Vai al contenuto

Logo

fedor

my CG Portfolio

Registrato: 26 ott 2006
Offline Ultimo attivo: ott 27 2014 20:44
****-

#981079 Create il vostro Sito Web in pochi semplici passi!

Inviato D@ve in 25 settembre 2014 - 15:46

Sono lieto di annunciarvi un nuovo progetto di Treddi.com: il myTreddiSite.

Che cosa è il myTreddiSite?
Il Treddisite è un servizio che Treddi.com mette a disposizione di tutti i suoi utenti registrati.
In pochi semplici passi potrete avere il vostro sito web automatico accessibile all'indirizzo http://tuousername.treddi.com

Come posso fare per aggiornare i dati del mio myTreddiSite?
Per aggiornare il tuo sito web devi andare nella Gallery cliccare sul bottone verde 'Edit myTreddisite' che trovi nel tuo portfolio.
Una volta aggiornati i campi indicati potrai vedere le modifiche sul tuo sito web.

Quali sono i campi che posso modificare?
Tutte le sezioni presenti sul sito possono essere modificate:
  • Home: immagine di sfondo, il titolo e il sottotitolo.
  • About: logo e descrizione.
  • Portfolio: immagini da visualizzare.
  • Contatti: i tuoi dati di contatto.
Quali sono le principali caratteristiche del mio myTreddiSite?
Caratteristiche principali del myTreddisite.

Versione BASE (gratuita):
- Sezioni del sito: Home, About, Portfolio e Contatti
- Contenuti personalizzabili in pochi semplici passi
- Portfolio personalizzato (numero di progetti limitato)*
- Sistema di gestione dei contatti anti SPAM
- Sharing dei progetti sui più diffusi social network

Versione PREMIUM (solo per chi ha un account Premium)
- Nessuna pubblicità aggiuntiva nelle varie sezioni del sito
- Sezioni: Home, About, Portfolio e Contatti
- Sistema di gestione dei contatti anti SPAM
- Contenuti personalizzabili in pochi semplici passi
- Portfolio personalizzato senza limite di immagini
- Catalogazione immagini del portfolio (coming soon)
- Home page con possibilità di aggiungere tre diverse immagini (coming soon)
- Statistiche di accesso al sito Web (coming soon)
- Sito Web ottimizzato per il mobile
- Sharing dei progetti sui più diffusi social network
- Manutenzione e assistenza gratuita del sito

Qualche esempio di utenti che hanno già completato il loro sito Web.
http://miysis-studio-3d.treddi.com/
http://tredistudio.treddi.com/
http://delta-tracing.treddi.com/
http://zatta-3d.treddi.com/

*in questo periodo di beta testing questa limitazione non sarà applicata.

Come sempre fateci avere il vostro feedback!


#980762 Partecipare al Corso per Disegnatore autocad 2d-3d.

Inviato gurugugnola in 20 settembre 2014 - 19:19

sicuramente imparare autocad è alla portata di chiunque seguendo un corso di 240 ore, non servono particolari doti se non un minimo di conoscenze di disegno tecnico e geometria... ti consiglio di seguire questo corso gratuito perchè anche nel tuo settore vengono utilizzati dei cad, in alcuni casi particolari ho visto utilizzare in settore elettronico proprio autocad (ad esempio per grandi impianti fotovoltaici), e imparato uno gli altri non si discostano poi molto ;) almeno come logica


#980761 Partecipare al Corso per Disegnatore autocad 2d-3d.

Inviato algosarK in 20 settembre 2014 - 18:48

devi scindere tra strumenti e capacita: il cad è uno strumento. autocad è uno dei tanti cad esistenti al mondo. se non hai le competenze per progettare qualcosa, sapere usare un cad è poco utile, per cui non esiste di base la competanza/settore so usare il cad, se mai so progettare con l'aiuto di un cad. Se non sei perito anche sapere usare autocad ti serve poco. In 240 ore autocad si impara tutto e molto di piu. Il cad delle pelletterie di solito è diverso da autocad.


#980334 3ds max 2015 add selected objects to hilighted layer

Inviato uazzo in 15 settembre 2014 - 15:55

Grazie Michele71 , sia per la soluzione spero provvisoria che immagino risolveranno con sp3? sp4? sp5? sp1000?


Ho letto purtroppo e mi viene da piangere più che ridere.
Ho letto anche che è tra i suggerimenti per autodesk 3ds max.


Certo che una ne fanno e cento ne distruggono.



Ma chi fa i test ha le pigne nel cervello, deduco non disposte in layer separarti.


#979367 Mouse , mouse tap o trackball per salvare la mano da problemi?

Inviato roberto2004 in 03 settembre 2014 - 15:57

tieni!

http://www.amazon.it...mouse verticale


#231691 Configurazione E Forma

Inviato gurugugnola in 16 giugno 2006 - 15:11

LA FORMA
Una delle tante definizioni per distinguere configurazione e forma: "la forma è la configurazione visibile del contenuto", in pratica la configurazione ci informa sulla natura di un oggetto attraverso l'aspetto esterno (forma, colore...). La configurazione non si percepisce come la forma di un determinato oggetto particolare, ma come forma di un intero genere di oggetti.
Un oggetto particolare non ha sempre lo stesso aspetto di tutti gli altri membri dello stesso genere (o specie).
L'identità di un oggetto quindi non dipende dalla sua configurazione, piuttosto dal suo scheletro strutturale e su questo in alcuni casi particolari può influire l'orientamento nello spazio:
se ruotiamo un triangolo o un rettangolo agli occhi di uno spettatore non apparirà mai come una nuova forma, mentre se ruotiamo un quadrato potrebbe apparire come un rombo... in questo caso non cambia solo il nome, ma anche la natura della figura che passerà da stabile a dinamica.
Immagine inserita
Sull'orientamento spaziale incide anche l'orientamento ambientale, se attorno al rombo mettiamo una cornice rettangolare ugualmente inclinata la figura interna sarà + facilmente interpretata come un quadrato inclinato
Immagine inserita
Un altro sistema d'orientamento spaziale e fornito dall'organo dell'equilibrio che in ogni situazione e posizione ci avverte della direzione della forza di gravità, prendiamo ad esempio un triangolo isoscele appoggiato alla base e capovolto
Immagine inserita
Come per il rombo e il quadrato, ma in maniera + evidente, si ottiene con un cambiamento radicale di posizione un cambiamento dinamico importante (equilibrio e precarietà).

Le proiezioni
Il cervello ci fa percepire la proiezione retinica di un oggetto come è fisicamente, guardando un tavolo da qualsiasi posizione sappiamo che è rettangolare anche se ci appare (all'incirca) così solo quando il piano del tavolo è perpendicolare al nostro punto di vista.
Alcune persone (aiutate spesso dalla conoscenza dell'oggetto) riescono, attraverso una sorta di "vista tattile", a immaginare tridimensionalmente un oggetto senza doverlo prendere in considerazione in una determinata vista.
Quando si vuole riprodurre una scena o un oggetto su una superficie piana (ad esempio una pittura) si fa un operazione di traduzione arbitraria, si sceglie un punto di vista che creerà determinati contorni e nasconderà alcune facce.
Un metodo di rappresentazione "primitiva" (ad esempio le raffigurazioni egiziane o i disegni dei bambini) punta a una traduzione sul piano meno ambigua possibile, cercando di suggerire per ogni oggetto della scena quale sia la sua natura fisica indipendentemente dalle regole geometriche della prospettiva.
Nel metodo realistico invece non ci si preoccupa di scegliere un punto di vista che potrebbe fuorviare sulla natura di qualche oggetto in scena o nascondere alcune informazioni.
In ambedue la traduzione rappresenterà il tutto, non potendolo però rappresentare nella sua completezza per i limiti del medium (il foglio bidimensionale) il tutto viene suggerito.
Quindi in qualsiasi tipo di rappresentazione bidimensionale è inevitabile la sovrapposizione (dovuta dalla scelta dell'inquadratura) di oggetti (o parti di oggetti). Queste interferenze non devono essere negate perchè contribuiscono a dare dinamicità a una scena, l'importante che nei punti di contatto questi oggetti devono essere visti separati tra loro e appartenenti a piani diversi.
Una rappresentazione senza sovrapposizione, come ad esempio la vista frontale di un personaggio fatta da un bambino, ci da solamente il concetto di esistenza ma non ci comunica altre implicazioni legate alle sue azioni.
La sovrapposizione in un dipinto viene usata spesso per regolare la gerarchia degli oggetti presenti in scena.

Profondità
La tridimensionalità è un arricchimento; inizialmente le scene pittoriche erano divise per fasce o schiere, poi si passa alla sovrapposizione per ottiene gli stacchi tridimensionali tra primo piano –piano intermedio – sfondo, infine si arriva a tradurre la profondità come un continuum tra primo piano e sfondo (si va dalla costanza di profondità 0% alla costanza 100%, raramente arrivando a toccare queste posizioni intermedie).
La disposizione per raggruppamenti nella tridimensionalità descrive una situazione geografica più o meno realistica, ma ha un minore simbolismo in confronto agli schemi proiettivi.
Come si è già detto di un oggetto tridimensionale visto da un determinato punto in un preciso istante non è visibile più di un aspetto e i lati mancanti vengono dedotti dalla somma delle impressioni parziali dell'immagine complessiva, è inevitabile quindi che l'artista prediliga determinati aspetti da visualizzare a preferenza di altri.
Nel rinascimento la scelta doveva essere la più rispondente allo scopo dell'artista, nella pittura primitiva non segue questa regola e presenta gli aspetti più significativi di ogni parte trascurando il punto di vista.
Comunque raramente nella pittura primitiva troveremo in un' immagine più di un aspetto dello stesso oggetto (si evitano le ripetizioni come ad esempio una vista frontale e da dietro dello stesso oggetto) se non per scopi decorativi; alcuni bizzarri esempi sono presenti nell'arte dei nativi americani, nell'arte vasaria greca, nell'arte ornamentale orientale e nei capitelli romanici di animali presentati come "srotolati" su una superficie piana (mostri con una testa e due corpi).
Anche nel Cubismo si ritroveranno combinazioni di diverse vedute nella stessa unità globale ma con l'intento di identificare l'oggetto con la proiezione pittorica.

Realismo
Esistono letture giuste e sbagliate delle rappresentazioni pittoriche, il modo giusto è determinato dallo stile del periodo. Tutta la gamma delle rappresentazioni e degli stili è accettabile sia per chi condivide la visione dell'artista, sia per chi si deve adattare a questa visione.
Il pubblico difronte alla fotografia e al cinema in bianco e nero ebbe una fortissima illusione della realtà che stranamente non fu accentuata di molto con l'avvento del colore, ma con l'avvento delle nuove tecniche sonore che sono in grado di ricreare gli effetti di profondità e spazialità.

Immaginare la forma
Quando si crea un'immagine non si deve partire dalla proiezione ottica del soggetto, bisogna compiere una trasposizione di un equivalente tramite le sue caratteristiche del medium. Il tentativo di trovare nel modello la sua forma figurativa è destinato a fallire, ad esempio il profilo di un oggetto riportato su carta (o su un altro medium bidimensionale) è una riduzione al contorno, una linea che in natura non esiste. Mentre afferrare la somiglianza strutturale tra l'oggetto e la sua rappresentazione è una formidabile impresa di astrazione che viene suggerita anche dal medium.
Oltre al medium e alle proprietà fisiche dell'oggetto influiscono nella rappresentazione lo stile dettato dalla cultura corrente o lo stile personale dell'artista.
Questa correlazione tra rappresentazione e medium non è limitata al campo artistico, ma in ogni pratica rappresentativa (carte stradali, disegni, modelli).
Se si osserva uno stesso tema o particolare in diverse opere si nota che esistono un'infinità di rappresentazioni diverse ma ugualmente valide, la capacità di creare un pattern incisivo è chiamata "immaginazione artistica" (trovare forma nuova a un vecchio contenuto, o meglio: nuovo concetto per vecchio soggetto).
Tra le varie soluzioni la più convincente (sempre in relazione al periodo storico in cui è stata creata) risulterà l'unica possibile.

L'astrazione
È il modo di esercitare libertà da parte dell'artista, la massima astrazione si ottiene attraverso disegni fortemente schematici in cui sono riportati un minimo di elementi strutturali (tratti semplici e regolari, ordinati e simmetrici). Queste caratteristiche si ritrovano in varia misura nell'arte bizantina (al fine di smaterializzare l'uomo e il mondo), nei disegni primitivi (strumento pratico e simbolico), in certa arte moderna occidentale (distacco dalla realtà, l'artista diventa un osservatore egocentrico) e in maniera estrema nella pittura di schizzofrenici (la semplificazione, l'ordine e la simmetria viene estremizzata).
Solitamente un alto grado di astrazione, la semplicità e la simmetria rigida non vengono usate in arte, piuttosto nel campo dell'ornamento e della decorazione. In un quadro, in una fotografia (o in altre produzioni artistiche) la troppa simmetria e regolarità rischia di produrre un effetto statico e a volte comico.
Per quanto riguarda invece le immagini tecniche o illustrazioni dovendo presentare la "cosa in se" è importante l'uso della semplicità, del raggruppamento ordinato, sovrapposizioni "chiare". L'uso della prospettiva e dell'illuminazione devono essere utilizzate sempre in funzione della comunicazione dei caratteri essenziali dell'oggetto. Bisogna tralasciare ogni dettaglio inutile e evidenziare in maniera non ambigua gli elementi rilevanti, un disegnatore tecnico incaricato di riprodurre fedelmente un meccanismo, un ingranaggio o un organo interno di un essere vivente deve essere in grado di creare (esattamente come farebbe un'artista) uno schema che si adatti all'oggetto e che spighi al meglio la funzione.
Per questo è importante la buona conoscenza dell'oggetto che si deve interpretare, i disegni scientifici di Leonardo sono sorprendenti perchè procedeva prima con una fase accurata di studio che gli permetteva poi di creare pattern percettivi (organizzati in maniera molto complessa) di semplice lettura.
In questi casi allontanarsi dalla apparenza "fotografica"può essere molto utile, un altro esempio chiarificatore sono le cartine informative delle aziende di trasporto cittadino in cui c'è una rinuncia completa di tantissimi particolari topografici e geometrici se non l'ordine delle fermate e delle coincidenze.
Immagine inserita


#978032 problemi con matte/shadow - 3dmax 2010 - Mental ray

Inviato Michele71 in 11 agosto 2014 - 11:44

Ho fatto un po' di prove ed effettivamente l'illuminazione globale determinata da sunlight (mr) da problemi. Quindi mantenendo l'exposure control attivato, devi sistemare i parametri di Physical Scale, background scale (map) e l'illuminazione in generale:

test2.jpg

In sostanza, l'illuminazione determinata dal sole, cozza con il mach camera map presente in environmet, dato che  sia il FG che la GI calcolano i pixel presenti nell'immagine in modo fisico. Quindi aumentando i valori di Multiplier in camera map, si "aggira" tale problema:

test3.jpg

Per ricapitolare, i valori di "Unitless", "multipliier" e l'intensità delle luci devo collaborare reciprocamente. Fai delle prove e vedi cosa esce fuori...

Sotto un prova volante di tutto il discorso. Il parallelepipedo brucia un po', ma con l'ausilio dei valori dell''environmet ecc, si può fare meglio..

test.jpg


#977656 Cabin house

Inviato Thuyet Nguyen in 03 agosto 2014 - 13:19

3ds max, Vray & Photoshop Immagine inserita Immagine inserita


#977302 Intersection

Inviato Francesco Corvino in 29 luglio 2014 - 18:45

Concept Art Immagine inserita


#975937 Differenza tra modellazione poligonale, subdivision e NURBS.

Inviato philix in 13 luglio 2014 - 15:06

Inizia a leggere questo:
http://www.treddi.co...ipi-e-tecniche/

Poi passa a questo:
http://www.treddi.co...rface-modelling

Poi, per un'infarinata sulla modellazione nurbs:
http://www.treddi.co...01-introduzione


#973932 Gnak

Inviato D@ve in 12 giugno 2014 - 13:40

Questo è lo Gnak, un simpatico animaletto nato dalla mia fantasia. Immagine inserita


#971752 The Wallpaper

Inviato tredistudio in 12 maggio 2014 - 13:22

An ADV project realized in collaboration with the Christophe Gilbert Studio.
We realized the girl body and the wallpaper that cover her.
All was insert on the photography by Christophe Gilbert.
All the final post process was made by the Christophe Gilbert Studio. Immagine inserita Immagine inserita


#971884 PROBLEMI VISUALIZZAZIONE RHINOCEROS 5

Inviato Rhino91 in 14 maggio 2014 - 08:59

tutto risolto!!

c'erano degli oggetti molto lontani sul file CAD che facevano impazzire la scala di Rhino

grazie Fedor!


#971849 Visibilità portfolio utenti sul forum!

Inviato D@ve in 13 maggio 2014 - 14:50

Ciao ragazzi,
avrete sicuramente visto che adesso quando aprite una nuova discussione viene visualizzato il vostro portfolio di progetti che avete postato su Treddi.com (come potete vedere ad esempio proprio qui sopra a questo post).

Questo ci aiuterà a portare avanti il progetto che vorremmo realizzare di dare ad ognuno di voi e alle vostre creazioni una sempre maggiore visibilità..

Invito per questo tutti ad aggiornare il vostro portfolio con i lavori che desiderate condividere..

Vi invito inoltre a dare i vostri like ai progetti che vi piacciono maggiormente e a dare il vostro contributo nel forum postando commenti e suggerimenti che possano aiutare ognuno di noi a migliorarsi sempre di più..come è lo spirito della nostra Community.

Vi prego inoltre di non esitate a contattarmi per qualsiasi dubbio sui portfolio, perplessità, commento, critica costruttiva...
^_^

PS: vi ricordo che ogni utente iscritto ha accesso al suo 'sito personale' all'indirizzo http://tuonome.treddi.com dove tuo nome è il nome che avete scelto al momento dell'iscrizione e che potete modificare andando nelle impostazioni dell'account.


#969188 3ds max 2015 disponibile il download in Subscription

Inviato mOcrAm in 01 aprile 2014 - 22:11

peccato che si noti l'alone bianco attorno al 5 e il bottone della 2015 non è uguale agli altri :devil: