Vai al contenuto
Leonardo3 - Quando il 3D incontra Leonardo da Vinci
By: Francesco La Trofa 6.883 • 1

Leonardo3 - Quando il 3D incontra Leonardo da Vinci

Leonardo 3 - "Il mondo di Leonardo" una mostra in 3D

Nel viaggio alla scoperta delle iniziative più esclusive legate al 3D abbiamo avuto modo di incontrare Leonardo3, un centro studi con sede a Milano, che si occupa di ricerca e divulgazione dell'opera di Leonardo Da Vinci.

Leonardo3 è stata fondata da tre soci: Mario Taddei, Massimiliano Lisa ed Edoardo Zanon che, uniti da una grande e comune passione per Leonardo hanno sviluppato un modello di business davvero originale per la loro azienda. 

Finalizzare alla fruizione pubblica i risultati di studi innovativi su Leonardo è un'iniziativa originale, che conferma come sia possibile sviluppare business grazie alla cultura.

Se supportata da un illuminato spirito imprenditoriale, un'iniziativa di carattere culturale può sostenersi e produrre iniziative di successo, senza ricorrere all'assistenzialismo pubblico. I risultati di Leonardo3 sono davanti agli occhi di tutti: una mostra itinerante che, da molti anni è richiesta in tutto il mondo, e la mostra "Il mondo di Leonardo", aperta nel 2013 in piazza Scala a Milano, prorogata fino al 31 dicembre 2016 dopo il grande successo ottenuto nel periodo di Expo 2015.

 

L'ingresso della Mostra "Il mondo di Leonardo" a Milano, facilmente riconoscibile arrivando da Piazza della Scala.

 

Parliamo di Iniziative in grado di attrarre centinaia di migliaia di visitatori. L'obiettivo della nostra esperienza è stato quello di voler capire nel dettaglio in cosa consistono allestimenti museali di questo genere, come sono stati creati e in che termini si propongono nei confronti del visitatore.

 

La mostra "Il mondo di Leonardo" gode di un'allestimento estremamente vario, che spazia dalla ricostruzione delle macchine di Leonardo in scala 1:1, ad exhibit multimediali in grado di "raccontare" i suoi celebri Codici o garantire esperienze immersive all'interno degli ambienti che caratterizzano i suoi capolavori.

 

LEONARDO3 - Da centro studi a media company

Nel corso degli anni, il centro studi si è occupato di acquisire documenti ed effettuare una serie di studi utili a ricostruire i materiali per le pubblicazioni e gli allestimenti. Dalle macchine agli exhibit interattivi.

Attraverso un'azione progressiva e instancabile sono stati fotografati in altissima risoluzione migliaia di documenti originali, che costituiscono i famosi Codici di Leonardo. Dai dati acquisiti, sono stati effettuati numerosi studi, per ricostruire le macchine e la storia dei celebri dipinti che hanno reso celebre il genio da Vinci in tutto il mondo, dove è unanimemente riconosciuto tra i più grandi artisti di tutti i tempi.

Un'operazione che in alcune circostanze non ha mancato di creare qualche polemica, dal momento che i risultati hanno talvolta smentito le conclusioni di precedenti studi, svolti prevalentemente in ambito accademico. Un aspetto inevitabile, che non ha condizionato qualitativamente l'esito dell'attività di Leonardo3, che ha sempre cercato di sostenere autonomamente i propri sforzi. Anzichè puntare sulla via del finanziamento pubblico, l'azienda milanese ha creato un modello in grado di sostenersi economicamente in modo autonomo, basandosi sulla credibilità di un'attività di ricerca dimostrata dalle stesse installazioni che vengono proposte nelle mostre. 

 

Gli exhibit progettati e sviluppati da Leonardo3 recepiscono pienamente i principi di base dell'edutainment, quello di garantire ad un'ampia fascia di pubblico un'esperienza educativa all'insegna del divertimento. Per sviluppare questi strumenti Leonardo3 utilizza correntemente diversi software. La soluzione 3D di riferimento è Autodesk 3ds Max.

 

La popolarità di Leonardo, unita al valore aggiunto delle ricerche svolte dal centro studi, ha consentito a Leonardo3 di lavorare con profitto su una serie di iniziative editoriali. Decine di libri, contenuti multimediali e speciali per la televisione, prodotti in oltre dieci anni di attività.

Il core business di Leonardo3, come anticipato, è costituito dalle mostre.

L'obiettivo dichiarato è divulgare l'opera di Leonardo da Vinci per coinvolgere un pubblico eterogeneo. Adulti e bambini possono godere e apprezzare l'esperienza museale grazie alla logica di edutainment con cui l'allestimento stesso è stato progettato in ogni suo dettaglio.

 

L'installazione multimediale dedicata alla "Dama con l'Ermellino" consente al visitatore della mostra di interagire con il dipinto, scoprendo tutti i dettagli che caratterizzano la sua rappresentazione. Così come l'Ultima Cena e la Gioconda, altre installazioni presenti nella mostra "Il mondo di Leonardo", anche la Dama con l'Ermellino propone il restauro digitale, risultato di studi analitici mirati a ricostruire l'opera così come realizzata da Leonardo. Un caso eclatante è proprio l'Ultima Cena, conservata a Milano presso Santa Maria delle Grazie. Oggi il dipinto parietale è quasi irriconoscibile rispetto all'opera originale, in quanto stravolto da secoli di successivi interventi e restauri non filologici. L'immagine attuale non corrisponderebbe con quella prodotta da Leonardo alla fine del Quattrocento, se non per quanto riguarda la composizione generale. Molti dettagli sono stati definitivamente persi.

 

LEONARDO3 - Mostre e allestimenti.

I materiali prodotti sono gli elementi alla base dell'allestimento della mostra itinerante e del museo Leonardo3.

I visitatori possono vedere le ricostruzioni delle macchine di Leonardo, interagire con exhibit multimediali che descrivono i famosi codici con l'aiuto dei modelli 3D. La ricostruzione in 3D dell'ultima cena, con cui scoprire il suo restauro digitale, con tantissimi dettagli e curiosità di che non si trovano sui classici volumi di storia dell'arte.

L'allestimento è in fase di progressivo ampliamento, come dimostrano il restauro digitale della Mona Lisa e della Dama con l'Ormellino, aggiunte successivamente all'apertura del 2013.

 

Leonardo è celebre anche per la progettazione di molti strumenti musicali. L'allestimento di Leonardo3 è in grado di proporre sia la ricostruzione che le informazioni relative alle varie parti che compongono strumento, così da illustrarne il funzionamento. Queste informazioni sono  risultato dell'approfondita analisi condotta sugli elaborati originali, contenuti nei Codici di Leonardo.

 

exhibition-cannone-musicale.jpgexhibition-cannone-musicale2.jpgUnveiling dell'installazione dedicata al "Cannone musicale", tratto dal Codice Arundel. In alto, particolari della ricostruzione dello strumento.

 

Il Museo Leonardo3, per quantità di materiali e varietà nell'allestimento si presta sia ad una visita veloce che ad un'esperienza molto approfondita, in grado di durare anche molte ore.

Una mostra con una quantità di contenuti immensa, a dispetto di una superficie espositiva composta da poche sale. La tecnologia è in grado di ottimizzare gli spazi, rendendo molto meno dispersiva l'esperienza del visitatore, se confrontata ad un modello espositivo tradizionale. Grazie al grado di interazione con le installazioni multimediali presenti nella mostra, è il visitatore stesso a decidere il grado di approfondimento ed i tempi della propria visita.

 

Mario Taddei descrive ai media l'installazione dedicata al Manoscritto B di Leonardo. Strumenti come questo sono il risultato degli studi e delle ricerche in cui Leonardo3 è costantemente impegnata all'interno della propria sede a Milano. Una volta finalizzati, vengono presentati in tutto il mondo. La curiosità nei confronti di Leonardo da Vinci è enorme, e garantisce il successo di iniziative su scala planetaria, dagli Stati Uniti all'estremo Oriente.

 

Per approfondire gli aspetti relativi all'allestimento ed altre curiosità, abbiamo incontrato Mario Taddei, il responsabile studi e ricerche di Leonardo3. Quella che segue è l'introduzione dell'intervista realizzata presso la mostra "Il mondo di Leonardo".

 


 

L'intervista integrale sarà pubblicata in due uscite successive.

Ulteriori dettagli sono correntemente disponibili sul sito ufficiale di Leonardo3.


Pagina 1 di 3:
Comments

heheh ho ancora un libro di Mario Taddei, Creare videogiochi, sempre per 3ds max. Mi fa piacere che sono andati avanti.  La mostra sarà sicuramente interessante.

Condividi questo commento


Link al commento

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

Eventi di grafica

×