Vai al contenuto
LA NUOVA GAMMA DI WORKSTATION 3DWS: la serie X R3
By: Francesco La Trofa 2.857 •

LA NUOVA GAMMA DI WORKSTATION 3DWS: la serie X R3

Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Dopo molti mesi di ricerca e messa a punto, i laboratori di 3DWS finalmente annunciano l’arrivo di una nuova generazione di workstation: la serie X R3.
 
In continuità con il successo della serie X R2, la terza evoluzione dell’intera famiglia di workstation completa un percorso già iniziato circa un anno fa, con il rilascio ufficiale della 3X R3, la linea entry level dedicata soprattutto agli studenti e ai professionisti che non necessitano della potenza assoluta, ma di una macchina comunque in grado di gestire un’ampissima gamma di scene 3d. Caratteristiche che hanno decretato il suo successo negli studi di architettura, specie per tutte le macchine utilizzate soprattutto per la progettazione.
 
Il resto della serie X R3 si compone da quattro modelli di riferimento, che ereditano la sigla delle precedenti versioni: AX, BX, CX e DX, in quella che potremmo definire una vera escalation di potenza e tecnologia.
Vediamo dunque una panoramica per capire soprattutto in cosa consiste l’innovazione prodotta da questo rinnovamento integrale e quali sono le potenzialità a disposizione di chi vorrà rinnovare il parco macchine del proprio studio o avvicinarsi per la prima volta all’impiego di una workstation targata 3DWS.
 
Tutte le linee X R3 supportano memorie ram DDR4 e le nuove NVIDIA Quadro Kx200, cui dedicheremo una review specifica, per comprendere nello specifico quali sono i vantaggi in termini prestazionali introdotti dalla naturale evoluzione della serie Kx000. Particolare attenzione è stata dedicata al contenimento del consumo energetico, fattore oltremodo rilevante se si considera che parliamo di prodotti in grado di operare 24/7 in condizioni di full load in condizioni di assoluta stabilità.
Tutto questo al solito prezzo. Si, le X R3 costeranno come i modelli equivalenti della generazione che le hanno precedute.
 
3DWS AX R3
 
Davvero tante le novità introdotte in questa versione. Due le CPU di base previste: Xeon E5 1650v3 o il più economico Xeon E5 2620v3, che montano entrambe sei core (+HTT). Si sale con la configurazione fino al top previsto per questa serie, ossia il Xeon 2650v3, che può contare su 10 core (+HTT).
 
La quantità di memoria ram installata è stata aumentata a ben 32 GB DDR4, espandibili fino a 64 GB, equivalenti a 4 banchi da 16 GB. Nella review dedicate potremo valutare in maniera analitica quelli che sono stati i vantaggi a livello di performance nel salto effettuato dalle ormai storiche DDR3 alle DDR4 di ultima generazione.
 
Per la scelta della scheda video si prevede il modello entry level: la Nvidia Quadro K620, dotata di 2 GB ram e 384 CUDA core. In esclusiva allo shop di treddi.com si può configurare anche una Quadro K420, per consentire una configurazione low budget, molto utile, come vedremo nella review dedicata, soprattutto a chi non lavora con scene molto pesanti o intende in ogni caso utilizzare la AX soprattutto per un supporto in fase di rendering.
 
I dischi previsti offrono una gamma di configurazione piuttosto variegata. La base HDD prevede l’unità da 1 TB classe ES. A livello di SSD è stata confermata la fiducia di 3DWS alle unità prodotte da Intel, con la collaudatissima serie 530. In entrambi i casi stiamo considerando uno standard “enterprise” workstation e server professionali, i cui vantaggi, sia in termini prestazionali, ma soprattutto di affidabilità, risultano ben superiori rispetto a quelli previsti per la fascia tipicamente consumer e generalista. La nuova AX R3 supporta fino a 6 HDD/SSD e un dispositivo M.2 installato direttamente sulla scheda madre.
 
Tutto è alimentato da un 550 watt ESP, Active PFC 80+ Bronze. Si tratta anche in questo caso di una linea totalmente rinnovata rispetto al modello da 520 watt che alimentava le versioni AX R2.
 
3DWS BX R3
 
La sorella maggiore della serie AX trova la sua configurazione di base con la cpu Intel Xeon 1650v3 e 32 GB DDR4. La prima novità è la capacità di installare fino a 8 banchi di memoria, per un totale complessivo di 128 GB DDR4. La cpu più potente prevista per il top della configurazione a processore singolo è il Xeon E5 2697v3, che conta su ben 14 core: 28 thread considerando anche il supporto della tecnologia HTT.
 
Previsto il supporto della seconda e (su specifica richiesta) anche della terza scheda video, sempre individuata nel parco di offerta della gamma Nvidia Quadro di più recente generazione. Si parte dalla K2200, GPU serie Maxwell con 640 CUDA core con 4 GB GDDR5, si arriva alla K5200, 2304 CUDA core con 8 GB GDDR5.
A differenza della versione R2, la nuova BX R3 può montare anche le schede TESLA e TITAN, previste come unità GPU destinata nello specifico al calcolo.
 
Le unità disco previste sono le stesse del modello AX, varia il numero massimo di unità HDD/SSD installabili, pari a 8, con l’opzione di installare anche in questo caso un drive M.2.
L’alimentazione della BX è garantita da un’unità 650 watt ESP, Active PFC 80+ Bronze nel caso di una configurazione a singola GPU o di 750 watt quando sono previste due schede video.
 

R3 front

Il podio dell'intera gamma X R3. Al centro spicca il case formato "workstation" selezionato da 3DWS per assemblare le linee CX, DX e la linea RS. Ai lati, da sinistra, rispettivamente i case dei modelli BX e CX

 
LA FASCIA ALTA - CX, DX, CX-M e RS
 
Le linee AX e BX R3, pur facendo un bel salto in avanti in termini di potenza e innovazione tecnologia, mantengono la filosofia che aveva caratterizzato la configurazione delle R2. Le sorelle maggiori, al solito siglate CX, CX-M e DX, arriveranno con le rispettive versioni R3 con un leggero ritardo, in quanto sono ancora in fase di affinamento alcune procedure di ricerca per arrivare alla conferma delle configurazioni definitive. Le novità tecnologiche sono tantissime, per quanto riguarda le caratteristiche dei chipset, bios totalmente rinnovati ed altri particolari che richiedono una fase di testing e aggiornamento da parte dei produttori certamente maggiori rispetto alle linee a singola CPU, dove la rivoluzione è stata tutto sommato più contenuta.
 
Ai modelli storicamente dotati di una motherboard dual Xeon, si aggiungerà una versione speciale, attualmente in fase di sviluppo, il cui nome in codice è RS. Questa versione rimarrà in esclusiva a 3DWS. Non la ritroveremo sullo shop di treddi, ma condivideremo in ogni caso le informazioni di riferimento per chi fosse interessato ad una workstation che secondo le prime indiscrezioni si preannuncia davvero incredibile.
 
3DWS CX R3
 
Rispetto alla versione R2, la CX viene rinnovata sostanzialmente nella filosofia. In estrema sintesi, potremmo affermare che la CX R3 è l’equivalente di una DX R3 con l’installazione di un solo processore, rispetto ai due che la motherboard è in grado di ospitare.
Nel dettaglio delle singole review, sono denotate differenze più raffinate che giustificano sostanzialmente la duplice linea nel catalogo, ma la principale innovazione è proprio quella di poter ammortizzare l’investimento senza rinunciare ad una piattaforma dual processor.
 
Perchè questa piccola rivoluzione, quando 3DWS storicamente ha sempre mostrato un certo ostracismo rispetto a questo tipo di politica, dettato sostanzialmente da ragioni di marketing, più che di reale attinenza con le prestazioni di una workstation? Per un motivo molto semplice. Le crescenti richieste da parte degli utenti e la crescente linearizzazione delle performance e dalla longevità garantita dalle roadmap dei processori intel Xeon.
 
In questo modo, è possibile acquistare oggi una workstation dual processor con una sola CPU installata, che garantisce in ogni caso delle performance di alto livello, con la previsione di un upgrade nei mesi seguenti.
I processori attualmente previsti sulla CX R3 sono i seguenti: Dual CPU 2620v3 (6 core + HTT), 2630v3 e 2640v3 (8 core + HTT), 2650v3 e 2660v3 (10 core + HTT); Single CPU dal 2670v3 e 2680v3 (12 core + HTT) al 2697v3 (14 core + HTT).
 
3DWS DX R3
 
La DX R3 rimane il punto di riferimento per la classe Ultra High End. La workstation senza compromessi in termini di prestazioni, in grado di garantire il massimo supporto in ambito professionale, anche nella gestione di progetti davvero molto impegnativi in termini di risorse.
A differenza della “sorellina” della linea CX, la DX R3 è esclusivamente proposta in versione Dual CPU, in un case a misura workstation, con un form factor particolare, ottimizzato per questo genere di macchine, dalle dimensioni comprese tra un mid ed un big tower.
 
La CX e la DX hanno la possibilità di installare 256 GB DDR4, ma è prevista una versione speciale che consente di raggiungere addirittura 512 GB DDR4. Una quantità tale da creare un certo imbarazzo nella distinzione tra lo storage dedicato ai dischi fissi e quello garantito dalla memoria RAM.
Garantita tutta la gamma di schede video Nvidia Quadro a partire dalla K2200.
 
Per quanto riguarda le CPU, la DX R3 si pone dichiaratamente al top della gamma, con un “entry” level caratterizzato da un dual Xeon E5-2670v3, dotato di 12 core + HTT per processore, così come i fratelli maggiori 2680v3 e 2690v3. Salendo ulteriormente di livello ritroviamo le coppie E5-2695v3 e E5-2697v3, dotati di 14 core + HTT per processore: 28 core complessivi, che con il supporto della tecnologia HTT garantiscono ben 56 thread di calcolo. Cifre che fino a poco tempo fa andavano ricercate necessariamente in una renderfarm.
 

R3 back

 
3DWS CX-M
 
Novità assoluta nel catalogo di 3DWS, la CX-M conferma l’attenzione del reparto di ricerca e sviluppo diretto dall’ing. Dimitar Dinev nei confronti delle richieste e dei suggerimenti degli interessati e degli appassionati di hardware.
Si tratta di un modello Dual CPU basata su una linea di processori che va dal Intel Xeon E5-2620v3 al E5-2660v3, il tutto bellamente assemblato all’interno del case utilizzato per la linea BX.
 
Logicamente, rispetto alla sorella maggiore, la CX-M ha qualche limitazione nella dotazione dovuta alle minori quantità di spazio disponibili, ma anche alcune peculiarità specifiche che la rendono in ogni caso un mostro in termini di performance. Non va affatto sopravvalutata. I numeri dimostrano che non stiamo assolutamente parlando di una versione light della consolidata linea CX.
Alimentata dalle stesse PSU previste sulla linea BX, la nuova CX-M come abbiamo visto è limitata al 2660v3, sostanzialmente per il fatto che lo spazio ridotto del case consente un raffreddamento ottimale fino a due cpu che non superano i 105 Watt TDP, valore che viene superato a partire dal 2670v3 in su.
 
La CX-M può montare fino a due schede video, dalla Quadro K420 alla K5200, ma è anche l’unica workstation in catalogo ad essere venduta anche sprovvista di una VGA. Persino senza scheda audio, nel caso in cui si prevedesse un impiego da render node puro. Dotata di due USB 3.0 e due USB 2.0 sia frontalmente che nel retro, la CX-M è disponibile anche in versione KVM over IP. Tutta la linea è dotata di 2 ethernet GBPS.
 
Assente il supporto M.2, è comunque possibile una configurazione (opzionale e su specifica richiesta) dotata di controller RAID LSI 3008 con supporto per 8 unità 12 GB SAS e un’ulteriore opzione per 2x 10 GBPS Base-T ethernet. Specifiche che portano la CX-M verso una vera e propria configurazione server, oltre che, come abbiamo visto, workstation e render node. I sistemi server per ora non saranno ancora inseriti nello shop di treddi.com, a causa dell’elevata specificità della loro configurazione, che renderebbe piuttosto complessa l’impostazione di un configuratore, oltre a prevedere un essenziale supporto a livello di consulenza, che i tecnici di 3DWS garantiscono prima ancora di definire la configurazione da preventivare. Proprio per capire di quanta potenza, di quanto storage, di che genere di RAID, di quanta banda e tante altre caratteristiche specifiche di un server, il potenziale acquirente abbia realmente necessità.
 
La nuova CX-M nasce per soddisfare le esigenze di chi vuole tanta potenza in poco spazio, ma anche per chi prevede di utilizzarla avendo già a disposizione una workstation principale, dunque come seconda workstation e render slave senza scendere a compromessi in termini di performance. Oppure come vero e proprio server. Potremmo considerarla il jolly della nuova linea di workstation. Certamente la configurazione più eclettica tra quelle disponibili sullo shop di treddi.com
 
3DWS RS
 
Il progetto top secret di 3DWS è la linea RS. Dichiaratamente corsaiola, nel senso di un’autentica fuoriserie, configurata su misura per garantire il top raggiungibile non tanto sul mercato, quanto in assoluto a livello tecnologico a seconda delle specifiche richieste. Un progetto sartoriale che monta esclusivamente CPU E5-2698v3 (16 core + HTT) e E5-2699v3 (18 core + HTT), supportati da un’alimentazione a partire da 1200 Watt reali, 80+ Gold EPS, con uno storage capace di trasferire dati in lettura/scrittura a 1,5 GB/secondo su connessione SATA Express. Prevista l’intera gamma di schede Nvidia Quadro a partire dalla K4200.
 
Un mostro capace di sprigionare 72 bucket in rendering via CPU. Non verrà prodotta in serie. Sarà possibile riceverla su ordinazione dopo aver configurato ogni preventivo in base alla richieste più specifiche ed esigenti in termini di performance. Ragioni che la pongono al di fuori dello standard di riferimento delle tempistiche standard previste dallo shop di Treddi.com. I tempi di consegna previste partono dalle due settimane lavorative.
 
Non sarà pertanto inserita nel nostro catalogo, rimarrà come si suol dire nel privè, ma potrete consuetamente utilizzare i canali tradizionali dello shop per ottenere tutte le informazioni relative a questo progetto, per cui non è attualmente prevista una review pubblica.
 
 
 
 

Comments

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

Eventi di grafica

×