Vai al contenuto

Logo

Michele71

my CG Portfolio

Registrato: 29 set 2008
Offline Ultimo attivo: Oggi, 15:29
*****

#999117 Notturno

Inviato s homer in Oggi, 11:31

IBL con Mental Ray in 3ds max.

Immagine inserita


#999102 Intersezione vertex-edge

Inviato elvios in Ieri, 18:10

Visualizza Messaggiocarmelo81, il 31 luglio 2015 - 11:38, ha scritto:

come si interseca un vertice (A) con un bordo ( B) e quindi dividere il bordo in due?
Prova anche le  funzioni dell'add-on mesh tinyCAD.

Visualizza MessaggioMichele71, il 01 agosto 2015 - 12:10, ha scritto:

Come faccio ad eliminare questa "trsparenza" veramente fastidiosa?
Il tuo è un problema di clipping.
Il valore clip start della viewport è troppo basso o la mesh è piccola.


#999058 Trex

Inviato Giullep in 31 luglio 2015 - 16:05

Fatto con Zbrush, Keyshot e ps...spero possa piacere..ciao

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


#999067 Intersezione vertex-edge

Inviato peperepe77 in 31 luglio 2015 - 22:12

Michè...più veloce con doppia pressione di G, o 2 volte G come si vuol dire :P :D :D
(salutatemi perchè ora il mod. mi bannerà a vita :( )


#999065 Multiscatter 1.3.5.2 in 3ds max 2016

Inviato mOcrAm in 31 luglio 2015 - 21:12

è disponibile la versione 1.3.5.6 compatibile con 3ds max 2016 e vray 3.2


#999051 Pc Infetto

Inviato enri2 in 31 luglio 2015 - 13:46

Vai in pannello di controllo-->programmi e funzionalità, e visualizza i sw secondo la data, probabile che gli adware che hai preso siano dovuti ad un programmino installato a tua insaputa, che potresti trovare li, disinstalla. Poi successivamente, io ho sempre risolto con MalawareByte, versione free, facendolo partire semplicemente, casomai disattiva l'antivirus prima. E' una procedura semplice, comunque segui i consigli sopra scritti, saranno certamente risolutivi, ma se vuoi maggiore semplicità, prova i suddetto metodo.
La cosa sconcertante è che spesso ho beccato adware semplicemente installando dei semplicissimi freeware conosciutissimi, scaricati dai siti web ufficiali, e senza nessun avvertimento, come segni di spunta ecc, è vergognoso!


#998962 3 statue del Monumento a G.Verdi

Inviato uazzo in 29 luglio 2015 - 17:16

Scusa Michele 71 hai ragione.

Le statue fanno parte del Monumento del centenario dedicato a Giuseppe Verdi.
Tale monumento era situato nella città di Parma ma nel 1945 fu bombardato ,in seguito fu abbattuto
per dare spazio all'edilizia pur potendolo restaurare. Non aveva subito gravi danni.

Ho ricostruito l'intero monumento e le 28 statue avendo pochissimo materiale a disposizione.
Delle 28 statue ne restano solo 9 e 20 bozzetti. Del monumento restano solo alcuni progetti
in forma cartacea.

Veniamo al metodo da me utilizzato per ricostruire il tutto.
Per il monumento ho utilizzato 3ds max e mental ray per i render e ps per un a parte di post produzione
Per le statue ho utilizzato un sw per cattura fotografica 3d tipo 123d cath, poi le ho rifinite in z-brush.
Purtroppo per le statue avevo solo fotografie frontali dell'epoca come riferimento, ma una volta capito
lo stile dello scultore Ettore Ximenes sono riuscito a completarle.
Vi sono circa 2 minuti di animazione realizzate con 3ds max, mental ray ,af,e final cut.

Spero questa spiegazione sia esaustiva nel descrivere la mia metodologia.

Tra ricerca e lavorazione il progetto è durato circa un'anno e mezzo.
Per ora posso pubblicare poche immagini.

Grazie a presto


#998956 3 statue del Monumento a G.Verdi

Inviato uazzo in 29 luglio 2015 - 15:17

Mostro 3 statue delle 28 che ho scolpito.
 
Come vi sembrano?

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


#998829 Ciao sono Fernando

Inviato nando001 in 26 luglio 2015 - 14:59

ma certo
ecco un qualche img

Immagini allegate

  • PSI1.jpg
  • medusa.jpg
  • minotauro.jpg



#998803 un po di chiarezza sulle tipologie di licenze

Inviato statib in 25 luglio 2015 - 15:02

Ciao a tutti
Sperando di fare cosa gradita, vorrei postare qualche informazione sulle licenze, sia per i software ma in generale per ogni creazione o elaborato.

Un paio di premesse.
Cerchero di essere molto sintetico visto che l argomento è vastissimo e diventerebbe frustrante e noioso accludere argomenti piu teorici che pratici.

In particolare Vado a includere solamente le licenze "a gratis", chiamiamole cosi, perche sono quelle che piu sono in fermento.
Tralascero le licenze propietrie, perche non avendo un vero e proprio "standard" sono difficili da inquadrare, essendo in realta dei veri e propri contratti, possono accludere norme specifiche per ogni singolo software.


_____________________________________________________________________________

Partiamo con le 2 licenze che spesso incontriamo:

a ) Copyleft

Individua un modello di gestione dei diritti d'autore basato su un sistema di licenze attraverso le quali l'autore (in quanto detentore originario dei diritti sull'opera) indica ai fruitori dell'opera che essa può essere utilizzata, diffusa e spesso anche modificata liberamente, pur nel rispetto di alcune condizioni essenziali. Nella versione pura e originaria del copyleft (cioè quella riferita all'ambito informatico) la condizione principale obbliga i fruitori dell'opera, nel caso vogliano distribuire l'opera modificata, a farlo sotto lo stesso regime giuridico (e generalmente sotto la stessa licenza). In questo modo, il regime di copyleft e tutto l'insieme di libertà da esso derivanti sono sempre garantiti.

sito di riferimento: http://www.copyleft-italia.it/



b ) Creative Commons

Sono alcune licenze di diritto d'autore redatte e messe a disposizione del pubblico dalla Creative Commons (CC).
Queste licenze, in sostanza, rappresentano una via di mezzo tra copyright completo (full-copyright) e pubblico dominio (public domain): da una parte la protezione totale realizzata dal modello all rights reserved ("tutti i diritti riservati") e dall'altra l'assenza totale di diritti (no rights reserved).
La filosofia su cui si fonda lo strumento giuridico delle licenze CC si basa sul motto some rights reserved ("alcuni diritti riservati"): è l'autore di un'opera che decide quali diritti riservarsi e quali concedere liberamente.

Le licenze Creative Commons (attualmente alla versione 4.0) sono idealmente strutturate in due parti: la prima parte indica le libertà concesse dall'autore per la propria opera; la seconda, invece, espone le condizioni di utilizzo dell'opera stessa.
Le libertà

Le due libertà sono:
1) Creative Commons Free To Share Libertà di copiare, distribuire o trasmettere l'opera.
2) Creative Commons Free To Remix Libertà di riadattare l'opera.

Le condizioni di utilizzo dell'opera
Le condizioni di utilizzo dell'opera sono quattro e a ognuna è associato un simbolo grafico allo scopo di renderne più facile il riconoscimento:

1) BY Attribution - Permette che altri copino, distribuiscano, mostrino ed eseguano copie dell'opera e dei lavori derivati da questa a patto che vengano mantenute le indicazioni di chi è l'autore dell'opera.
2) NC NonCommercial - Permette che altri copino, distribuiscano, mostrino ed eseguano copie dell'opera e dei lavori derivati da questa solo per scopi non commerciali.
3) ND No Derivative Works - Permette che altri copino, distribuiscano, mostrino ed eseguano soltanto copie identiche dell'opera; non sono ammesse opere derivate.
4) SA Share Alike - Permette che altri distribuiscano lavori derivati dall'opera solo con una licenza identica o compatibile con quella concessa con l'opera originale.

sito di riferimento: http://www.creativecommons.it/


_____________________________________________________________________________

Le licenze vere e proprie fanno riferimento alle seguenti "categorie":

a ) Free Software
Il software libero è software pubblicato sotto i termini di una licenza libera, ovvero che ne incoraggia l'utilizzo, lo studio, la modifica e la redistribuzione.

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Libertà 0: Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo.
Libertà 1: Libertà di studiare il programma e modificarlo.
Libertà 2: Libertà di ridistribuire copie del programma in modo da aiutare il prossimo.
Libertà 3: Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio.

La maggior parte del software libero è distribuito con queste licenze:

GNU General Public License (GNU GPL)
GNU Lesser General Public License (GNU LGPL)
Licenze BSD (licenza originale, licenza modificata e licenza semplificata)
Mozilla Public License (MPL)
Licenza MIT/Expat
Licenza Apache
Eclipse Public License (EPL)
European Union Public Licence (EUPL)

sito di riferimento: http://www.fsf.org/


b ) Open Source
Open source (termine inglese che significa sorgente aperta), in informatica, indica un software di cui gli autori (più precisamente i detentori dei diritti) rendono pubblico il codice sorgente, favorendone il libero studio e permettendo a programmatori indipendenti di apportarvi modifiche ed estensioni. Questa possibilità è regolata tramite l'applicazione di apposite licenze d'uso. Il fenomeno ha tratto grande beneficio da Internet, perché esso permette a programmatori geograficamente distanti di coordinarsi e lavorare allo stesso progetto.

Secondo la Open Source Definition affinché si possa parlare di una licenza open source è necessario che tale licenza soddisfi contemporaneamente tutte le condizioni sotto indicate.

1) Ridistribuzione libera. La licenza non può impedire ad alcuna parte in causa la vendita o la cessione del software. Chiunque deve poter fare tutte le copie che vuole, venderle o cederle, e non deve pagare nessuno per poter fare ciò.

2) Codice sorgente. Il programma deve includere il codice sorgente. Codice deliberatamente offuscato non è ammesso. Questo in quanto il codice sorgente è necessario per modificare o riparare un programma.

3) Opere derivate. La licenza deve permettere modifiche e opere derivate e deve consentire la loro distribuzione sotto i medesimi termini della licenza del software originale, in quanto il software serve a poco se non si può modificare per fare la manutenzione ad esempio per la correzione di errori o il porting su altri sistemi operativi.

4) Integrità del codice sorgente dell'autore. La licenza può proibire che il codice sorgente venga distribuito in forma modificata solo se la licenza permette la distribuzione di pezze ("patch file") con il codice sorgente allo scopo di migliorare il programma al momento della costruzione.

5)Nessuna discriminazione contro persone o gruppi. La licenza deve essere applicabile per tutti, senza alcuna discriminazione per quanto nobile possa essere l'obiettivo della discriminazione. Ad esempio non si può negare la licenza d'uso neanche a forze di polizia di regimi dittatoriali.

6) Nessuna discriminazione di settori. Analogamente alla condizione precedente, questa impedisce che si possa negare la licenza d'uso in determinati settori, per quanto questi possano essere deplorevoli. Non si può dunque impedire l'uso di tale software per produrre armi chimiche o altri strumenti di distruzione di massa.

7) Distribuzione della licenza. I diritti relativi al programma devono applicarsi a tutti coloro ai quali il programma sia ridistribuito, senza necessità di esecuzione di una licenza aggiuntiva.

8) La licenza non dev'essere specifica a un prodotto. I diritti relativi a un programma non devono dipendere dall'essere il programma parte di una particolare distribuzione di software.

9) La licenza non deve contaminare altro software. La licenza non deve porre restrizioni ad altro software che sia distribuito insieme a quello licenziato.

10) La licenza deve essere tecnologicamente neutra. Nessuna clausola della licenza deve essere proclamata su alcuna singola tecnologia o stile di interfaccia.

sito di riferimento http://opensource.org/


c ) Freeware
Il termine  freeware indica un software che viene distribuito in modo gratuito. Non è da confondere con il Free software, i software Freeware come anche gli Sharware possono essere di proprietà di softwarehause che ne detengono i diritti tramite licenza propietaria, per cui non sempre sono liberamente utilizzabili o modificabili.


ps1: ovviamente visto che ho copiato brutalmente da wiky ne inserisco il link http://it.wikipedia.org
ps2:argomento complesso no? bene dai mi impegno a tenerlo aggirnato e se avete suggerimenti o modifiche da includere, ben venga.


#998658 Vray - effetto vetro "sporco"

Inviato philix in 22 luglio 2015 - 18:40

Cerchi in google immagini
'finger scratches texture'
e
'scratches texture'

Scarichi le mappe che ti piacciono, ti assicuri che i graffi e le macchie siano nere su sfondo bianco o grigio (il grigio determina la quantità dell'effetto di trasparenza e/o riflessione), le metti:
1 - nello slot della riflessione se il vaso riflette solo
2 - nello slot della rifrazione se il vaso è anche trasparente

Quando ci prendi mano puoi iniziare a sperimentare anche con gli slot del glossyness sia per le riflessioni che per le rifrazioni.


#998656 Pokèmon Scene 3d Unity

Inviato spartanx in 22 luglio 2015 - 18:13

Ciao a tutti di treddi questo è stato il mio primo esperimento con zbrush e unity 3d

Immagine inserita


#998617 tow mater tribute

Inviato dgraphics in 22 luglio 2015 - 06:39

un mio personale tributo a  crichetto di cars della pixar, ogni critica e osservazione è bene accetta.
spero vi piaccia

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


#998618 Jack O'Lantern - ispirato ad un'illustrazione di J. B. Monge

Inviato gurugugnola in 22 luglio 2015 - 07:04

In questi giorni di caldo ho terminato questo WIP che era fermo da un pò... più che altro perchè ho voglia già di passare ad un altro soggetto ^_^
Questo è il sito dell'artista, Jean Baptiste Monge, a cui mi sono ispirato.

Jack_O_Lantern.jpg

La versione stampata in 3d in PLA

3d priint Jack O Lantern.jpg

e un breve video




#998498 Nebaquila's liquid simulation studies

Inviato Nebaquila in 19 luglio 2015 - 23:25

Ciao a tutti ho completato il progetto del fiume e nel frattempo ho pure dato 2 esami ^^

Ecco qui com'è venuto. Non sono particolarmente soddisfatto ma considerato che ci ho lavorato di notte (mangiando a volte latte e biscotti) direi che è già tanto che sono riuscito a portarlo a termine.


Per questo progetto ho usato per la prima volta Vray per il rendering e Nuke per il compositing e devo dire che l'interfaccia a nodi di quest'ultimo è molto più comoda rispetto ai livelli di AE. Se vi interessa guardate questo video, l'ho trovato molto istruttivo:


Per la risoluzione, non mi sono potuto spingere oltre i 1280x720. Il rendering ha impiegato circa 2 giorni (ho lanciato diversi render) con impostazioni di GI davvero basse, causa del flickering visibile soprattutto all'inizio. Ho dovuto abbassare anche i samples di riflessioni e rifrazioni per tutti i materiali e diminuire il numero dei rimbalzi dei raggi.

Alla fine ho renderizzato la schiuma assieme al fluido principale, per cui ho dovuto creare 2 mesh(ho usato Frost) in totale e appesantire ulteriormente la scena. Ho toccato 6Gb di Ram in rendering.

Anche per spray e bubble è stato creato uno shader apposito dipendente dalla velocità delle particelle.

Intendevo inserire il pass per il vapor d'acqueo ma realflow esporta i dati volumetrici in .vdb e non sono riuscito a caricarli in Max usando il renderKit. Ammetto di non averci perso molto tempo. Magari faccio qualche altra prova; avevo letto un articolo di Luis Miguel in cui insegnava ad esportare il mist pass in formato .bin.

Attualmente sto cercando di imparare Houdini, o quanto meno di avvicinarmi.Ci ho provato più volte negli ultimi 2 anni ma l'interfaccia a nodi mi risultava un po' ostile. Adesso invece la trovo più semplice e immediata.

Vado un po' a rilento con questo WIP, non riesco a dedicarci il tempo necessario. Pensavo di fare qualche corso di FX, magari su Houdini ma prima devo farmi le basi...studiare sempre da autodidatta forma molto è vero ma non è la strada più veloce.

Scusate se mi sono dilungato un po' troppo, spero vi piaccia il lavoro, e alla prossima :hello:

p.s. sul compositing ho ancora molto da imparare.