RECENSIONE: DELL Workstation portatile M90 Core2Duo

Author : cecofuli

Wolf


Il modello di punta per i notebook di casa Dell è l'ormai famoso M90. Le sue caratteristiche permettono di considerare questo gioiello una tra le migliori workstation portatile. Questo grazie alla presenza della scheda video professionale per notebook più potente al mondo ed alla possibilità di montare gli ultimi processori Merom di produzione Intel. Vediamo la configurazione del portatile che verrà esaminato:

CPU: Core2Duo T7200 2 GHz
. Scheda video: Nvidia Quadro FX 2500 512 MB DDR on board
. RAM: 2 GB 667 MHz
. HD: 100 GB 7200 RPM
. Monitor: 17" 1920x1240
. Wireless
. Bluetooth
. Scheda di rete
. 6 porte USB
. Borsa
. Garanzia triennale 1 day business
. Garanzia triennale Accidental


Particolare attenzione va fatta per la garanzia. La 1 day business permette di avere il notebook riparato a domicilio entro la giornata lavorativa per danni legati propriamente alla macchina o danni, quali rottura gancetto chiuse del monitor, distacco di un tasto, rottura del lettore CD, di un HD, rottura del monitor, delle cerniere, delle ventole di raffreddamento.

La garanzia accidentale, invece, copre appunto datti accidentali, quali rovesciamenti di liquidi sulla tastiera o situazioni analoghe. Addirittura, se per sfortuna il notebook dovesse cadere dalla finestra e distruggersi completamente, verrebbe consegnato uno uguale o di uguali caratteristiche. Questo per tre volte nell'arco dei tre anni della garanzia.

Per i pixel del monitor rovinati, non funzionanti, invece, ci si rifà alle leggi europee. Non esiste la garanzia zero bad pixel.

Dopo l'invio del bonifico sono passati esattamente 10 giorni per l'arrivo dei due pacchi, notebook e borsa. Due giorni prima è arrivata tramite posta la rispettiva fattura di 2.350 euro Iva e trasporto compresa. All'arrivo ci sono due scatole, una contenente il notebook e una la borsa.

a

La borsa è veramente di ottima qualità.

b

Di dimensioni molto contenute se si pensa ad un 17", la busta interna contiene perfettamente il laptop, calzando a pennello. Addirittura tale busta fa rimanete sollevato il notebook dalla parete laterale di fondo, lasciandolo distaccato dai lati nel caso si volesse appoggiare la borsa per terra.

c

Le pareti sono ottime. Rinforzate a tal punto che sembra ci siano all’interno delle lamiere di acciaio! E' impossibile piegarle manualmente!!
Le cuciture sono di elevata qualità e la tasca anteriore permette, con alloggi dalle giuste dimensioni, di tenere in ordine tutto quello che serva, da un mouse, a cavi, alimentatori o HD esterni USB. Bisogna dire che questa tasca, sebbene all'inizio sembri piccola, risulterà invece molto capiente.

d

Sul lato esterno si trova una sacca realizzata in rete elastica che permette di alloggiare altre cose. Sulla parete posteriore vi è una busta porta documenti e almeno altre 4-5 spazi.

e

Il notebook risulta di dimensioni nella media, come anche il peso. L'alimentatore è addirittura più piccolo del Notebook Pavillon P4 3.2 HT. Molto bene!

f

La fattura è ottima e il cover in alluminio con il centro il marchio Dell è molto professionale. La chiusura del monitor è composta da due ganci il plastica. Il sistema audio è composto da 1 piccolo subwoofer posizionato nella pancia del notebook e da due casse, posizionate nella parte anteriore del notebook. Le cerniere del monitor sono molto buone, non fanno rumori strani e hanno un'ottima presa.

g

Ci sono poi le solite porte di rete, fireware, e ben 6 porte USB. Particolare attenzione va fatta riguardo a queste, in quanto le 4 posteriori sono posizionate molto distanti tra loro e non appiccicate come per altri notebook, il che può permettere di collegare apparecchi USB di dimensioni notevoli. Il lettore DVD permette la gestione del bit-setting. In questo modo è possibile masterizzare in modalità DVD-ROM.

h

Una delle cose che hanno stupito di più è la sua estrema silenziosità. Appena acceso, non si capisce se non grazie alle spie, se sta funzionando o meno. L'HD non si sente, la ventola della CPU sembra non esistere e quella della GPU entra in funzione quando la temperatura raggiunge gli 80°, cioè solo quando si utilizzano programmi 3D o giochi e anche qui il rumore è veramente basso. Il calore prodotto, anche sotto sforzo, non si stente quasi mai, se non nella parte alta della tastiera. I dissipatori sono messi in modo tale da espellere l'aria calda solo nella parte posteriore del notebook. In questo modo l'utente non si accorge quasi mai del calore prodotto. Un'altra caratteristica molto importante riguarda la zona anteriore del notebook, dove si appoggiano i polsi: è molto ampia, il che permette comodamente di appoggiarsi mentre si scrive ed è praticamente sempre fredda!

i

l

m

n

o


Una volta accesa la macchina con pre-installato il sistema XP Professional, si accorge  della qualità del monitor. Nessun alone nero o artefatti. Quello del Papillon, per esempio, mostra alcuni aloni scuri. La brillantezza del M90 non da fastidio e la risoluzione, se all'inizio potrebbe sembrare eccessivamente piccola, poi ci si fa l'abitudine, in virtù del maggiore spazio a disposizione.

E' stato giusto acceso e catturato alcune immagini di Win XP Pro dopo l'installazione Dell e per vedere se tutto era OK.

p

q

Appena arrivato è stato comunque formattato ed installato con X64. Dal sito Dell ci sono molti dei driver a disposizione, ma per la scheda di rete e il moden non vengono ne riconosciuti ne esistono i driver. Dopo varie ricerche si è riusciti a trovare i driver anche della scheda di rete, utilizzando quelli del XPS 700 e i sui driver per X64. Il modem 56k, vista la sua inutilità, verrà disattivato tramite bios.

Per chi come me fa molto uso del tastierino, la sua mancanza è un handicap, risolto con l'acquisto di una USB. Altro piccolo problema è la posizione del tasto canc, inserito all'interno della tastiera in una zona un po' scomoda. Infatti qualche volta accade di schiacciare inavvertitamente altri tasti. Ma anche qui basta un po' di confidenza.

r

Verrano utilizzati la Cornelbox per testare le prestazioni velocistiche della CPU e gli SPECViewperf 9 e 3DMARK per la scheda video.

CORNEL BOX

s

I risultati del M90 equipaggiato col T7200 di frequenza 2.0 GHz sono più bassi di circa il 5% del processore AMD 4400 il quale possiede invece una frequenza di 2.2Ghz.

SPECViewperfs 9

t

I risultati ottenuti con la Quadro FX 2500 sono molto elevati, addirittura in alcuni test più del doppio rispetto alla scheda Quadro FX 1400 montata sul Laptop di casa DPC. Il Papillon, con la sua X600 non fa testo.

3DMark2005

u

Bisogna specificare che la Quadro FX 2500 monta la stessa GPU della Nvidia 7900 GTX. Il che risulta chiaro dai risultati ottenuti col benchmark della futuremark. Le frequenza iniziali erano di 500 Mhz per la GPU e 600 per le ram. In overclock sono state oprtate stabilmente rispettivamente 620 Mhz per la CPU e ben 790 per le RAM. Questo ha permesso di superare la soglia dei 10.000 punti. L'OC è però possibile solamente flashando la scheda tramite bios, in quanto il pannello di controllo non permette nessun tipo di overclock.

CONCLUSIONI

Non c'è molto da dire, in quanto i numeri parlano da soli. Tanta potenza racchiusa in soli 3.5 Kg. Un "must" per chi non vuole rinunciare alla mobilità portando sempre con se una workstation grafica.  
Per migliorare le caratteristiche è possibile utilizzare i seguenti software:

. Coolbits 2.0: per attivare le funzioni nascoste presenti nel pannello di controllo della quadro FX 2500, quali, per esempio, il controllo della temperatura e della frequenza della scheda. Ricordo che però non ne permettono la modifica.

. nibitor e nvflash e nero per flashare la scheda video

. La  patch in allegato per attivare funzioni nascoste della scheda audio. Non funzionano  su XP 64bit.

Copyright@2006_cecofuli

---
Questo articolo è stato importato automaticamente dal forum il 31/lug/2014
Per vedere il post originale e/o i commenti sul forum prima di quella data clicca qui