Il Real Time Rendering è la nuova frontiera della progettazione architettonica nonché l’ultima avanguardia della visualizzazione digitale; si tratta di un semplice processo attraverso cui il computer è in grado di produrre una serie di immagini (dalla geometria 3D alle texture, alle luci ecc.) nel più breve tempo possibile (in tempo reale).

Lumion può essere considerato il capofila dei software Real Time, in quanto è stato definito non solo dagli sviluppatori ma dagli utenti stessi, una delle migliori risorse salva-tempo di sempre.

Il suo tallone d’Achille consiste tuttavia nelle caratteristiche hardware che il PC sul quale viene installato deve necessariamente avere; infatti come programma di rendering 3D sembra essere diverso dagli altri software CAD, in quanto le sue prestazioni dipendono dalla qualità della scheda grafica utilizzata; a tal proposito occorre eseguire una distinzione a seconda dell’utilizzo che s’intende farne:

Per prestazioni medio elevate per esempio, è consigliabile utilizzare una scheda grafica che segna un G3DMark di 10000 o superiore, con 4 o 6 GB di memoria ed una RAM non inferiore a 16GB (per esempio la NVIDIA GTX 1080).

Per progetti semplici e non particolarmente dettagliati sarà sufficiente utilizzare una scheda che segni una G3DMark di 6000 o superiore, con almeno 2 GB di memoria ed una RAM non inferiore a 16GB (come per esempio la NVIDIA GTX 1050).

Per progetti molto complessi servono schede video di livello superiore e di ultima generazione come la NVIDIA GTX 2080 Ti con 8 o 10 GB di memoria.

Nonostante il grande limite del software sia la compatibilità con il solo sistema Windows, escludendo così gli utenti Mac OS dal suo utilizzo, sembra essere il più utilizzato negli ultimi tempi soprattutto per la rappresentazione del paesaggio (Architettura del paesaggio).

L’interfaccia è tra le più semplici sviluppate per software 3D, intuitiva e dinamica ricorda quella di un videogame; per comprendere la semplicità possiamo per esempio analizzare il settaggio di una camera:

1 - Una volta avviato il programma basterà dirigersi nella scheda “carica scena”, caricare il progetto, muoversi liberamente al suo interno e lasciare la viewport dell’immagine che si vuole renderizzare.

2 - A questo punto occorre aprire il pannello “Crea Immagine” e cliccare semplicemente sull’icona della macchina fotografica: tale icona permette di scattare virtualmente delle immagini in bozza, così da scegliere quelle da sviluppare in via definitiva.


91c915c6e4c0b4051cb8d6e6c181513f.png

 

3 - Spostandosi all’interno del modello ed inquadrando mano a mano tutti i punti che desideriamo renderizzare, scattiamo quindi il nostro set di immagini (per i render esterni è consigliato aumentare la lunghezza della focale a 28mm).

4 - A questo punto settando la camera all’altezza desiderata attraverso gli appositi tasti cursore sullo schermo e scegliendo il punto centrale del nostro render attraverso il focus dell’obiettivo, qualora volessimo un render orizzontale, sarà necessario cliccare sul livello occhi orizzontale ed evitando di spostare la scena con il passaggio del mouse, cliccare su “memorizza camera”.

5 - Una volta acquisite le immagini desiderate sarà possibile creare un Set di Render ed attraverso l’apposito tasto verde posizionato alla fine degli slot, entrando in un pannello che mostra tutte le viste acquisite, è possibile selezionare quelle desiderate e cliccare su “renderizza scatti”: i render saranno pronti in pochi minuti essendo Lumion un Instant Rendering Engine.

Alla fine di questo processo Lumion dà la possibilità all’utente di modificare i render in post-produzione utilizzando stili precostituiti oppure personalizzando lo stile secondo i gusti dell’utente attraverso decine di diversi settaggi, come l’esposizione, la nitidezza, le ombre, la color correction ecc.

Di seguito alcuni render di esempio realizzati da Gregorio Pantanali, architetto freelance, tramite il programma.

dd9c3342c374a52f792e83ff39f2d471.jpg

5a07082124f282ef67ad32eac3238f61.jpg

a3e287d2945787dba4977eb3eb40f232.jpg

La semplicità e velocità del software permette quindi di risparmiare tempo, velocizzare il workflow di produzione ed aumentare la quantità di lavoro nel long term.

Se siete interessati ad approfondire l'argomento, grazie ad un accordo tra Treddi e la scuola di formazione online GoPillar Academy, gli utenti di Treddi possono acquistare il corso completo di Rendering e post-produzione con Lumion (15 ore di video-lezioni da poter vedere comodamente in qualsiasi momento) al prezzo di 99€ anziché 349€.


---

note - l'articolo fa parte di una collaborazione editoriale tra Treddi.com e GoPillar Academy