%20SPIDERMAN

Grazie per aver letto l'articolo, e grazie alla redazione di Treddi.com per il bellissimo contest senza il quale non avrei
fatto spiderbaby :)