Vai al contenuto
Danko presenta la Wacom Cintiq Companion
By: Francesco La Trofa 5.197 •

Danko presenta la Wacom Cintiq Companion

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Nell'occasione della collaborazione con Wacom per la presentazione della Wacom Cintiq Companion, abbiamo l'occasione di proporvi la videorecensione di Daniele "Danko" Angelozzi. Wacom Evangelist e ZBrush Certified Instructor, Daniele è da molti anni un esperto nell'utilizzo dei dispositivi Wacom.
 
La conversazione che segue si focalizza su alcune tematiche descritte nel seguente video, oltre a mostrarci alcuni modelli realizzati da Danko mediante l'utilizzo dei dispositivi Wacom Cintiq.
 
 
Ciao Daniele, siamo lieti di poter collaborare con te per vedere all’opera la Wacom Cintiq Companion. Un’occasione per riflettere in senso più ampio circa le potenzialità creative che l’interaction pen display si troverà a dover soddisfare.
 
La tua esperienza di Evangelist ti ha portato a partecipare attivamente ai principali eventi e fiere sul territorio nazionale, entrando in contatto diretto con le esigenze di una vasta gamma di artisti, dal professionista affermato al semplice appassionato.
 

La Cintiq inizialmente era considerata un prodotto di nicchia, per così dire elitario, non solo dal punto di vista tecnologico. Qual è la tua sensazione attuale in merito, valutabile attraverso il contatto con il pubblico?
 
(Danko) Credo che più che di prodotto di nicchia, la Cintiq sia da considerare un prodotto di fascia alta, di fatto è la linea di prodotti Wacom progettata nello specifico per i professionisti del settore. In tal senso il costo non proprio popolare è una ulteriore riprova del fatto che la serie non sia pensata per l'hobbista, che sicuramente si accontenterebbe di molto meno, anche a livello di potenzialità tecniche rispetto ad un prodotto di questo genere.
Nonostante ciò, nell'epoca in cui un telefonino che vedi in giro persino in mano a molti liceali può arrivare a costare anche 7-800 euro, un dispositivo come la Cintiq 13HD touch ha sicuramente ampliato il bacino di utenza potenziale e effettivo, come ho potuto constatare durante le tante demo e fiere a cui ho partecipato di recente. Si tratta di un tablet che per caratteristiche tecniche e risoluzione non ha nulla da invidiare ai suoi fratelloni da 22 e 24 pollici.

 

chaserrendertest

 

Durante le tue dimostrazioni, trovi che la curva di apprendimento degli utenti nei confronti dell’interfaccia di una Cintiq sia meno ripida rispetto a quella offerta da una tablet pen tradizionale?
 
(Danko) Imparare a usare la Cintiq è una esperienza assolutamente molto più naturale del disegnare con un tablet pen tradizionale, in quanto come nel disegno su carta vi è l'assoluta coordinazione occhio/mano. Inoltre le interfacce wacom sono davvero pensate per essere plug and play, imparare a customizzare i tasti, touch ring e penna richiede un tempo medio tra i 10 e i 15 minuti.
 

fauno

 

Software come Z-Brush e Photoshop si integrano ormai alla perfezione con le tecnologie Wacom. Sul mercato ci sono però dei software più o meno emergenti in cui un input con sensibilità di pressione variabile offre dei vantaggi significativi, ma la loro integrazione è probabilmente acerba. Cosa ne pensi in merito?
 
(Danko) Ora come ora non mi vengono in mente software che usino i pressure level ma che non si integrino bene con i dispositivi Wacom. A dirla proprio tutta, paradossalmente proprio Adobe Photoshop, uno dei software più blasonati per il digital painting, si ritrova ad avere una integrazione davvero pessima con l'introduzione della nuova touch technology. Me ne sono reso conto dopo un anno e mezzo che avevo la Cintiq 24HD. Credevo fosse difettosa, invece grazie all'utilizzo con un altro software di digital painting, nello specifico Corel Painter, mi sono reso conto che il touch funzionava perfettamente sulla mia tavoletta, ma era Photoshop a non riconoscere i gesti a due dita per la navigazione e lo zoom. Un dettaglio che Adobe dovrebbe in qualche modo migliorare.
Altri programmi, specie quelli di modellazione classica come maya, max, modo, xsi, per quelle che sono le mie preferenze, ancora si prestano meglio ad essere utilizzati con mouse e tastiera, in quanto l'ampia gamma di comandi che fanno affidamento su combinazioni dei 3 tasti del mouse rendono l'uso della penna un pò meno intuitivo, in ogni caso più lento.
 

cyclop1

 

A Wacom non manca il coraggio di innovare, provare ad esplorare nuovi segmenti di mercato, anzichè accontentarsi di una posizione di monopolio praticamente indiscussa. La linea Companion conferma questa sensazione. Secondo te, anche considerando le successive evoluzioni, riuscirà a ritagliarsi la considerazione che è riuscita passo dopo passo a guadagnarsi la Cintiq tradizionale, specie con le eccellenti HD touch?
 
(Danko) Come accennato nella videorecensione, il prodotto sicuramente vale il suo prezzo. Ricordiamo che oltre a un mini computer con una cintiq appiccicata sopra, si tratta di un tablet con tutte le funzionalità, wifi, camera, facilità di trasporto e di utilizzo. quello che potrebbe un pò limitarne la diffusione è il prezzo non proprio popolare, che considerate le limitazioni di performance fisiologicamente associate a un tablet, mira ad una fascia di mercato di professionisti affermati che vogliono avere un sistema ready to play per viaggi e trasferte, ma non ha certamente la presunzione di rimpiazzare un ambiente desktop.
Sono un pò scettico sulla politica di non rendere la versione windows 8 utilizzabile come mera periferica esterna. Questo sarebbe una limitazione da abbattere per le prossime evoluzioni della Companion. Nelle mie analisi cerco sempre di essere imparziale, il più possibile obiettivo, nonostante la mia posizione di Wacom Evangelist. Se la Companion con Windows potesse interfacciarsi come periferica in ambiente desktop, a mio avviso riuscirebbe a convincere anche quei professionisti, o anche amatori per così dire avanzati, che non hanno un income dalla loro attività tale da poter investire quasi duemila euro per un prodotto che cmq non può da solo risolvere tutte le esigenze operative.
 

brigante2

 
La tua osservazione è assolutamente pertinente al pensiero comune, riscontrabile in diverse discussioni nella rete, a maggior ragione se si considera la situazione del mercato italiano. Sicuramente Wacom nel progettare la Companion ha fatto delle valutazioni di mercato più globali, anche se consentire alla versione con Windows di essere anch'essa... Hybrid, sicuramente allargherebbe il suo potenziale bacino di utenza.
Ti ringrazio Daniele e ti saluto con la classica domanda da un milione di dollari. A Natale, sotto l’albero, cosa vorresti che ti portasse Wacom?
 
(Danko) Potrebbe anche non portarmi nulla di nuovo, se mi lasciasse la Companion che ho parcheggiata qui in studio per la review. Grazie ed arrivederci alla prossima iniziativa.
 

statue

 

sniper

 
 

Comments

Grazie ottima overview! Personalmente non è discriminante da poco l'impossibilità di utilizzare la Companion come periferica una volta arrivato in studio/casa, impiego che avrei gradito per un sicuro acquisto.

Condividi questo commento


Link al commento

Bella lì :)

Sì alla Adobe dovrebbero anche decidersi a supportare il touch in modo soddisfacente su Photoshop...comunque se si attiva il "zoom with scroll wheel" nelle preferenze di Photoshop, poi il pinch to zoom funziona :)

Io invece con i pannelli a monitor e il radial menù mi trovo così bene che da un mese lavoro solo sul Companion e mi scoccia tornare su pc e Cintiq grande perchè mi mancano quelli (non ho mai amato dover tenere le mani anche sulla tastiera, quindi per me questo è il sistema definitivo), è anche vero che io in questo periodo sto solo disegnando, e il companion è fatto per disegnare principalmenre direi, e come illustratori ci si può lavorare anche solo su quello tranquillamente :) (il limite è il monitor 13", ma se si considera che tanti lavorano sulla cintiq 13HD, a quel punto... :))

Condividi questo commento


Link al commento

Min 6:26

Primo Problema:

C'è ne un trucco che ti permette di risolvere questo piccolo problema sui tutti i prodotti della Wacom.

Quando si va a "Calibrate" appare un schermo bianco con una croccia a sinistra.

Si deve clicare sulla croscieta per comincciare a calibrare.

 

INVECE di clicare diretamente sulla croscieta si clica un poc in dentro PER TUTTI i 4 punti.

 

Quest permeti alla Wacom di avere un schermo dicciamo un po piu piccolo che ci permete poi reginggere tutti angoli sullo schermo.

 

 

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

Eventi di grafica

×